Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Basilea 2, ok le utilities e ko l'edilizia
di Marika Gervasio
Il Sole 24 Ore
Lunedì 5 luglio 2004

Utilities, chimica e imprese estrattive: sono questi i settori dell'industria italiana più preparati all'introduzione degli accordi di Basilea 2. Mentre i settori edile, tessile-abbigliamento e alimentare sono i più vulnerabili. E' quanto emerge da un'analisi condotta dalla società di consulenza K Finance sui bilanci 2002 di 27mila società di capitali, che ha permesso di attribuire a ciascun settore un rating medio (secondo la scala codificata da Standard & Poor's che va da un massimo di AAA+ a un minimo di C-) in base alla capacità di autofinanziamento delle aziende, all'incidenza degli oneri finanziari, al livello di patrimonializzazione e di indebitamento, alla gestione del capitale investito e alla redditività.
I migliori. Gli elevati flussi di cassa sono uno dei punti di forza delle utilities, il settore migliore in assoluto, con un rating medio di BBB-, seguito da chimica e industria estrattiva (BB+). «Il buon posizionamento di utilities e industrie estrattive non stupisce - spiega il presidente di K Finance, Giuseppe Grasso - , viste le loro caratteristiche strutturali: flussi di cassa alti e stabili e forte patrimonializzazione, necessaria per far fronte agli elevati investimenti fissi. Sorprende invece positivamente la chimica, che emerge anche grazie all'ottima capacità di copertura degli oneri finanziari».
I peggiori. Capacità di copertura che è, al contrario, scarsa nel settore edilizia e costruzioni, all'ultimo posto con un rating B-, che esprime un'elevata vulnerabilità delle aziende del comparto, vicine alla soglia dei casi a rischio insolvenza.
«E' nota - aggiunge Grasso - la relativa fragilità di queste aziende, caratterizzate spesso da insufficiente patrimonializzazione, elevato indebitamento e necessità di finanziare un ciclo di costruzione che eccede spesso i 12 mesi e che genera flussi di cassa solo al termine del processo. Per migliorare la situazione dovranno essere messi a punto strumenti finanziari ad hoc per questo settore e dovrà essere rivista completamente la politica finanziaria e di capitalizzazione delle imprese e dei gruppi attivi nell'edilizia».
Tra gli altri settori più deboli, spiccano due comparti legati al consumatore finale: il tessile/abbigliamento e l'alimentare/bevande, entrambi con un rating B. Pesano la scarsa copertura degli oneri finanziari, l'elevato indebitamento e i flussi di cassa insufficienti. A questo si aggiunge la modesta redditività del settore alimenare/bevande.
La fascia intermedia. I settori tradizionali dell'industria italiana, quelli legati alla meccanica, alla plastica e all'elettronica, evidenziano un rating BB, che indicano una vulnerabilità normale rispetto al panorama generale dell'industria (raccoglie un BB-, che indica un posizionamento debole, vicino alla soglia della vulnerabilità, come spiega Grasso). Tra questi spicca negativamente solo la produzione di mezzi di trasporto (BB-).
Le classi dimensionali. Settori a parte, il rating migliora all'aumentare delle dimensioni aziendali. Le aziende più vulnerabili, infatti, risultano essere quelle con fatturati inferiori a 5 milioni, che rappresentao il 56,6% del numero totale delle aziende, ma solo il 6% del fatturato aggregato e il 12% degli addetti.
«Ma con Basilea 2 - spiega Grasso - le aziende di queste dimensioni saranno classificate tra la clientela retail per le quali il grado di correlazione, e quindi di rischio per la banca, è modesto. Pertanto queste aziende beneficeranno di un trattamento privilegiato e di una maggiore tolleranza».
Le aziende da 5 a 50 milioni di fatturato (il segmento delle Pmi, secondo Basilea 2) - che rappresentano il 40% del totale, il 21% del fatturato aggregato e il 31% degli addetti - si collocano mediamente a un livello di vulnerabilità superiore alla norma (BB-). Le classi di aziende superiori a 50 milioni di fatturato (il segmento corporate, sempre secondo Basilea 2) evidenziano invece una situazione di vulnerabilità normale o bassa. Queste società rappresentano meno del 5% del fatturato aggregato e impiegano il 57% degli addetti.
Dal rischio all'eccellenza. In generale, il 23% delle aziende manifatturiere italiane è in condizioni di insolvenza, circa il 42,9% è in un'area di vulnerabilità, mentre il 22,3% può essere considerato non a rischio e l'11,9% vanta performance eccellenti.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
La felicità sul posto di lavoro non è un lusso e non va...
Soggetti non quotati e principi contabili internazionali
Discriminazioni nel mondo del lavoro: ecco le più diffuse
Partite le segnalazioni alle società tenute alla nomina del...
Revisori e sindaci da scegliere in 154mila aziende
Srl, i criteri per scegliere se nominare un revisore o un...
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Più costi che interessi: i conti correnti sono già in rosso...
Scoperto di conto corrente: cosa succede
Garavaglia: via l'obbligo dei revisori nelle srl più piccole
La governance delle società alla luce del codice della crisi
Business plan: che cos'è e come redigerlo
Come provare un contratto verbale
Allerta, c'è la crisi: le aziende da salvare e i dubbi sul...
Autovalutazione per il collegio sindacale
Addio profitto, scopo dell'impresa è la felicità di chi ne fa...
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
Lo stage è sempre retribuito?
Licenziate i lecchini. I dirigenti competenti non hanno...
Come creare start up innovative
Rinuncia dei soci ai crediti verso la partecipata
Le 5 abilità più richieste dai datori di lavoro per Linkedin
Le 5 regole indispensabili per dare un feedback davvero...
Revisori in rete con il progetto Sol
Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi...
Una spinta a Pir e venture capital
Lo smart working in Italia non cresce perché manca la...
Lavoro e disabilità: guida pratica per l'azienda
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Riforma legge fallimentare: quali soglie per il regime di...
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
La riforma che verrà: il ruolo determinante dei sindaci e...
La correzione degli errori di bilancio
Consulenti e revisori insieme
Lezione giapponese: così gli Yes Men affossano le aziende
Approccio basato sul rischio anche per i sindaci-revisori
Più tempo per la formazione
Piccole e medie imprese migliore crescita in Europa: il...
A guardia ci sono i lupi: ecco perché l'Europa non batte...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)