Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Basilea 2, l'allarme delle imprese
di Giorgio Lonardi
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 15 marzo 2010

Il primo a lanciare l'allarme è stato Michele Perini, ex presidente di Assolombarda, oggi presidente di Fiera Milano e a capo di Sagsa, media azienda nel settore dei mobili: «A maggio, con la presentazione dei bilanci 2009 da parte delle piccole e medie imprese rischiamo una debacle. Già adesso stanno fallendo fornitori da tutte le parti...». A preoccupare Perini è l'applicazione dei criteri di Basilea 2 (l'accordo internazionale sui requisiti patrimoniali delle banche che impone agli stessi istituti di credito di classificare i loro clienti in base alla loro "rischiosità") alle piccole e medie imprese italiane reduci da un 2009 disastroso. E che quindi, secondo lo stesso Perini, rischiano di ritrovarsi strozzate e senza accesso al credito. Anche perché parecchie banche hanno lamentato che fra il 2007 e il 2009 c'è stato un fortissimo aumento delle sofferenze prefigurando implicitamente una sorta di stretta strisciante. E allora?
Lo scenario tratteggiato da Perini allarma un po' tutto il sistema imprenditoriale.
Vincenzo Boccia, presidente della piccola industria di Confindustria ha sottolineato un un'intervista ad un quotidiano economico che i conti del 2009 saranno quelli di un «annus horribilis». E che quindi i bilanci di molte imprese «potrebbero essere pesanti». In questo quadro «sarebbe disastroso» se si registrasse un atteggiamento di chiusura delle banche».
Preoccupatissimo anche Paolo Galassi, presidente di Confapi. Lo stesso Galassi, però sottolinea che i rischi insiti nell'applicazione di Basilea 2 in questo scorcio del 2010 sono di altro tipo. Spiega: «Falliranno alcune aziende? E' possibile. Il problema vero, però, sarà di tipo sociale: a fronte di una stretta creditizia come quella che si prospetta, le piccole imprese reagiranno con l'unica arma che hanno disposizione: tagliando l'occupazione. E lo faranno con la morte nel cuore perché i buoni collaboratori sono il motore delle nostre aziende».
Sul fronte bancario, però, i punti di vista sono totalmente diversi. Lo confermano i dirigenti di due fra le prime cinque banche italiane che abbiamo ascoltato a patto di mantenere l'anonimato. «Intanto ridimensioniamo il problema», esordisce il primo banchiere, «a cominciare dal fatto che tutte le microimprese che ricorrono alla contabilità semplificata sono escluse da un esame dei bilanci ispirato ai criteri di Basilea 2». Diverso il caso delle aziende con un giro d'affari fino a 5 milioni di euro che utilizzano la contabilità ordinaria. «In questo caso il nostro "punteggio" per la determinazione del rating creditizio si basa anche sull'esame dei bilanci. Ma le posso assicurare che il "peso" di questi ultimi è molto basso, sensibilmente inferiore al 20%. Al contrario diamo un valore nettamente più alto ai dati che ci provengono dalla centrale rischi sulla puntualità nel rientro delle scadenze. Se un'azienda ritarda a rimborsare le rate di un mutuo il suo rating cala molto di più».
A parere del secondo banchiere «il rischio che a maggio ci sia una stretta è oggettivo. Però non dobbiamo dimenticare che una banca sopravvive solo se eroga il credito. Il nostro mestiere è questo». Quanto al fatto che i bilanci del 2009 saranno brutti il nostro banchiere non si scompone: «Lo sappiamo benissimo. E infatti non perderemo troppo tempo a guardarci dentro. Al contrario, avrà molta più importanza l'impegno degli imprenditori a ricapitalizzare le loro imprese dimostrando così di credere al futuro. O anche la loro capacità di fornire garanzie, anche di tipo personale».
Le piccole imprese, dunque. Perché la musica cambia quando si tratta di aziende più grandi. Giorgio Squinzi, presidente di Federchimica, alla guida della sua Mapei (circa 1,7 miliardi di fatturato) non è impensierito da Basilea 2: «A noi, alla nostra azienda Basilea non ci tocca. Certo per i piccoli è diverso». Incalza Stefano Meloni, membro della giunta Federchimica, presidente sia di Polynt (600 milioni di ricavi) che di Oxem (200 milioni di fatturato): «Le nostre aziende, anche quelle più piccole, sono tutte molto strutturate. Tuttavia non dobbiamo dimenticare una serie di problemi che incideranno sui bilanci 2009 e certamente non per colpa delle aziende. Emblematico il problema dei ritardi nei pagamenti da parte della Pubblica Amministrazione». Meloni conclude ricordando che né la Cina né gli Usa aderiscono a Basilea. «Si tratta di un problema che riguarda in primo luogo le banche e poi anche le imprese. Una vera e propria distorsione della concorrenza che danneggia tutti noi».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
La felicità sul posto di lavoro non è un lusso e non va...
Soggetti non quotati e principi contabili internazionali
Discriminazioni nel mondo del lavoro: ecco le più diffuse
Partite le segnalazioni alle società tenute alla nomina del...
Revisori e sindaci da scegliere in 154mila aziende
Srl, i criteri per scegliere se nominare un revisore o un...
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Più costi che interessi: i conti correnti sono già in rosso...
Scoperto di conto corrente: cosa succede
Garavaglia: via l'obbligo dei revisori nelle srl più piccole
La governance delle società alla luce del codice della crisi
Business plan: che cos'è e come redigerlo
Come provare un contratto verbale
Allerta, c'è la crisi: le aziende da salvare e i dubbi sul...
Autovalutazione per il collegio sindacale
Addio profitto, scopo dell'impresa è la felicità di chi ne fa...
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
Lo stage è sempre retribuito?
Licenziate i lecchini. I dirigenti competenti non hanno...
Come creare start up innovative
Rinuncia dei soci ai crediti verso la partecipata
Le 5 abilità più richieste dai datori di lavoro per Linkedin
Le 5 regole indispensabili per dare un feedback davvero...
Revisori in rete con il progetto Sol
Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi...
Una spinta a Pir e venture capital
Lo smart working in Italia non cresce perché manca la...
Lavoro e disabilità: guida pratica per l'azienda
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Riforma legge fallimentare: quali soglie per il regime di...
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
La riforma che verrà: il ruolo determinante dei sindaci e...
La correzione degli errori di bilancio
Consulenti e revisori insieme
Lezione giapponese: così gli Yes Men affossano le aziende
Approccio basato sul rischio anche per i sindaci-revisori
Più tempo per la formazione
Piccole e medie imprese migliore crescita in Europa: il...
A guardia ci sono i lupi: ecco perché l'Europa non batte...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)