Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.024
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Basilea 2, l'accesso al credito resta complicato
di Franco Canevesio
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 24 settembre 2007

L'Italia è un paese strano, che riesce a mettere il mare tra il dire e il fare anche quando, in mezzo, c'è un atto normativo terragno e pragmatico come quello di Basilea 2. Entrato in vigore a giugno 2006 per regolare l'attività bancaria rapportata a quella delle imprese questo accordo che ha introdotto nuove regole in materia di bilancio, nuovi criteri per l'attribuzione del rating (che serve per valutare i rischi connessi all'accesso al credito e che incide sul costo delle singole operazioni di finanziamento), dopo un anno di operatività, fa mugugnare più d'un industriale, soprattutto se piccolo o piccolissimo.
A dire il vero, scorrendo l'ultima edizione (quella del 2006) del Rapporto sull'affidabilità delle imprese minori, stilato da Unioncamere, quello che salta subito all'occhio è che le Pmi italiane risultano sostanzialmente "affidabili". Guardando meglio, si vede che il tasto dolente è proprio l'accessibilità al credito diventata da noi, dicono gli interessati, più una chimera che un'opportunità. Con la benedizione di Basilea 2.
Ma andiamo con ordine e partiamo dalla ricerca di Unioncamere che ha preso in esame 16.493 aziende suddivise in 11.941 ditte individuali e 5.002 società di persone, tutte raggruppate in 4 macrosettori scelti in base all'attività svolta: commercio (7.136 imprese), servizi (4.060), manifatturiero (3.691) e costruzioni (2.056). Quasi nove imprese su dieci dispongono al massimo di cinque collaboratori e l'85 per cento delle aziende ha un fatturato inferiore a 500mila euro: il 92 per cento non dispone di filiali e poco più dell'1 per cento ne ha almeno due. Il 58 per cento delle imprese opera al dettaglio offrendo soprattutto beni (36 per cento) o servizi (22 per cento). La metà di questo 58 per cento si trova al Sud mentre la percentuale di quanti operano al dettaglio nel Nord-Est scende sensibilmente e si attesta al 27 per cento. Ancora: il 53 per cento delle società prese in considerazione dalla ricerca non ha debiti mentre c'è uno striminzito 3,7 per cento per cui i debiti superano l'ammontare del fatturato.
Tra i risultati dell'indagine spicca quello sulla liquidità: per il 42% delle imprese i tempi di incasso e pagamento coincidono mentre per il 24% "i tempi di pagamento sono inferiori a quelli di incasso" e il restante 34% "gode di vantaggi nella definizione delle scadenze". Tradotto, il dato significa che "una impresa su quattro deve fare i conti con uno squilibrio che potrebbe condurre a difficoltà nella gestione dell'azienda". La cosa al momento non sembra impensierire più di tanto visto che, facendo una media generale, solo il 3,9% delle impresecampione risulta essere, secondo i parametri di Basilea 2, in una situazione di default (lo sono il 4,1% delle società di persone e il 3,3% di quelle di capitale). A livello di settori è interessante notare come le imprese manifatturiere siano quelle meno in sofferenza, visto che solo il 3,1% di esse ha problemi di insolvenza. Seguono il commercio, col 3,9% di aziende in sofferenza, le costruzioni col 4,1% e infine i servizi col 4,5% delle imprese in rischio default.
Combinando questi dati con quello sulla liquidità, si vede come il rischio di insolvenza cresca con l'aumentare dei tempi di pagamento: chi regola subito le proprie pendenze solo nel 3,4% dei casi rischia poi di trovarsi in default, cosa che invece accade a quasi il 6% di quanti pagano dopo i fatidici 90 giorni. E se, prendendo in considerazione l'anzianità delle imprese, si vede che tanto più l'azienda è giovane, tanto più cresce il rischio di insolvenza, considerando invece il livello di occupazione, si nota che il "molto piccolo è bello": tra le imprese che si dimostrano più solide dal punto di vista finanziario ci sono le ditte individuali, le società di persone che si avvalgono solo del lavoro degli imprenditori e quelle "che hanno una struttura significativa ma ancora gestibile in modo che si possa definire artigianale". Questa tendenza sembra solida, tanto da essere confermata nell'analisi previsionale di Unioncamere: proiettando i numeri precedenti in un arco temporale di 12 mesi, emerge che la fascia di solvibilità è occupata per la maggior parte da società di persone (81,7%) mentre le ditte sono decisamente più vulnerabili al rischio di default. Anche a voler fare le Cassandre a tutti i costi sull'anno che verrà prendendo in considerazione il fatturato, resta saldo il fatto che la crescita dimensionale di per sé non favorisce la maggiore solidità finanziaria: anche in futuro, secondo Unioncamere, il crescere del fatturato porta con sé l'aumento della percentuale di imprese che si vanno a collocare nella classe a più alto rischio di insolvenza.
E, anche in futuro, la liquidità è destinata a giocare lo stesso ruolo che ha avuto nel recente passato: "la percentuale di imprese solvibili - riporta l'indagine - diminuisce con l'allungarsi dei tempi di pagamento, scendendo da valori superiori al 70% di chi rientra nei tempi medi di pagamento al 51% di chi paga dopo oltre 6 mesi".
I dati della ricerca Unioncamere perdono un po' della loro forza quando toccano il tasto dolente dell'accessibilità al credito. Se il 43% delle imprese dichiara l'intenzione di riutilizzare gli utili (non superiori a 25mila euro per il 59% delle aziende, superiori a 100mila euro solo nel 6% dei casi) per effettuare investimenti nel prossimo triennio - macchinari e immobili ma anche sicurezza, qualità, informatizzazione e ricerca di nuovi prodotti - per la maggior parte di queste aziende (il 62%) punto di riferimento ottenere finanziamenti resta la banca, visto che solo l'11% ricorrerebbe a società di leasing e meno del 10% a finanziarie.
Quello con la banca però è un rapporto turbolento: il 90% delle aziende non sono disposte ad accettare aumenti nei costi in cambio di una maggiore disponibilità della banca a erogare i finanziamenti e solo il 45% sarebbe disposto a offrire maggiori garanzie pur di migliorare la propria capacità di penetrazione all'interno della banca stessa. Questo perché la possibilità di ottenere una linea di credito è, secondo le imprese, questione sottoposta ad almeno due variabili: la necessità di dimostrare di disporre di un'adeguata dotazione di garanzie e un buon rapporto personale col direttore.
Due questioni che, nel nostro Paese, neppure Basilea 2 riesce a scalfire. La conferma arriva da uno che con queste problematiche combatte ogni giorno: Agostino Goldin è presidente di Cidec, la Confederazione degli esercenti commercianti, che raggruppa 350mila iscritti divisi tra piccole e piccolissime imprese. «Da noi il credito è sempre stato un atto di fiducia verso il sistema bancario - dice Goldin -. E la cosa non è cambiata con Basilea 2: le piccole e piccolissime imprese, per esempio, non hanno collegio dei revisori e questo è considerato peccato grave dal sistema bancario che, non contento, penalizza le aziende più giovani, quelle che si affacciano al mercato senza un adeguato pedigree di bilancio. Ma come fanno, se sono appena nate?». Già, come fanno? Non certo come in Germania e in Francia dove le banche favoriscono gli imprenditori più giovani usando parametri maggiormente flessibili rispetto ai nostri: "Lì - spiega il presidente Cidec - l'accessibilità al credito è garantita, anche se il prodotto commercializzato è una novità o è distribuito sul territorio per la prima volta». Con o senza Basilea.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Il commercialista Arlecchino servitore di due padroni
La felicità sul posto di lavoro non è un lusso e non va...
Perché il nuovo Codice della crisi e dell'insolvenza imporrà...
Quante partite Iva può avere la stessa persona?
Codice della crisi, i benefici superano i costi
Indici di crisi a misura d'impresa. Controlli ogni tre mesi
Revisori e sindaci da scegliere in 154mila aziende
Srl: dal revisore unico al collegio, i dubbi su nomina e...
Private equity e debt, contano Ebitda e posizione finanziaria
Credito del socio compensabile con l'aumento di capitale...
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Più costi che interessi: i conti correnti sono già in rosso...
Errori fiscali: conseguenze e rimedi
Amministratori di società: la responsabilità diventa illimitata
ReportCalcio 2019 della Figc
L'Inrl al tavolo con la nuova Ue
Quattro errori dei manager che fanno fallire le aziende
Riforma diritto fallimentare. Istituzione dell'organo di...
Per intercettare la crisi preferibile scegliere il sindaco
Fatture elettroniche: come si annullano?
Quando serve la Scia?
Come creare una start up
Ferrero sempre più forte, anche grazie a queste 17 regole...
Licenziate i lecchini. I dirigenti competenti non hanno...
Il piano aziendale quale strumento di governance e...
Revisione delle piccole e piccolissime imprese, l'attività da...
Lavoro, le quattro competenze che fanno la differenza e...
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Troppo socialista per la City, ascesa e caduta di una ceo...
Mifid II, le opportunità per il private banking
Anatocismo, agire con i conti correnti aperti
Le agenzie di rating: chi sono, cosa fanno e perché il loro...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
Bonus piccoli stadi con sconti limitati alle ristrutturazioni
Indice di allerta nelle crisi di impresa: esiste, funziona...
Scartati nei colloqui di lavoro perché troppo qualificati...
Il differimento dei termini per l'approvazione del bilancio...
Una società di capitali può essere nominata...
Consulenti e revisori insieme
Aziende sedute su una montagna di debiti. Peggio che...
Lezione giapponese: così gli Yes Men affossano le aziende
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)