Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Aziende pronte per Basilea 2
di Roberta Paolini
Il Sole 24 Ore - Nord Est
Mercoledì 2 gennaio 2008

Il Nord-Est non ha paura di Basilea 2. Nel rapporto banca impresa le aziende del quadrante nord-orientale raggiungono l'apice della graduatoria in quanto a parametri di solidità e solvibilità finanziaria. A dirlo è uno studio realizzato da Eu-ra, che evidenzia come nell'ultimo triennio le imprese nord-estine si siano rafforzate per patrimonializzazione e aumento di redditività, raggiungendo la maggior percentuale di imprese nelle classi di rating (merito creditizio) investment grade.
Il protocollo internazionale di Basilea 2 è operativo dal 1° gennaio 2008 e pone severi paletti agli istituti nell'apertura dei cordoni del credito. Per determinare quanto il Belpaese fosse pronto all'appuntamento, Eu-Ra ha elaborato un quadro del grado di vulnerabilità del sistema delle imprese.
All'apice della classifica si piazza il Trentino Alto Adige, regione italiana con la più alta percentuale di imprese con giudizio dalla AAA alla BBB (probabilità di default lievissime o lievi). Oltre il 32% delle imprese del campione analizzato da Eu-ra ha un elevato giudizio di merito creditizio, il 65,7% delle imprese ottiene un voto compreso tra la BB e la CCC, ovvero con una probabilità di default da esigua a preoccupante. In riduzione - anche se in questo caso la regione si piazza al sesto posto per numerosità di imprese - il numero di imprese sulle quali lampeggia il warning. Sono l'1,79% del campione e potrebbero vedersi negare l'accesso al credito. Tale discrepanza è verificabile anche sulla capacità di generare profitti. In base allo studio, infatti, aumentano sia le imprese in utile che quelle in perdita: crescono da 2.927 nel 2004 a 3.450 nel 2006 le imprese con bilancio in nero, da 650 a 928 quelle in rosso. Tra i settori sicuri, in Taa si distinguono come comparti "solidi" l'agricoltura, in controtendenza rispetto al resto della Penisola, con imprese con alto grado di solvibilità nel 51,69% dei casi. Mentre nel comparto utilities (energia, acqua e gas) si conta la fetta più ampia, con oltre il 59% che si posiziona nella fascia investment grade.
Il Veneto, invece, è la regione nord-estina con il minor numero di imprese investment grade, solo il 27,98%, e si piazza al sesto posto nella top 10 italiana delle regioni con imprenditorialità più virtuosa. Ma il Veneto si distingue per essere la regione del quadrante nord-orientale con il minor numero di imprese in sofferenza, ovvero a rischio default o già in default, nelle ultime classi di merito creditizio la percentuale si è infatti ridotta progressivamente nell'ultimo triennio, portandosi ad un totale tra CC e DD dell'1,39 per cento.
Esattamente a metà tra i due estremi si piazza il Friuli-Venezia Giulia, che si guadagna ottime posizioni sia per l'incidenza di imprese virtuose, oltre il 28% ha un merito creditizio buono, che per la riduzione di quelle in sofferenza. In particolare il Friuli-Venezia Giulia dimostra che il processo di ristrutturazione e di avanzamento competitivo delle sue imprese sta portando risultati determinanti per salvare le aziende in crisi. Bastano due cifre: nel 2004 le imprese praticamente in default erano il 4,98% oggi sono l'1,66 per cento.

* * *

Nota metodologica
La ricerca di Eu-Ra ha preso in esame i dati delle società obbligate ad effettuare il deposito dei bilanci nelle Camere di Commercio, assumendo quale dimensione d'impresa la soglia di 500mila euro di fatturato. Sono stati analizzati i bilanci di circa 268.000 società per gli anni 2004, 2005 e 2006. I risultati in termini di Rating (grado di protezione dal rischio di default o grado di solvibilità) delle imprese sono riferiti a ciascuna unità regionale, al di là dei valori assoluti che emergono per numero di imprese costituenti e per dimensione territoriale.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Controllo delle situazioni contabili trimestrali da chiarire
Partite le segnalazioni alle società tenute alla nomina del...
Alert, i debiti tributari ora fanno paura
Più costi che interessi: i conti correnti sono già in rosso...
Quando l'evasione fiscale diventa reato
Amministratore di società: cosa c'è da sapere?
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Garavaglia: via l'obbligo dei revisori nelle srl più piccole
Fisco, controlli selettivi sui conti delle persone fisiche
Per intercettare la crisi preferibile scegliere il sindaco
Prelievo dal conto in banca: il creditore può revocarlo?
Business plan: che cos'è e come redigerlo
Come provare un contratto verbale
Allerta, c'è la crisi: le aziende da salvare e i dubbi sul...
Aprire partita Iva, quali sono i costi?
Autovalutazione per il collegio sindacale
Sempre più scomoda la poltrona dei cda nelle società
Da contabile a stratega: così cambia il ruolo del Cfo in...
Lo stage è sempre retribuito?
Come creare start up innovative
Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi...
Una spinta a Pir e venture capital
Il successo della riforma dipende dall'OCRI: un accorato...
Società in house un ibrido mal riuscito
Riforma Bcc e la paura del "too small to fail"
Società quotate, i commercialisti spingono per...
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
Bonus piccoli stadi con sconti limitati alle ristrutturazioni
Società in crisi, scissione e bad company
Il differimento dei termini per l'approvazione del bilancio...
Categorie al fotofinish sul Gdpr
Banche, multa da 11 milioni a Bnl, Intesa e Unicredit...
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
Più tempo per la formazione
Professionisti, le spine dell'equo compenso: sono più i casi...
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Borse, è la festa più lunga. Gli Usa macinano record e...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)