Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Basilea 2, nessun problema per le Pmi
di Alessandro Merli
Il Sole 24 Ore
Domenica 2 novembre 2003

I problemi con l'impatto di Basilea 2 sui prestiti alle piccole e medie imprese sono risolti. La combinazione di requisiti di capitale, vigilanza e trasparenza «migliorerà la gestione del rischio da parte delle banche, promuoverà la stabilità finanziaria e assicurerà che il sistema bancario sia in grado di promuovere la crescita sostenibile dell'economia».
Il presidente del Comitato di Basilea 2, il gruppo delle autorità di vigilanza che ha elaborato le nuove regole per le banche, Jaime Caruana, governatore della Banca di Spagna, fa in un'intervista al «Sole 24 Ore» una puntuale difesa di Basilea 2, rispondendo alle molte critiche che si sono concentrate sul progetto soprattutto negli ultimi mesi.
I tre pilastri del nuovo accordo, sostiene Caruana (omissis), rappresentano rispettivamente regole, discrezione e incentivi di mercato, e la loro combinazione è la strada migliore per raggiungere gli obiettivi desiderati.
Caruana si ripromette anche di condurre in porto l'accordo - che arriva dopo una discussione quasi quinquennale sulla revisione di quello originale, varato nel 1988 - entro i tempi previsti: la qualità, sostiene, deve conciliarsi con la necessità per le banche di avere delle certezze sul quadro nel quale si troveranno ad operare. Il governatore della Banca di Spagna si è trovato al timone dell'ultima fase della controversa revisione (che dovrebbe concludersi con la pubblicazione del documento finale entro la metà dell'anno prossimo), avendo ereditato la guida del Comitato di Basilea nella retta finale, dopo che il suo predecessore, Bill McDonough, ha rimesso l'incarico nel maggio scorso dopo aver lasciato la Federal Reserve di New York. E nei primi mesi di lavoro, Caruana ha mostrato di sapere gestire il processo, andando incontro, non più tardi di tre settimane fa, ad alcuni dei problemi sollevati dalle banche.

* * *

Governatore Caruana, il timore più diffuso in Italia sull'impatto di Basilea 2 sono le conseguenze che le nuove regole avranno sul credito alle piccole e medie imprese, che si ritiene potrà risultare severamente limitato.
Abbiamo prestato molta attenzione a questo tema e abbiamo modificato in modo sostanziale le regole rispetta alla versione originaria. Quando alcune preoccupazioni sono state espresse dopo le prime bozze, abbiamo ascoltato e ci siamo chiesti come vadano considerati, dal punto di vista economico, i prestiti alle piccole e medie imprese. La risposta è che, se una banca ha un portafoglio composto interamente di prestiti alle Pmi, gode del vantaggio della diversicazione, quindi avrà bisogno di minor capitale. Siamo stati in grado quindi di ridurre i requisiti patrimoniali per i prestiti alle Pmi. Di fatto, già nella terza bozza, presentata a primavera, la situazione è migliore di quanto non fosse sotto Basilea 1, cioè alle regole attuali. Anzi, in media i requisiti di capitale per i prestiti alle Pmi sono ridotti fra il 3 e il 30%. Credo che il problema sia stato risolto, che abbiamno fatto un buon lavoro e questo debba essere riconosciuto. Tanto è vero che abbiamo ricevuto oltre 200 commenti sulla terza bozza e nessuno di questi riguarda il trattamento dei prestiti alle Pmi.
Un altro punto controverso, e che i critici di Basilea 2 ritengono che sia ancora irrisolto, è la prociclicità delle nuove regole, il fatti cioè che tendano a far espandere il credito nei periodi favorevoli del ciclo economico e a farlo ccontrarre nelle fasi di debolezza, accentuando quindi le oscillazioni dell'andamento dell'economia.
E' una considerazione importante e sulle ripercussioni macroeconomiche della regolamentazione ha insistito (omissis) il direttore generale della Banca dei regolamenti internazionali, Malcom Knight. E' una questione però che non dipende solo da Basilea 2: la normativa contabile, per esempio, tende a essere prociclica. C'è poi da osservare che una certa tendenza ad assecondare il ciclo economico è naturale da parte delle banche. Quel che dobbiamo evitare è che sia eccessiva, o ingiustificata. Le faccio però due esempi di casi in cui il comportamento di una banca tende a essere prociclico, o, se vuole, a cambiare in modo più brusco. Se una banca non è ben capitalizzata, all'arrivo di una frenata dell'economia sentirà di aver poco spazio di manovra e tenderà a contrarre più bruscamente il credito. Oppure, quando una banca non ha valutato correttamente il rischio, si accorgerà, con il peggioramento del ciclo, di avere in portafoglio dei crediti dubbi e anche in questo caso reagirà bruscamente. In entrambi i casi si otterrà di esacerbare l'andamento dell'economia. Ora, gli obiettivi di Basilea 2 sono proprio di creare banche meglio capitalizzate e incentivi a gestire correttamente il rischio. Inoltre, l'orizzonte temporale dell'applicazione dei requisiti di capitale per Basilea 2 è l'arco dell'intero ciclo economico e non un momento particolare, quindi anche questo dovrebbe contribuire a ridurre la prociclicità
Lei ha citato le norme contabili. Un'altra preoccupazione delle banche è che le prescrizioni della normativa contabile e quella di Basilea 2 sono a volte in contrasto tra loro.
E' una questione sulla quale stiamo lavorando e abbiamo un dialogo ampio con i regolatori contabili. Vorrei dire però che le norme di diffusione dei dati da parte delle banche sono specifiche per il settore e in qualche caso più dettagliate, ma in genere non sono in conflitto con la normativa contabile.
C'è anche il timore che il settore stia per essere investito da un sovraccarico di nuove regole, da Basilea 2 agli standard contabili internazionali, alla normativa europea, alle nuove disposizioni per le assicurazioni.
Proprio perché Basilea 2 ha richiesto un tempo di preparazione piuttosto lungo, le banche hanno un periodo per adattarsi che credo sia sufficiente. Sarebbe difficile giustificare un ulteriore rinvio.
Ma c'è la possibilità che il Comitato di Basilea decida di rinviare la messa in atto di Basilea 2 (fissata per il 1 genaio 2007) dopo che avete allungato di sei mesi, al 30 giugno dell'anno prossimo, i termini della finalizzazione delle nuove regole?
Non è una questione che abbiamo discusso in profondità. Credo che il rinvio, peraltro non lungo, nel definire il documento finale, sia compatibile con il piano originariom per l'implementazione. I tempi sono stretti, ma si può fare. Tra l'altro stiamo cercando di inserire elementi di flessibilità nella transizione. Comunque intendiamo procedere speditamente, ma non abbiamo l'ossessione della data.
Gli Stati Uniti hanno deciso che Basilea 2 si applicherà solo a una ventina di grandi banche e, se è vero che queste coprono la quasi totalità delle attività internazionali del sistema bancario americano, la situazione contrasta con l'Europa, dove si applicherà a tutte le banche.
Credo che Basilea 2 sia un bene per le banche grandi e per le banche piccole. Questo è il modo in cui è stata preparata. Gli Usa hanno scelto una delle opzioni possibili, ma va ricordato che in America sono già molto vicini a Basilea 2 su tutti e tre i pilastri, nel senso che hanno banche ben capitalizzate, la vigilanza è forte e la trasparenza è ottima. Quindi, non è che non adottino Basilea 2 per tutte le banche perché sono contro Basilea 2, ma perché hanno già pressochè raggiunto quegli obiettivi. Personalmente, ritengo che per l'Europa sia un bene che tutte le banche adottino gli stessi standard. Abbiamo un gruppo di lavoro su questo argomento, ma la nostra posizione è chiara: evitare che si creino disparità.
L'Accordo di Basilea del 1988, creato dai Paesi industrializzati del G-10, vene progressivamente adottato da tutti i Paesi emergenti più importanti. Ora, diversi di loro hanno già detto di non voler fare la stessa cosa con Basilea 2. Questo costituirà un limite alla sua efficacia globale?
Abbiamo consultazioni crescenti con i Paesi non appartenenti al G-10 e alcuni Paesi vogliono un calendario di applicazione compatibile con la struttura dei loro sistemi bancari. Del resto, questo era già indicato esplicitamente nella terza bozza. Credo che sia meglio che questi paesi prima rafforzino i tre pilastri - capitalizzazine, vigilanza, trasparenza - e poi si muovano per adottare Basilea 2.
I banchieri temono che Basilea 2 porti ad una disparità di trattamento delle diverse categorie di istituzioni finanziarie e di trovarsi svantaggiati rispetto ad altri, per esempio le compagnie di assicurazione.
E' un problema del quale siamo consapevoli, ma questo non può impedirci, come Comitato di Basilea, di adottare le regole che riteniamo giuste per le banche. Devo dire però che, in termini di requisiti di capitale, le assicurazioni si stanno muovendo in una direzione che le avvicinerà alle banche. Non nego tuttavia che ci sia ancora molto lavoro da fare per evitare asimmetrie.
La questione è in qualche modo collegata anche a quella di un'unica autorità di vigilanza per tutte le istituzioni finanziarie, che in misura crescente svolgono attività simili. E' la soluzione adottata in Gran Bretagna, con la Fsa, e altrove.
Non c'è abbastanza evidenza empirica per dire che un modello sia migliore dell'atro. Io sono più in favore di un'autorità di vigilanza specializzata, che, nel caso delle banche, anche per la loro funzione nel sistema dei pagamenti e nella liquidità, sia la Banca centrale o vicina alla Banca centrale (come la Commissione bancaria in Francia). Ma dipende dalla struttura dei Paesi. Non voglio dire che quel che va bene in Spagna vada bene dappertutto.
C'è anche il problema del rapporto tra gli organi nazionali e internazionali e, nel caso dell'Europa, qualcuno si chiede se non sarebbe più opportuno centralizzare la funzione di vigilanza.
Il Comitato di Basilea ha funzione di creare degli standard e non di regolamentazione e supervisione. Questi standard sono importanti per assicurare condizioni uniformi su scala globale ed è testimone della loro eccellenza il fatto che siano adottati su così vasta scala. Ma l'applicazione è lasciata alle autorità nazionali. Quanto all'Europa, non vedo nel prossimo futuro una centralizzazione della vigilanza. E' bene che la regolamentazione sia armonizzata, ma molti elementi restano diversi da Paese a Paese, a partire dalla tassazione. Ed è importante che i supervisori siano vicini alle istituzioni sulle quali esercitano la vigilanza.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
La felicità sul posto di lavoro non è un lusso e non va...
Soggetti non quotati e principi contabili internazionali
Discriminazioni nel mondo del lavoro: ecco le più diffuse
Partite le segnalazioni alle società tenute alla nomina del...
Revisori e sindaci da scegliere in 154mila aziende
Srl, i criteri per scegliere se nominare un revisore o un...
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Più costi che interessi: i conti correnti sono già in rosso...
Scoperto di conto corrente: cosa succede
Garavaglia: via l'obbligo dei revisori nelle srl più piccole
La governance delle società alla luce del codice della crisi
Business plan: che cos'è e come redigerlo
Come provare un contratto verbale
Allerta, c'è la crisi: le aziende da salvare e i dubbi sul...
Autovalutazione per il collegio sindacale
Addio profitto, scopo dell'impresa è la felicità di chi ne fa...
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
Lo stage è sempre retribuito?
Licenziate i lecchini. I dirigenti competenti non hanno...
Come creare start up innovative
Rinuncia dei soci ai crediti verso la partecipata
Le 5 abilità più richieste dai datori di lavoro per Linkedin
Le 5 regole indispensabili per dare un feedback davvero...
Revisori in rete con il progetto Sol
Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi...
Una spinta a Pir e venture capital
Lo smart working in Italia non cresce perché manca la...
Lavoro e disabilità: guida pratica per l'azienda
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Riforma legge fallimentare: quali soglie per il regime di...
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
La riforma che verrà: il ruolo determinante dei sindaci e...
La correzione degli errori di bilancio
Consulenti e revisori insieme
Lezione giapponese: così gli Yes Men affossano le aziende
Approccio basato sul rischio anche per i sindaci-revisori
Più tempo per la formazione
Piccole e medie imprese migliore crescita in Europa: il...
A guardia ci sono i lupi: ecco perché l'Europa non batte...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)