Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.062
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Confidi a caccia di nuovi fondi
a cura della Redazione
Il Sole 24 Ore
Mercoledì 5 maggio 2010

La crisi mette sotto pressione il sistema dei confidi. Le imprese faticano a restituire i finanziamenti alle banche. E i consorzi di garanzia ne rispondono. La strategia di trasformazione in intermediario vigilato, così, diventa croce e delizia.
Chi è già sottoposto alla vigilanza della Banca d'Italia dovrà trovare i soldi con cui rispettare i coefficienti patrimoniali indicati da Via Nazionale. Chi invece ha presentato la domanda, ma non ha avuto ancora il placet, può tirare un sospiro di sollievo: ripuliti i conti nel precrisi e archiviato un 2010 segnato dal deterioramento dei crediti, quando arriverà l'ok di Palazzo Koch tutto sarà più semplice. Le cose si sono messe male già l'anno scorso. Secondo Federconfidi, che raduna i consorzi di matrice industriale, i finanziamenti concessi dalle banche in essere al 31 dicembre del 2009 sono aumentati del 38% attestandosi a 12,1 miliardi e le garanzie in essere rilasciate dai confidi sono salite della stessa percentuale, a 5,2 miliardi. A livello di mercato, secondo i conteggi di Assoconfidi (riunisce tutte le federazioni), gli affidamenti garantiti in essere sono saliti del 20,7% a 45 miliardi di euro e le garanzie rilasciate del 21% a 22 miliardi di euro. Peccato che, soltanto per i consorzi associati a Federconfidi, le posizioni insolute pagate dai confidi alle banche siano state pari a 40 milioni di euro, con un incremento del 23 per cento.
«Già nel 2009 - dice Massimo Perini, presidente del Confidi Province Lombarde - abbiamo provveduto a rafforzare la nostra fisionomia patrimoniale grazie a 3,5 milioni di euro dati dalla Camera di commercio di Milano e a 5 milioni di euro di prestito subordinato dalla Regione Lombardia». Dunque per Confidi Province Lombarde, che l'anno scorso ha avuto finanziamenti in essere per 1,1 miliardi (+13%) e garanzie in essere per 700 milioni (+13%), il problema dell'equilibrio patrimoniale non esiste. Anche se ha sentito il bisogno di accantonare al fondo rischi, per future insolvenze, 7,5 milioni di euro. Spesso il problema della tenuta dei confidi non riguarda soltanto i confidi di per se stessi. L'equilibrio complessivo del sistema è infatti concentrato anche nei soggetti che esercitano la controgaranzia. Secondo più di una fonte interpellata dal Sole 24 Ore, infatti, se la giunta Formigoni decidesse di ricapitalizzare con 50 milioni di euro un organismo come Federfidi Lombardia, l'intero tessuto imprenditoriale della prima regione italiana ne beneficerebbe. A fronte di 100 euro prestati dalla banca, di solito il confidi offre una garanzia di 50. Con una controgaranzia di 25, il confidi potrebbe garantirne 25 liberando capitale per coprire altre operazioni. «In questo momento - dice Piergiorgio Scoffone, responsabile del centro di documentazione Aracne - la crisi ha avuto un effetto paradossale: i confidi che si sono trasformati in intermediari finanziari dovranno trovare i soldi con cui riportare i coefficienti patrimoniali in regola». Attualmente ci sono 14 confidi vigilati. Nel mondo confindustriale nessuno ha ancora ricevuto il bollino da Palazzo Koch, anche se in undici hanno presentato domanda per l'iscrizione all'elenco speciale previsto dall'articolo 107 del Testo Unico Bancario. «I 14 confidi già vigilati - osserva Scoffone - hanno avuto nel 2009 un flusso di garanzie prestate pari a 2,8 miliardi. A differenza degli altri, quelli vigilati devono compiere una serie di accantonamenti netti pari circa al 7% di questo valore». Dunque, quest'anno ai 14 vigilati serviranno poco meno di 200 milioni. «Il problema - continua il direttore di Aracne - è chi li metterà. I confidi, soprattutto nel pieno di una crisi così grave, non sono in grado di generarli. Dunque, tutti andranno a bussare alle Regioni e alle Camere di commercio». Nonostante questo passaggio complicato, l'opzione soggetto vigilato resta essenziale, per un mercato lontano dai riflettori ma imprescindibile per il buon funzionamento dell'economia. «La buona governance - rileva Francesco Bellotti, presidente di Federconfidi - è essenziale per la modernizzazione di questo mercato. Come il processo di aggregazione, su cui da tempo siamo impegnati. E come il rafforzamento del patrimonio». Per esempio, al di là della questione della vigilanza, un tema all'ordine del giorno resta la possibilità, su cui manca ancora la legislazione definitiva, dell'apertura del capitale a soggetti che non siano esclusivamente imprese. «Il nodo da affrontare - dice Giovanni Lettieri, presidente degli imprenditori di Napoli - è che i Confidi sono troppo parcellizzati, in questo modo si sprecano risorse. Dobbiamo invece valorizzare i Confidi e per farlo vanno accorpati, per costituire una massa patrimoniale più consistente. Occorre una svolta, con la concentrazione e la trasformazione del Confidi in una banca di credito cooperativo di garanzia. La razionalizzazione dei Confidi e la loro concentrazione sono passaggi importanti in vista di Basilea 3, che impone alle banche una stretta sui fidi proprio quando serve liquidità». Certo, visto lo scenario economico attuale Lettieri ricorda che una proroga di Basilea 3 sarebbe certamente auspicabile.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", quinto aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Strumento "Analisi società di calcio", quinto aggiornamento
Nella srl si può nominare il sindaco senza sottoporre la...
Falso in bilancio senza sconti per i sindaci
Rischio insolvenze per 45 miliardi
Il Covid-19 blocca anche i fallimenti
Adeguatezza patrimoniale, adeguatezza della liquidità e...
Codice della crisi d'impresa: le modifiche al codice civile...
Il monitoraggio parte dal bilancio e dalla tesoreria
Sedata la crisi d'impresa
Srl, i criteri per scegliere se nominare un revisore o un...
Come fanno le aziende a pagare meno tasse
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Più costi che interessi: i conti correnti sono già in rosso...
Errori fiscali: conseguenze e rimedi
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Crisi d'impresa al primo test per sindaci e revisori
Srl, raddoppiano i limiti per l'organo di controllo
Riforma diritto fallimentare. Istituzione dell'organo di...
Business plan: che cos'è e come redigerlo
Come creare una start up
Crisi d'impresa, la riforma in 7 volumi
Indici della crisi derogabili con attestazione
Lo stage è sempre retribuito?
Crisi d'impresa: la riforma discrimina sull'obbligo assetto!
Pianificazione e controllo di gestione: ora giù la maschera!
Come creare start up innovative
Revisori srl imparziali anche se nominati
Srl: atto costitutivo o statuto da modificare, ma non sempre
Come investire i risparmi senza rischi
Revisione delle piccole e piccolissime imprese, l'attività da...
Una spinta a Pir e venture capital
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Lo smart working in Italia non cresce perché manca la...
Il successo della riforma dipende dall'OCRI: un accorato...
Troppo socialista per la City, ascesa e caduta di una ceo...
Riforma Bcc e la paura del "too small to fail"
Riforma legge fallimentare: quali soglie per il regime di...
Revisione contabile: quasi l'intero mercato è nelle mani...
Calcio europeo, alta finanza all'assalto per dividersi una...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
Professionisti, nuove opportunità dalla riforma del terzo...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)