Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Basilea 2 apre le Pmi ai fondi
di Daniele Lepido
Il Sole 24 Ore
Domenica 16 dicembre 2007

La metafora più azzeccata è forse quella calcistica. Se Basilea 2 fosse l'inizio di un campionato con regole nuove, i fondi di private equity potrebbero svolgere, nei confronti delle piccole e medie imprese, il ruolo che in Serie A spetta agli allenatori freschi di nomina. E quindi: portare nuove risorse al team, magari con una campagna acquisti mirata (tradotto: ricapitalizzare l'azienda, ma anche fare shopping di manager), studiare tattiche di gioco vincenti (conquistare mercati internazionali), portare la squadra verso lo scudetto o la Champions (accompagnarla in Borsa o più semplicemente verso la strada della redditività).
Dopo un anno di "slittamento", così come previsto dalle direttive comunitarie 2006/48 e 49, dal primo gennaio 2008 entrerà definitivamente in vigore l'accordo di Basilea 2 che riscrive i requisiti patrimoniali delle banche in relazione ai rischi assunti nelle loro attività. Una svolta nei rapporti tra istituti e aziende sull'apertura delle linee di credito. Un sistema basato sui rating, veri e propri voti che premiano gli imprenditori con i bilanci più virtuosi a scapito di chi ha una situazione patrimoniale meno brillante. Con il risultato che ai primi della classe verranno concessi prestiti a tassi agevolati, mentre ai "bocciati" spetteranno tassi salati.
In questo contesto potrebbe essere rivisto il ruolo dei fondi di private equity, le famose "locuste" che (per alcuni) sciamano sulle aziende con l'appetito del predatore. Un ruolo da riscoprire nella sua accezione più sana, anche in un'ottica di alleanza con le banche. Perché il fondo, nel caso per esempio di expansion, entra come nuovo socio, apporta capitali freschi all'impresa e concorre a risollevarne le sorti, quindi il rating. La banca, dal canto suo, concorrerà a ristrutturare il debito in funzione della capacità di rimborso dell'azienda che andrà a finanziare, concedendo danaro a un costo più interessante. «Un'operazione di private equity - spiega Roberto Saviane, partner di Wise (De Agostini) - cerca di costruire un equilibrio tra debito ed equity, spostando verso il medio-lungo termine il debito di breve, quello che le imprese familiari, spesso sottocapitalizzate, utilizzano per gli investimenti».
E la famosa "leva", cioè la tentazione di alcuni fondi (e soprattutto di alcuni tipi di operazioni) di utilizzare più debito che capitale? «Nel caso di buyout, di rilevamento di un'impresa - dice Gabriele Cappellini, direttore generale di Mps Venture Sgr - il fondo si deve comportare come un nuovo allenatore, senza però stressare troppo la squadra: ecco allora che nel nostro caso il debito non deve superare di 4-5 volte il valore del margine operativo lordo».
Con Basilea 2 potrebbe aprirsi per i fondi una nuova era, perché il private equity agisce su quello che molti analisti considerano il «male cronico" delle Pmi: la sottocapitalizzazione che, storicamente, ha due cause. La prima riguarda la pratica del multi-fido, con casi di aziende che intrattengono rapporti anche con quindici-venti istituti di credito perché chiedere troppo a un solo soggetto potrebbe trasformare il rapporto nella fiera dei "no". La seconda causa della sottocapitalizzazione delle realtà industriali italiane è la vecchia pratica della fideiussione personale che l'imprenditore concede alla banca a garanzia del finanziamento. «Basilea 2 aumenterà il flusso di imprenditori che si rivolgeranno al private equity - commenta Walter Comelli, di Sanpaolo Imi Fondi Chiusi Sgr (gruppo Intesa-Sanpaolo) - perché chi ha una situazione patrimoniale ballerina, o si adatterà a pagare di più mutui e prestiti oppure cercherà di riportare il proprio rating su livelli accettabili, anche attraverso l'ingresso di nuovi soci in azionariato. Soci con un marchio forte e le spalle grosse». Una stoccata a Basilea 2 la dà Simone Cimino, fondatore di Cape Natixis Sgr: «In Italia c'è uno strutturale indebitamento del circolante perché le aziende pagano tardi, soprattutto i grandi gruppi. E Basilea 2 di questo non tiene conto, se tu fatturi e incassi a sei mesi, ti devi necessariamente indebitare. Chi acquista materie prime dall'estero, sa benissimo che i pagamenti sono immediati. Ecco che i fondi possono dare alle aziende la forza necessaria per sopportare questa situazione».
Eppure il rapporto tra il nuovo Accordo e i fondi parrebbe privilegiato. Lo ricorda Andrea Resti, professore di economia degli intermediari finanziari alla Bocconi: «Basilea 2 tratta bene le banche che vogliono mettersi in portafoglio società non quotate, come fanno i fondi di private equity, perché la ponderazione ai fini del rischio, ciò che determina l'assorbimento patrimoniale e quindi quanto capitale la banca deve accantonare a fronte del prestito erogato, è del 300% nel caso di società quotate, e del 200% per le partecipazioni ben diversificate in private equity». Che significa: le azioni in cui investono i fondi possono essere più "economiche" rispetto ai titoli quotati.
Se questi nuovi "allenatori" saranno in grado di aiutare realmente il mondo delle imprese nell'affrontare il match di Basilea 2 è ancora presto per dirlo. Certo è probabile che, nei prossimi anni, le aziende familiari con bilanci da rattoppare dovranno abituarsi ad accogliere nell'azionariato qualche parente (private) in più.

* * *

Dove e quanto investe il private equity
Record di operazioni nel settore della tecnologia. Nei primi sei mesi del 2007 i fondi di private equity italiani hanno investito oltre 272,2 milioni di euro in aziende nostrane, di diversi settori, con un fatturato fino a 50 milioni di euro. Si tratta delle classiche piccole imprese che costituiscono ancora la spina dorsale del sistema economico italiano. Come si vede nella tabella qui a destra (ndr: non disponibile), le risorse maggiori (cioè il peso % sull'ammontare totale) sono andate al comparto «Altre manifatture» con 48 milioni di euro investiti (il 17,6%). Il record di numero di operazioni spetta invece al comparto «Computer» (17 operazioni, il 14,8%, su 115).
Nel manifatturiero i deal più «ricchi». Sulle piccole 3 operazioni su 4. Il 56% delle risorse è stato assorbito da 10 maxi-operazioni. Ammontano ad oltre 1,9 miliardi di euro gli investimenti fatti dai fondi, da gennaio a giugno, nelle aziende italiane. Il numero più alto di operazioni (115, il 75,2% del totale) è stato realizzato in società con ricavi fino a 50 milioni. Guardando invece al valore dei deal, oltre un miliardo di euro (quindi il 56,3% sul totale), che corrisponde però a sole dieci operazioni, è stato portato a termine con gruppi che hanno generato ricavi superiori a 250 milioni. Che tradotto suona così: oltre sette operazioni di private equity su dieci hanno riguardato le Pmi. Ma oltre la metà dei soldi messi sul piatto dai fondi è finita sole in dieci maxi-operazioni.

L'accordo
I principi base. Basilea 2 è un accordo vincolante (e non una legge) che viene riconosciuto dalle banche centrali e dalle autorità di vigilanza di oltre 100 Paesi. Un accordo che definisce i requisiti patrimoniali delle banche in relazione ai rischi assunti nelle loro attività. I tre pilastri sui quali si basa sono: i requisiti patrimoniali minimi, il controllo prudenziale dell'adeguatezza patrimoniale, i requisiti di trasparenza delle informazioni.
Il sistema dei rating. Secondo Basilea 2 gli istituti di credito devono classificare i propri clienti con dei rating (dei veri e propri voti) in base alla loro rischiosità. Le aziende con bilanci sani, quindi con dei rating elevati, saranno privilegiate quando chiederanno dei finanziamenti e si vedranno applicare tassi d'interesse più vantaggiosi rispetto a chi, invece, ha una scarsa patrimonializzazione e molti debiti.
Meno capitale da accantonare. Rispetto a Basilea 1, il nuovo Accordo premia le banche che prestano denaro ad aziende virtuose. Se prima, per esempio, prestare un milione di euro a un cliente con rating AAA richiedeva un capitale immobilizzato di 80mila euro, oggi potrebbero essere sufficienti 16mila euro.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Il monitoraggio parte dal bilancio e dalla tesoreria
La felicità sul posto di lavoro non è un lusso e non va...
Soggetti non quotati e principi contabili internazionali
Perché il nuovo Codice della crisi e dell'insolvenza imporrà...
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Nuovo codice della crisi d'impresa, occasione per le Pmi
Assonime: la riforma del fallimento è già fallita
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
L'Inrl al tavolo con la nuova Ue
Il fallimento non c'è più le parole dell'economia cambiano...
Modifiche alla norma sugli organi di controllo nelle srl non...
Fisco, i 15 trucchi per nascondere l'Iva: caccia a 36 miliardi
Fisco, controlli selettivi sui conti delle persone fisiche
Per intercettare la crisi preferibile scegliere il sindaco
Prelievo dal conto in banca: il creditore può revocarlo?
Quando serve la Scia?
Come provare un contratto verbale
Allerta, c'è la crisi: le aziende da salvare e i dubbi sul...
Indici della crisi derogabili con attestazione
Ferrero sempre più forte, anche grazie a queste 17 regole...
Da contabile a stratega: così cambia il ruolo del Cfo in...
Srl: atto costitutivo o statuto da modificare, ma non sempre
Chi di indipendenza ferisce, di indipendenza perisce
Revisione delle piccole e piccolissime imprese, l'attività da...
Se vuoi pensare come un leader, devi agire come un leader
Le 5 abilità più richieste dai datori di lavoro per Linkedin
Società in house un ibrido mal riuscito
Riforma legge fallimentare: quali soglie per il regime di...
Anatocismo, agire con i conti correnti aperti
I revisori legali presentano proposta di legge sulla...
«Per le imprese sane rischi limitati: le banche fanno la fila...
Azienda Italia, il vertice non cambia al timone meno...
Cda bancari, la stretta della Cassazione
Società quotate, i commercialisti spingono per...
Direct lending, così fondi ed enti previdenziali saltano le...
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
I controlli sul no profit setacciano utili e attività
Il D.Lgs. 81/2008 "Testo Unico sulla Salute e Sicurezza...
Perché gli avvocati sono pagati sempre meno? Una...
A guardia ci sono i lupi: ecco perché l'Europa non batte...
Whistleblowing, tutte le incognite per chi denuncia un...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)