Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Basilea 2: quale ruolo per le imprese?
di Giuseppe Sangiorgi
Pagine web Unioncamere Emilia Romagna
Lunedì 15 gennaio 2007

Confidi Emilia-Romagna Servizi e ASAM (Associazione per gli Studi Aziendali e Manageriali - Università Cattolica di Milano), hanno reso noti il 9 gennaio scorso a Bologna in un convegno nella sede di Unioncamere, i risultati dell'Osservatorio Basilea 2 che monitora oltre 450 imprese distribuite sull'intero territorio dell'Emilia Romagna.
I risultati, frutto di un test di autoanalisi reso disponibile gratuitamente alle imprese grazie alla collaborazione con il sito www.analisiaziendale.it, evidenziano una situazione in cui gran parte delle Pmi non sono attualmente in grado di superare "l'esame del rating".
In particolare i dati dell'Osservatorio Basilea 2 indicano che il 55,3% delle Pmi sono del tutto impreparate a gestire in modo corretto i rapporti con gli istituti finanziari; il 25,1% sa che si tratta di una priorità ma non ha ancora adottato misure concrete; soltanto il 19,6% del campione dichiara di essersi strutturata in modo completo.
«Le principali indicazioni che emergono - afferma il Professor Claudio Devecchi, direttore scientifico di ASAM e curatore dell'Osservatorio - sono che l'impresa italiana si sta dimostrando lenta e forse disattenta al cambiamento imposto da Basilea 2».
Riassumendo le principali evidenze emerse - spiega il Professor Claudio Devecchi - si può affermare che:
• Il "mondo" delle Pmi deve migliorare i propri sistemi di programmazione e controllo per dare maggiore attendibilità alla stima del dato futuro soprattutto per quanto riguarda i flussi monetari attuali e prospettici; in questo senso le Pmi hanno assoluto bisogno di validi direttori amministrativi e finanziari che mettano subito mano al miglioramento sostanziale dell'impianto contabile, amministrativo e connessa reportistica, in quanto gli strumenti attuali non reggeranno le sollecitazioni imposte da Basilea 2. Infine, le Pmi devono al più presto imparare a "mettere nero su bianco" il loro piano d'azione aziendale.
• Le family business devono cambiare alcune abitudini di gestione dell'impresa, introducendo una mentalità manageriale molto più avanzata con l'obiettivo di delineare un profilo di rischio dettagliato dell'imprenditore, indicando le eventuali azioni previste per una sua oggettiva mitigazione, oltre a illustrare nel dettaglio le strategie di capitalizzazione e di ristrutturazione dell'indebitamento. Basilea 2 privilegia un processo di comunicazione con la banca attraverso continui interscambi di informazioni sugli aspetti cruciali del business, dell'organizzazione, degli uomini chiave e delle determinati la redditività aziendale.
• Il dato più allarmante è che anche la medio-grande impresa è in ritardo nell'affrontare Basilea 2. Ben il 64% delle imprese che si sono sottoposte all'autodiagnosi dichiarano di essere carenti sui sistemi di reporting di gruppo e di non aver ancora un bilancio consolidato certificato; il 71% insiste nel dichiararsi indisponibile ad aprire l'equity a terzi finanziatori; il 53% dichiara di essere in forte difficoltà nell'affrontare processi di cambiamento e ben il 68% ammette di non saper fare uso di analisi della vulnerabilità aziendale.
«Questa iniziativa - afferma Ottavio Righini, Presidente di Confidi Emilia Romagna Servizi e di Cofiter - nasce dal nostro impegno per migliorare la cultura d'impresa e registrare i bisogni, che diventano input fondamentali per le strategie future. Da qui nasce l'investimento sul sito www.analisiaziendale.it». Prosegue Righini: «Dalla ricerca non sembrano emergere risultati significativamente differenti tra imprese micro, piccole e medie. Sento di poter affermare che per le imprese commerciali, turistiche e dei servizi".sarà fondamentale avere una migliore comprensione del "problema Basilea 2" anche attraverso il più qualificato rapporto con i professionisti che spesso detengono tutto il sapere finanziario dell'impresa».
Per Elio Bagnari, presidente di Fidindustria, «Dalla lettura dei dati emerge evidente il problema della capitalizzazione, che è variabile fondamentale per migliorare i rating d'impresa. Se ne parla da anni, ma anche questo test dimostra l'esistenza di una diffidenza culturale nei confronti delle operazioni di equity, operazioni che saranno invece fondamentali per la tenuta del sistema delle Pmi industriali della regione Emilia Romagna anche in considerazione della fase di passaggio generazionale che stanno attraversando».
Per Daniele Passini, Presidente di Coop.E.R. Fidi «E' necessario che le banche gestiscano il passaggio a Basilea 2 con la massima trasparenza, dato che sembra che le imprese, cooperative e non, siano disorientate da una informazione troppo frazionata o incompleta».
Per l'Assessore alle Attività Produttive, Duccio Campagnoli «Quella presentata è una ricerca di grande interesse. E' ora che Basilea 2 come l'euro rappresenta un'asticella da superare. Occorre che divenga diritto al credito e non problema per il credito. Ma - ha aggiunto l'Assessore - per fare questo, le imprese devono riformarsi. Come Regione Emilia-Romagna siamo impegnati, con i Consorzi Fidi, a tutte le iniziative che sono rivolte le migliorare la cultura d'impresa.»

* * *

Cos'è Basilea 2

Basilea 2 è il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali delle banche, che sostituisce quello definito come Basilea 1, operativo dal 1988. Con Basilea 2 le banche dei paesi aderenti all'accordo devono accantonare quote di capitale proporzionali al rischio derivante dai vari rapporti di credito assunti, valutati attraverso lo strumento del rating. Se i rapporti comportano maggiori rischi, dovranno essere effettuati maggiori accantonamenti, con la conseguenza che la banca dovrà sostenere maggiori costi. Le banche saranno costrette a classificare i propri clienti in base alla loro rischiosità, attraverso procedure di rating sempre più sofisticate. Il timore scontato è che l'applicazione dell'accordo possa tradursi in minor credito alle imprese più rischiose ed a tassi più elevati. E' quindi evidente la necessità che le aziende, ed in particolare le Pmi, pongano in essere politiche gestionali e di bilancio atte a rafforzare la propria struttura e la propria immagine per affrontare nel modo più sereno possibile "l'esame" dei rating bancari.
L'infrastruttura giuridica di Basilea 2 è già pienamente operativa dal primo gennaio 2007, ma se è vero che il grosso del sistema creditizio italiano sfrutterà le possibilità concesse dalla direttiva europea e aderirà al nuovo regime soltanto nel 2008, anche per la vivace stagione di matrimoni bancari, cross border e domestici, con tutte le complesse questioni organizzative annesse, è però molto probabile che alcuni player bancari di media grandezza cominceranno già quest'anno a sperimentare le nuove regole e a inviare segnalazioni a via Nazionale utilizzando il metodo standardizzato per il calcolo dei requisiti patrimoniali a fronte del rischio di credito.
Gli accordi di Basilea sui requisiti patrimoniali delle banche sono il frutto del lavoro del Comitato di Basilea, istituito dai governatori delle Banche centrali dei dieci paesi più industrializzati (G10) alla fine del 1974. I membri attuali del Comitato provengono da Belgio, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Lussemburgo, Paesi Bassi, Spagna, Svezia, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti. Il Comitato opera in seno alla Banca dei Regolamenti Internazionali, con sede a Basilea, un'organizzazione internazionale che ha lo scopo di promuove la cooperazione fra le banche centrali ed altre agenzie equivalenti allo scopo di perseguire la stabilità monetaria e finanziaria.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Divieto di contanti e pagamenti elettronici: nuove regole
Revisori e sindaci da scegliere in 154mila aziende
Credito del socio compensabile con l'aumento di capitale...
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Più costi che interessi: i conti correnti sono già in rosso...
Quando l'evasione fiscale diventa reato
Necessarie competenze a tutto campo per far fronte alle...
ReportCalcio 2019 della Figc
Quattro errori dei manager che fanno fallire le aziende
Per intercettare la crisi preferibile scegliere il sindaco
Quando serve la Scia?
Una società è responsabile?
Autovalutazione per il collegio sindacale
Sempre più scomoda la poltrona dei cda nelle società
ISA 2018, le modifiche
Crisi d'impresa: la riforma discrimina sull'obbligo assetto!
Codice della crisi d'impresa: ok dall'esecutivo
Rinuncia dei soci ai crediti verso la partecipata
Se vuoi pensare come un leader, devi agire come un leader
Fattura elettronica al test dei piccoli negozi e dei benzinai
Lavoro, le quattro competenze che fanno la differenza e...
Le 5 regole indispensabili per dare un feedback davvero...
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Ecco le aziende che pagano meglio. Così la competenza...
Cda bancari, la stretta della Cassazione
Se in Italia tanto risparmio viene sprecato la colpa è anche...
Valutazione dell'azienda in crisi con analisi preliminare
Il D.Lgs. 81/2008 "Testo Unico sulla Salute e Sicurezza...
Scartati nei colloqui di lavoro perché troppo qualificati...
Privacy, rischi da valutare subito
Consulenti e revisori insieme
Fatturazione elettronica obbligatoria, l'allarme dei...
Banche, multa da 11 milioni a Bnl, Intesa e Unicredit...
Più tempo per la formazione
Borsa e crowdfunding: così il credito è alternativo
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
Borse, è la festa più lunga. Gli Usa macinano record e...
Whistleblowing, tutte le incognite per chi denuncia un...
Troppi lacci frenano il credito in Europa
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)