Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.872
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Caccia a capitali freschi le piccole imprese alla sfida della Borsa
di Sibilla Di Palma
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 23 novembre 2015

L'ultimo a debuttare è stato H-Farm, acceleratore di startup fondato nel 2005 da Riccardo Donadon a Roncade (Treviso), con uffici anche a Londra e a Seattle. E prima ancora Gambero Rosso, gruppo editoriale specializzato nella promozione dell'agroalimentare tricolore nel mondo, che ha deciso di quotarsi alla ricerca di risorse per crescere soprattutto all'estero. Sbarcare in Borsa è un orizzonte al quale le Pmi italiane a caccia di capitali guardano con sempre maggior interesse. Le banche hanno infatti allentato le maglie del credito rispetto alla fase peggiore della recessione, anche se la concessione dei finanziamenti stenta a tornare ai livelli pre-crisi a causa del nodo delle sofferenze. Né la situazione è destinata a cambiare passo a breve, tra la crescita a rilento del Pil (+0,9% la previsione per l'anno in corso) e la prospettiva di fusioni in ambito bancario, che imporrà una razionalizzazione dei trasferimenti a una medesima azienda (le imprese di solito si finanziano presso una pluralità di istituti, che un domani potrebbero diventare uno solo). Così molte Pmi, storicamente poco capitalizzate e dunque fortemente dipendenti dal canale bancario, si ritrovano in difficoltà. Una problematica, quella della prevalenza dei debiti rispetto al capitale proprio, fortemente sentita, tanto che diverse iniziative sono state lanciate negli ultimi anni per spingere le piccole e medie imprese a rendere più forte la loro struttura finanziaria. Il decreto "Salva Italia" ha introdotto ad esempio il cosiddetto Ace, l'aiuto alla crescita economica che consiste in una riduzione dell'imposizione fiscale sui redditi derivanti dal finanziamento con capitale di rischio. L'obiettivo è favorire la ripatrimonializzazione delle aziende, riducendo lo squilibrio fiscale tra quelle che si finanziano con capitale proprio e le società che invece ricorrono al debito. Le stesse aziende hanno iniziato a guardare con più interesse ai canali alternativi da cui ottenere credito. Come dimostra la crescita dell'Aim, il listino di Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese (che prevede condizioni semplificate per la quotazione). Secondo l'Osservatorio su Aim Italia realizzato dalla società di consulenza Ir Top, a oggi le società quotate su questo mercato sono 70 (di cui 18 Ipo nel 2015 su un totale di 26 su Borsa Italiana da inizio anno), per un giro d'affari che nel 2014 si è attestato a circa 3,6 miliardi di euro, in crescita del 27% rispetto al 2013 (con 706 milioni di capitale raccolto complessivamente in Ipo e capitalizzazione pari a 2,9 miliardi di euro). Le aziende che scelgono la quotazione si concentrano soprattutto nel settore green (che rappresenta il 23% del mercato in termini di società, il 21% in termini di raccolta e il 27% in termini di capitalizzazione) seguito dai comparti digital (con il 20% delle società, il 19% di raccolta e il 16% di capitalizzazione) e finanza (18% delle società, 36% di raccolta e 23% di capitalizzazione). Va comunque detto che il rapporto con la quotazione resta tormentato. Gli scambi azionari sono ancora pochi e spesso penalizzano le piccole imprese quotate, con effetti negativi sul prezzo del titolo. Ma alla base ci sono anche altri motivi: «C'è ancora un grande gap culturale da colmare in Italia» sottolinea Anna Lambiase, socio fondatore di Ir Top. «Le Pmi non hanno infatti ancora piena consapevolezza delle potenzialità del mercato Aim in termini di ritorno sul brand e sul business, oltre che come strumento per approcciare i mercati internazionali e diversificare le fonti di finanziamento». Senza dimenticare il modello a guida familiare che caratterizza la maggioranza delle piccole e medie imprese italiane e che spesso ne frena lo sbarco in Borsa. Secondo uno studio di Pwc, la Penisola si distingue in Europa per il minor ricorso a manager esterni: nel 66% dei casi il management è composto solo da membri della famiglia (a fronte del 26% in Francia e del 10% in Gran Bretagna). Un modello che spesso guarda con scetticismo all'apertura del capitale a nuovi soci, evidenziando una diffidenza che alla lunga rischia di risultare penalizzante.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Indice di allerta nelle crisi di impresa: esiste, funziona...
Perché gli avvocati sono pagati sempre meno? Una...
Una società di capitali può essere nominata...
Categorie al fotofinish sul Gdpr
Consulenti e revisori insieme
Lezione giapponese: così gli Yes Men affossano le aziende
Banche, multa da 11 milioni a Bnl, Intesa e Unicredit...
Più tempo per la formazione
Una chance per risollevarsi dalle crisi, le aziende chiedono...
Borsa e crowdfunding: così il credito è alternativo
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Se le riunioni sono lunghe o inutili: così le aziende tagliano...
La lenta marcia dei minibond ma con i Pir potrebbero...
OK ai commercialisti specialisti
Bancarotta, estesa la non punibilità
Ai tempi del robot aumenta il valore del capitale umano
I revisori chiedono un giusto compenso alla Pa
I nuovi lavori? Un'occasione, a volte una necessità
Capitali, più garanzie sulla sorveglianza. La rivoluzione Ue...
Pir, non solo bonus ma anche costi; costruire una rendita...
Accenture: «Il capitale umano è la vera risorsa dell'Italia»
Tutte le lauree che fanno trovare lavoro
Franchising e nuovi negozi, il commercio tradizionale...
Fari puntati sulla responsabilità
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
Mifid II, mercati più trasparenti con la "governance" della...
Pagamenti frazionati vietati se la fattura cumulativa...
Pagamento in contanti: quando si rischia
Bonifici sospetti verso familiari: scatta il blocco del conto
Il prelievo dal conto senza indicazione del beneficiario è...
Quanto contante si può prelevare in banca dopo il 2016?
E se i lavoratori avessero il cartellino come i calciatori?
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
«Sgravi e incentivi ai manager per entrare nel capitale...
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)