Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.062
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Basilea 2, soltanto un'impresa su tre è in regola
di L.D.O.
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 22 settembre 2008

Solo un'azienda italiana su tre è in regola con i parametri di Basilea 2, l'accordo internazionale che lega i criteri di concessione del credito a parametri oggettivi di affidabilità della clientela. Una situazione preoccupante, a maggior ragione nella situazione attuale di mercato, caratterizzata da una restrizione del credito a livello internazionale, con il conseguente innalzamento dei tassi praticati dalle banche. È la fotografia scattata da Dun&Bradstreet, che gestisce un database con le informazioni di 448mila società di capitale italiane, rappresentative di tutti i settori, dai trasporti alla distribuzione, dal commercio all'edilizia. La ricerca è stata attuata attraverso un'analisi dello score quantitativo rilevabile dai bilanci. E' stato preso in considerazione il livello di affidabilità delle aziende in merito a cinque parametri: la redditività (global e core business performance e capacità di copertura degli oneri finanziari), l'efficienza (grado di ammortamento, politiche di ammortamento e efficienza del capitale immobilizzato), la liquidità (solvibilità immediata e a breve e produttività delle attività a breve), la solidità (livello di indebitamento ed equilibrio indebitamentofatturato) e infine lo sviluppo (andamento dei ricavi, della redditività rispetto al costo del denaro, del valore aggiunto, del cash flow).
Il risultato finale dice che appena il 33% delle aziende italiane risulta in regola con i criteri di affidabilità stabiliti su base internazionale; il 46% riceve una valutazione media (è cioè in regola solo parzialmente), il 21% è lontano dal raggiungimento degli obiettivi richiesti. La situazione è ancora più preoccupante tra le piccolissime imprese che fatturano fino a 50mila euro: in questa categoria risulta in linea con i parametri di Basilea 2 solo il 16%, quindi all'incirca una su sette. Il dato più elevato di aziende promosse si registra tra le realtà più grandi (41%), vale a dire quelle con un fatturato superiore ai 50 milioni di euro. "L'analisi per categorie dimensionali è particolarmente preoccupante perché evidenzia che le difficoltà maggiori si trovano proprio in quel vasto tessuto di piccole imprese che caratterizza il sistema produttivo del nostro paese", commenta Paolo Engheben, amministratore delegato di Dun&Bradstreet Italia. "Alla luce dei fatti, l'introduzione di Basilea 2 costituisce un fatto positivo perché aumenterà la diffusione fra le piccole le medie aziende del sistema di controllo di gestione e di programmazione della attività economica finora trascurati".
Basilea 2 sta rivoluzionando i rapporti tra istituti di credito e imprese, rompendo con la tradizione dei giudizi di merito soggettivi, a vantaggio di una classificazione del merito secondo parametri unanimemente riconosciuti. Di conseguenza, oggi le banche sono chiamate ad analizzare i dati di ciascun'azienda per redigere una sorta di pagella che ne attesti la solidità patrimoniale, l'affidabilità dimostrata nei precedenti rapporti con il sistema bancario e la solvibilità. I tassi applicati diventano quindi proporzionali al giudizio espresso dall'istituto di credito: una situazione che impone cambiamenti soprattutto tra le aziende più piccole, meno abituate a sistemi di certificazione dei bilanci e alla presenza di professionisti interni chiamati ad approntare la documentazione richiesta allo sportello.
A livello settoriale, la ricerca di Dun&Bradstreet rivela che sono l'agricoltura (con appena il 16% di aziende in regola) e la finanza (22%) gli ambiti messi peggio in graduatoria. Mentre performance positive vengono registrate dai comparti dei servizi (46% di aziende promosse), trasporti (37%), distribuzione (37%) e commercio all'ingrosso (36%).
Sorprende il risultato della classificazione regionale. Difatti le regioni con il maggior numero di aziende medie e grandi come Lombardia e Veneto si piazzano a metà graduatoria, mentre il primato va alla Campania, con il 53% di aziende promosse, davanti a Lazio (54%), Liguria (51%) e Puglia (46%). Agli ultimi posti si piazzano, invece, Umbria e Sardegna (entrambe con il 40%) e il Trentino (con il 39%). "I territori più avanzati sono quelli che per primi hanno sperimentato programmi di collaborazione tra banche e imprese per adeguare i bilanci ai parametri richiesti", conclude Engheben.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", quinto aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Impatto della perdita di fatturato da lockdown legato al...
Strumento "Analisi società di calcio", quinto aggiornamento
Eurobond o Coronabond: cosa sono e differenze con il MES
Non è smart working ma "lavoro casalingo"
Relazione unitaria dei sindaci-revisori con vista sugli effetti...
Adeguatezza degli assetti organizzativi fuori dal rinvio...
Rischio bancarotta con il ricorso al credito dello stato
Il commercialista e la crisi: «Lavoro, ma nessuno paga...
Liquidità, manleva sulle responsabilità delle banche
La revisione non è soltanto un costo
Il virus della crisi d'impresa
Gestione feudale e prestiti agli amici: i crac bancari si...
Formazione revisori, il fisco va in fuorigoco
Una bomba a orologeria contro gli amministratori
Il monitoraggio parte dal bilancio e dalla tesoreria
Sindaco o revisore unico, questo è il problema. Perché non...
Perché il nuovo Codice della crisi e dell'insolvenza imporrà...
Perdita di continuità aziendale, crisi e insolvenza
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Revisori solo nelle grandi srl
Modifiche alla norma sugli organi di controllo nelle srl non...
Garavaglia: via l'obbligo dei revisori nelle srl più piccole
Fisco, i 15 trucchi per nascondere l'Iva: caccia a 36 miliardi
Fisco, controlli selettivi sui conti delle persone fisiche
Fallimento e crisi d'impresa: uno strumento per essere...
Pianificazione e controllo di gestione: ora giù la maschera!
Se divento socio di una snc rispondo dei debiti anteriori?
La rappresentazione in bilancio delle commesse pluriennali
Chi di indipendenza ferisce, di indipendenza perisce
Le 5 abilità più richieste dai datori di lavoro per Linkedin
Le 5 regole indispensabili per dare un feedback davvero...
Revisori in rete con il progetto Sol
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Riforma Bcc e la paura del "too small to fail"
Sulle finanze ti aiuta il revisore
Lo Stato controllore impunito per i danni agli enti controllati
Ecco le aziende che pagano meglio. Così la competenza...
Cda bancari, la stretta della Cassazione
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
I controlli sul no profit setacciano utili e attività
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)