Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Basilea 2, fidi su misura e senza ridurre i crediti
di Fabio Tamburini
Il Sole 24 Ore
Mercoledì 29 settembre 2004

La marcia dim avvicinamento a Basilea 2 è fatta d'investimenti importanti da parte delle banche, revisione dei modelli organizzativi, preoccupazioni della clientela. Tutti, dai banchieri ai bancari agli imprenditori, devono misurarsi con regole nuove, che mettono in discussione modelli consolidati. «Sarà una rivoluzione copernicana», ammete Alberto Agnelotti, direttore centrale pianificazione strategica del gruppo Bpl. E Stefano Monferrà, professore di Economia degli intermediari finanziari all'università di Parma, aggiunge: «L'effetto è positivo perché le banche sono costrette a fare investimenti importanti in settori decisivi come l'information technology, i metodi di analisi e valutazione delle aziende clienti, l'organizzazione interna. Senza Basilea 2 sarebbero stati rimandati per anni, anche perché mancano concorrenti esteri con cui fare i conti. Finora si vedono soprattutto i costi dell'operazione ma i ritorni non mancheranno, anche se per arrivare al break even occorre tempo» Davide Alfonsi, responsabile risk management della Banca popolare di Milano: «Basilea 2 è un manuale di qualità dei servizi bancari. Si sa quanto costa ma non quanto rende. Il rischio è che alla fine una parte degli investimenti non abbia ritorni evidenti».
Come si stanno organizzando le banche? Quali sono gli effetti dei vincoli patrimoniali in arrivo sull'offerta di credito? e che cambiamenti determinerà il sistema dei rating sulle condizioni di finanziamento? Effetti significativi si avranno sull'organizzazione interna delle banche, perché si passa dalla trattativa diretta con i singoli clienti per la concessione dei finanziamenti e i loro costi, a meccanismi più o meno automatici basati sui rating. «E' la fine di un mondo - dice Agnelotti (Bpm)- . Avverrà gradualmente ma rende indispensabile il cambiamento di mentalità e finirà per pensionare una grande fetta di bancari, quelli che non si adatteranno alla rinuncia della trattativa diretta come parametro unico nella concessione dei fidi».
Disponibilità di risorse. Un secondo fronte è rappresentato dal credito che, secondo i parametri di Basilea 2, le banche potranno offrire alla clientela in rapporto a determinati coefficienti patrimoniali. «Oggi la liquidità non manca - dice Franco Cruciani, direttore di Fedart, la Federazione unitaria dei Confidi artigianato e piccola impresa e direttore finanziario del Cna - il punto saranno costi e condizioni dei prestiti». In effetti le simulazioni effettuate sulla possibilità di fare credito delle banche rispettando le nuove regole danno risultati confortanti. E tra gli istituti interpellati dal Sole 24-Ore la prevalenza dei gruppi che, almeno sulla carta, avranno più risorse disponibili è netta: dalla Banca popolare vicentina (che stima di liberare capitale per un buon 25%) all'Istituto San Paolo Imi (+10% circa), dalla Bpl (+10%) al gruppo Bpu (13-15%). La prudenza è maggiore in casa Antonveneta e della Banca popolare di Verona e Novara. «E' presto per dirlo perché le verifiche sono in corso», dice Achille Mucci, responsabile risk management del gruppo Antonveneta. Su posizioni analoghe è Marco Franceschini, responsabile sviluppo strategie e pianificazione della Popolare di Verona e Novara: «Tutto lascia prevedre, secondo le simulazioni effettuate e gli studi d'impatto, che libereremo capitali per aumentare i finanziamenti - sostiene - ma non me la sento di indicare numeri precisi».
Rapporto banca-impresa. Di sicuro il rapporto tra banca e impresa è destinato a cambiare. I riflettori, in particolare, sono accesi sui sistemi di rating che verranno adottati da buona parte del mondo bancario. Lo faranno i gruppi maggiori e anche gli istituti di medie dimensioni, mentre per le banche strettamente locali il discorso cambia. «Non avremo rating interni perché non ne abbiamo bisogno» dice Franco Caleffi, direttore generale di Federcasse, la Federazione italiana delle banche di credito cooperativo. E spiega: «Siamo banche locali con una conoscenza approfondita dei clienti. I rating, almeno per noi, sono estremamente costosi e sproporzionati alle esigenze effettive. Adotteremo, invece, criteri scientifici di valutazione dei rischi di credito che stiamo mettendo a punto d'intesa con Deloitte e che prevedono punteggi finali ad ogni singola azienda. Terranno conto di indicatori di bilancio, andamento del rapporto con la banca, rischiosità del settore di attività e di elementi pregiudiziali come eventuali scoperti. Alla fine il giudizio derivante dalla conoscenza diretta inciderà per un buon 10%».
Anche le banche che puntano sui rating, tuttavia, prevedono adeguamenti finali di carattere discrizionale effettuati dai dipendenti a cui è affidata la responsabilità dei finanziamenti. Fa eccezione, per esempio, UniCredit, ma lo confermano Sanpaolo Imi («La facoltà sarà ampia e stiamo mettendo a punto il meccanismo con Banca d'Italia» dice Alfonsi), Banche popolari unite («Un approccio di tipo automatico e troppo meccanico sarebbe inopportuno», osserva Rossella Leidi, responsabile dell'area risk management del gruppo Bpu), Banca Nazionale del lavoro («Abbiamo previsto la possibilità di forzare il meccanismo dei rating fino al 20%», dice Euclide Furia, responsabile direzione risk management). Nonostante ciò una delle preoccupazioni più diffuse nel mondo imprenditoriale, soprattutto tra le imprese minori, è che vengano meno i rapporti tradizionali basati sulla conoscenza reciproca. «Stiamo cercando di far capire alla clientela - chiarisce Franceschini (Popolare di Verona e Novara) - che la banca non passerà in mano ai signori del rating»
Il sistema dei rating. Per tenere sotto controllo l'impatto con il sistema dei rating, alcuni istituti stanno prendendo altre contromisure. In Bnl, per esempio, è prevista una struttura indipendnete, che farà capo all'area risk management e dirà l'ultima parola quando i clienti non saranno soddisfatti del trattamento ottenuto. «I rating sono uno strumento per fare business e non per affossarlo - sottolinea Furia (Bnl) -. Quando ci sono discordanze forti occorre andare a verificare quanto sta accadendo. Il modello adottato non va considerato un meccanismo secco e immutabile, ma il prodotto di un processo dinamico».
Dovrà essere così perché non è detto che il sistema, nonostante gli investimenti elevati, risulti completamente attendibile. Le difficoltà da superare sono significative. «La raccolta dei dati è una operazione complessa - dice Metelli (Popolare di Milano) - perché viviamo in un Paese in cui non c'è cultura della comunicazione. Ottenere informazioni chiare, veritiere e codificabili è tuutt'altro che facile». Anche perché, soprattutto per certi settori e in certe zone, l'economia in nero rende i bilanci poco corrispondenti ai conti effettivi delle aziende. In proposito Luciano Colombini, condirettore generale della Popolare vicentina, prevede che «i rating porteranno gli imprenditori a fare bilanci più convincenti e più trasparenti, con l'obiettivo di ottenere finanziamenti a condizioni migliori». Per questo, aggiunge Mucci (Antonveneta), Basilea 2 «spingerà i clienti verso una trasparenza maggiore». E le banche a farsi maggior concorrenza. La ragione è semplice. Ogni impresa potrà rivolgersi a più istituti cercando di ottenere rating migliori e, di conseguenza, condizioni di finanziamento meno onerose. Così, sempre secondo Mucci, «si aprirà un fronte nuovo di competizione». E Metelli (Popolare di Milano) conclude con una previisone: «Mi attendo un confronto davvero vivace».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
AAA revisore cercasi. Inutilmente
Il monitoraggio parte dal bilancio e dalla tesoreria
Soggetti non quotati e principi contabili internazionali
Procedure di allerta, sei mesi in più per le nano imprese
E se le costose procedure di allerta fossero un'occasione...
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Buttati! I 4 rimedi contro l'ossessione del perfezionismo
Amministratore di società: cosa c'è da sapere?
Necessarie competenze a tutto campo per far fronte alle...
Srl, raddoppiano i limiti per l'organo di controllo
L'Inrl al tavolo con la nuova Ue
Srl, si può attendere fine anno per nominare sindaci e...
Prelievo dal conto in banca: il creditore può revocarlo?
Business plan: che cos'è e come redigerlo
Come provare un contratto verbale
Crisi d'impresa, la riforma in 7 volumi
Fallimento e crisi d'impresa: uno strumento per essere...
Ferrero sempre più forte, anche grazie a queste 17 regole...
ISA 2018, le modifiche
Lo stage è sempre retribuito?
Srl: atto costitutivo o statuto da modificare, ma non sempre
Come investire i risparmi senza rischi
Lavoro, le quattro competenze che fanno la differenza e...
Revisori in rete con il progetto Sol
Lo smart working in Italia non cresce perché manca la...
Riforma legge fallimentare: quali soglie per il regime di...
Mifid II, le opportunità per il private banking
Revisione contabile: quasi l'intero mercato è nelle mani...
Sulle finanze ti aiuta il revisore
Ecco le aziende che pagano meglio. Così la competenza...
Cda bancari, la stretta della Cassazione
Calcio europeo, alta finanza all'assalto per dividersi una...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La riforma che verrà: il ruolo determinante dei sindaci e...
La correzione degli errori di bilancio
Consulenti e revisori insieme
Aziende sedute su una montagna di debiti. Peggio che...
Lezione giapponese: così gli Yes Men affossano le aziende
Fatturazione elettronica obbligatoria, l'allarme dei...
Procedure d'allerta con incognita i «parametri finanziari»
Imprese familiari fatturato in crescita, ma visione "a breve"
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)