Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Confidi, un ponte verso le banche
di Adriano Bonafede
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 20 luglio 2009

I Confidi assistono in questo momento circa l'1,3 per cento del credito erogato in Italia con una garanzia mediamente del 50 per cento su ciascun finanziamento. Sfruttando il loro patrimonio in modo efficiente e con contributi pubblici "in sussidiarietà" i Confidi possono aumentare questa soglia di un terzo in due/tre anni, raggiungendo il 2 per cento del totale. Con un beneficio notevole per le piccole e medie imprese, a cui finiscono i prestiti garantiti dai Confidi.
I Confidi sono dei consorzi di garanzia collettiva dei fidi che svolgono attività di prestazione di garanzie per agevolare le imprese nell'accesso ai finanziamenti, a breve medio e lungo termine, destinati allo sviluppo delle attività economiche e produttive. Le banche delineano i modelli di rating delle imprese basandosi su moduli statistici e tendo conto dell'andamento economico; i Confidi forniscono un parametro qualitativo, grazie alla conoscenza dell'impresa, che consente valutazioni più efficienti sulla sostenibilità finanziaria dell'investimento. I Confidi riescono a valutare le prospettive di sviluppo territoriali e di settore e ad ottenere una serie di informazioni sull'azienda e sulla sua reputazione, in virtù del rapporto di fiducia che normalmente s'instaura tra confidi ed associato. «I Confidi dice Alessandro Carpinella, associate partner di Kpmg Advisory svolgono un'attività fondamentale: garantiscono il credito non alle imprese più o meno decotte, ma a quelle che hanno un merito creditizio più sostanziale che formale».
I Confidi nascono come espressione delle associazioni imprenditoriali di categoria nei vari comparti (industria, commercio, artigianato e agricoltura). I primi consorzi fidi, o cooperative di garanzia, vengono costituiti già nel 1956 per facilitare l'accesso al credito alle piccole imprese.
Il governo ha chiamato di recente i Confidi a svolgere un ruolo più incisivo nell'assicurare i finanziamenti alle piccole e medie imprese, necessario per fronteggiare gli effetti deleteri della recessione in atto, che colpisce con più virulenza proprio le piccole e medie imprese.
Per questo motivo è stata varata una norma che favorisce un processo di aggregazione tra le strutture. Per il sistema dei Confidi nazionale è infatti appena iniziata una nuova importante stagione di cambiamento. Per i Confidi che superano la soglia di 75 milioni di attività finanziaria (in termini di garanzie al credito) scatta infatti l'obbligo previsto dall'articolo 107 del Testo Unico Bancario di iscrizione all'albo degli intermediari finanziari.
La trasformazione dei Confidi in intermediari finanziari fa rientrare a pieno titolo la loro attività nel perimetro della vigilanza di Banca d'Italia. Questo comporta notevoli cambiamenti sotto il profilo organizzativo ed operativo. I Confidi che saranno iscritti all'albo dovranno istituire nuove funzioni (IT, Internal Audit, Vigilanza), ma soprattutto per molti di loro c'è la necessità di aggregarsi per raggiungere la soglia prevista dal TUB ai fini dell'iscrizione all'albo. Kpmg Advisory stima che delle circa 800 strutture attualmente esistenti in Italia, già per la fine di quest'anno e per l'inizio del prossimo, il 75% del mercato si consoliderà nelle mani di 35-40 operatori.
Un buon rapporto dei Confidi con le banche è essenziale per garantire alle Pmi un flusso di finanziamenti. Le due più grandi banche, Unicredit e Intesa Sanpaolo, hanno fatto entrambe degli sforzi particolari per raggiungere un buon risultato. Impresa Italia, il progetto da 7 miliardi di finanziamenti a tassi agevolati lanciato da Unicredit Group a favore delle pmi italiane (di cui 3 miliardi destinati alle microimprese), è pienamente entrato nella sua fase 2: dopo l'attivazione delle convenzioni con circa 360 Confidi locali, si è registrata una partenza in forte accelerazione delle delibere di nuovi finanziamenti, che procedono per le piccole imprese al ritmo sostenuto di 45 milioni alla settimana. Nonostante la partenza record, il plafond resta comunque in grado di continuare a garantire erogazioni a condizioni agevolate almeno per 18 mesi. Nello specifico, il progetto Impresa Italia ha avuto un vero e proprio boom nella regione Emilia Romagna, seguita dalla Sicilia, dal Piemonte e dal Lazio. Accanto ai 7 miliardi destinati al progetto Impresa Italia, Unicredit ha proseguito nella sua ordinaria attività di concessione di finanziamenti alle piccole imprese. A metà giugno le tre banche retail hanno continuato il loro sostegno alle microimprese che accusano maggiormente la crisi mettendo a disposizione oltre 4,8 miliardi di finanziamenti a breve e a mediolungo termine per circa 80 mila pratiche, rispondendo positivamente alle richieste di tre piccole imprese su quattro.
Intesa Sanpaolo ha invece siglato nei giorni scori un accordo per favorire l'accesso al credito delle Pmi: nei prossimi tre anni l'istituto erogherà finanziamenti fino a 60 miliardi di euro. L'intesa prevede un plafond di 5 miliardi per l'accesso al credito delle piccole e medie imprese.
Un tema emergente è se adesso i criteri di Basilea 2 siano o no troppo stringenti e debbano essere sospesi, soprattutto per le piccole imprese, finché non sia passata la recessione. Questa, ad esempio è la posizione della Confindustria. All'Abi, però, non sono d'accordo: «Quello su cui si discute adesso è, come ha chiesto il ministro Tremonti, di allungare i piani di ammortamento dei finanziamenti alle imprese o di effettuare una moratoria di alcuni mesi».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
La felicità sul posto di lavoro non è un lusso e non va...
Quante partite Iva può avere la stessa persona?
Alert, i debiti tributari ora fanno paura
Procedure di allerta, sei mesi in più per le nano imprese
Indici di crisi a misura d'impresa. Controlli ogni tre mesi
Srl, i criteri per scegliere se nominare un revisore o un...
Revisori e sindaci per le Srl, la miniguida alla scadenza del...
Errori fiscali: conseguenze e rimedi
Revisori solo nelle grandi srl
Sempre più scomoda la poltrona dei cda nelle società
Addio profitto, scopo dell'impresa è la felicità di chi ne fa...
Amministratori delegati della srl con obbligo di informativa...
ISA 2018, le modifiche
Revisori srl imparziali anche se nominati
Se vuoi pensare come un leader, devi agire come un leader
Lavoro, le quattro competenze che fanno la differenza e...
Le 5 regole indispensabili per dare un feedback davvero...
Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi...
Una spinta a Pir e venture capital
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Lavoro e disabilità: guida pratica per l'azienda
Il successo della riforma dipende dall'OCRI: un accorato...
Sulle finanze ti aiuta il revisore
Lehman, il crac degli "altri" che piegò le banche italiane
Il D.Lgs. 81/2008 "Testo Unico sulla Salute e Sicurezza...
La valutazione civilistica delle commesse pluriennali
OIC 11 - Finalità e postulati del bilancio d'esercizio...
Lo Z-Score di Altman: 5 cose da conoscere per usarlo meglio
La correzione degli errori di bilancio
Categorie al fotofinish sul Gdpr
Privacy, rischi da valutare subito
Lezione giapponese: così gli Yes Men affossano le aziende
L'impresa familiare brilla più dei rivali
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
10 motivi per assumere un manager cinquantenne
Più tempo per la formazione
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Una chance per risollevarsi dalle crisi, le aziende chiedono...
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
Se le riunioni sono lunghe o inutili: così le aziende tagliano...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)