Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Banche in coro: «Nessun rischio per le aziende»
di Morya Longo
Il Sole 24 Ore
Mercoledì 2 gennaio 2008

Nessuna rivoluzione. Nessun "giorno del giudizio". Nonostante i timori che si trascinano da anni nel mondo delle imprese, dalle banche italiane arriva l'ennesimo messaggio rassicurante: l'ingresso nell'era di Basilea 2 non causerà drastici sconvolgimenti nel rapporto tra le banche e le aziende. Per tanti motivi. «Perché i cambiamenti introdotti da Basilea 2 sono già in atto da anni», sostiene Bruno Sbrocco, responsabile della clientela corporate di Bnl. «Perché il rapporto commerciale e personale tra le banche e le aziende continuerà a prevalere», aggiunge Luciano Gornati, direttore generale di Iccrea Banca. «Perché il cambiamento sarà graduale e dipenderà dalle politiche commerciali e dalla propensione al rischio di ogni singola banca», sottolinea Marco Massacesi, responsabile della direzione governo patrimonio del Monte dei Paschi. E perché - si potrebbe aggiungere - anche i big del credito partiranno in modo "soft".
Questo messaggio rassicurante che arriva dalle banche non è di poco conto. Il mondo imprenditoriale da anni è preoccupato per l'entrata in vigore (che sembrava sempre lontanissima ma che ora è arrivata) degli accordi di Basilea 2 sui requisiti patrimoniali. Il motivo è semplice: la nuova normativa impone alle banche di accantonare capitale in base alla rischiosità delle imprese a cui prestano i soldi, per cui in tanti temono che i rubinetti del credito possano chiudersi per le aziende che si trovano in difficoltà. Insomma: tanti temono che le imprese in difficoltà, e dunque più rischiose, potrebbero essere penalizzate dal mondo bancario proprio nel momento in cui avrebbero bisogno di aiuto. Non solo. Dato che il sistema industriale italiano è fatto di tante piccole aziende, che solitamente non possono vantare rating elevati, in tanti temono che alla fine Basilea 2 si trasformi in un boomerang. Motivo: le piccole imprese potrebbero avere rating bassi e dunque essere penalizzate per il solo fatto di essere piccole.
Ma dalle banche arriva un messaggio rassicurante. «Quando assegniamo il rating a un'impresa di piccole dimensioni - spiega Sbrocco della Bnl - teniamo conto della sua specificità. I fattori di fragilità delle piccole società sono controbilanciati da altre variabili, che noi valutiamo a differenza delle grandi agenzie di rating. La rischiosità media delle imprese italiane è molto bassa: e questo nei nostri rating è tenuto in considerazione». Morale: «I timori che ancora ci sono, saranno presto fugati - sostiene Sbrocco -, perché Basilea 2 non porterà effetti negativi sulle imprese». Di parere analogo è Gornati di Iccrea. A suo avviso sulla politica del credito "asettica" di Basilea 2 prevarrà la vocazione commerciale delle banche: per avere nuovi clienti e per non perdere quelli esistenti, le banche tenderanno comunque ad applicare tassi d'interesse competitivi. «Il rapporto commerciale e interpersonale tra banca e imprenditore a mio avviso continuerà a prevalere», sostiene Gornati.
Marco Massacesi, del Montepaschi, sostiene però che Basilea 2 avrà effetti diversi a seconda dei casi. «A mio avviso due sono le variabili che influenzeranno l'erogazione del credito di ogni singola banca - osserva -. La prima è il free capital: gli istituti con maggiore disponibilità di capitale potranno effettuare politiche commerciali più aggressive. La seconda variabile è legata alla propensione al rischio di ogni banca. Il rating infatti è solo uno strumento che indica quanto un'impresa è rischiosa. Ma una volta accertato il rischio, ogni banca può decidere quanto credito erogare. Insomma, anche nell'era di Basilea 2 sarà il libero arbitrio e la politica di ogni singolo istituto ad essere determinante».
C'è poi un'altra accusa che viene sempre mossa agli accordi di Basilea 2: la cosiddetta prociclicità. Tanti temono che quando l'economia rallenta e le imprese entrano in una situazione di stress finanziario, le banche sono incentivate a ridurre il credito; questo, dunque, aumenta lo stress delle aziende e contribuisce a rallentare l'economia. «Qualche rischio c'è - ammette Massacesi -, ma quello della prociclicità è uno dei punti su cui la Vigilanza ha più insistito con le banche. La Banca d'Italia ha fatto in modo che le banche italiane adottassero modelli che evitassero questo inconveniente, e credo che i modelli attualmente in lavorazione siano in grado di garantire la stabilità». Esclude ogni rischio Sbrocco di Bnl: «Non credo che Basilea 2 possa costituire un effetto leva per aggravare le crisi economiche». Ora non resta che osservare i fatti.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
AAA revisore cercasi. Inutilmente
Sindaco o revisore unico, questo è il problema. Perché non...
La fine di un mito: il lavoro sicuro in banca
Partite le segnalazioni alle società tenute alla nomina del...
E se le costose procedure di allerta fossero un'occasione...
Revisori e sindaci per le Srl, la miniguida alla scadenza del...
Perdita di continuità aziendale, crisi e insolvenza
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Buttati! I 4 rimedi contro l'ossessione del perfezionismo
L'importanza di dotarsi di un sistema di controllo di gestione
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Scoperto di conto corrente: cosa succede
Fisco, i 15 trucchi per nascondere l'Iva: caccia a 36 miliardi
Crisi d'impresa, vi spiego perché la parola fallimento non...
Prelievo dal conto in banca: il creditore può revocarlo?
Quando serve la Scia?
Fallimento e crisi d'impresa: uno strumento per essere...
Crisi d'impresa: la riforma discrimina sull'obbligo assetto!
Gli indicatori gestionali critici della continuità aziendale
Revisione delle piccole e piccolissime imprese, l'attività da...
Se vuoi pensare come un leader, devi agire come un leader
Fattura elettronica al test dei piccoli negozi e dei benzinai
Le 5 regole indispensabili per dare un feedback davvero...
Revisori in rete con il progetto Sol
Il successo della riforma dipende dall'OCRI: un accorato...
Troppo socialista per la City, ascesa e caduta di una ceo...
Società in house un ibrido mal riuscito
Riforma legge fallimentare: quali soglie per il regime di...
Lehman, il crac degli "altri" che piegò le banche italiane
Società quotate, i commercialisti spingono per...
Confidi al rilancio con la riforma del fondo
Valutazione dell'azienda in crisi con analisi preliminare
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Perché gli avvocati sono pagati sempre meno? Una...
L'impresa familiare brilla più dei rivali
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
Borsa e crowdfunding: così il credito è alternativo
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
A guardia ci sono i lupi: ecco perché l'Europa non batte...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)