Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Aziende bocciate all'esame di Basilea 2
di Claudio Pasqualetto
Il Sole 24 Ore
Mercoledì 4 agosto 2004

Bocciate in affidabilità. Troppe imprese italiane, il 58% secondo un campione analizzato dalla società di rating Eu-Ra, non raggiunge la sufficenza patrimoniale e finanziaria secondo i criteri di Basilea 2. Poco consola sapere che, se nessuna azienda arriva all'Olimpo della tripla A, che significa solvibilità massima, nella C, e quindi con situazioni patologiche considerevoli, c'è un modesto 0,84% del campione e nella D, praticamente in default, appena lo 0,01 per cento.
Il problema di fondo è quello più volte denunciato: la maggioranza delle aziende italiane ha dedicato finora poca attenzione al suo equilibrio strutturale. Pesano ragioni territoriali, e il Nord risulta essere più in buona salute rispetto al Sud; ragioni dimensionali, con le piccole aziende più in sofferenza rispetto a medie e grandi; ma non mancano motivazioni legate ai singoli mercati e al riflesso che questi possono avere, ad esempio, sulla regolarità dei flussi di cassa. Il campione esaminato da Eu-Ra è tutt'altro che irrilevante: 60mila imprese di tutta Italia che hanno regolarmente presentato bilanci ordinari fra il 1997 e il 2002. Trasferendo le indicazioni di bilancio nella "griglia" messa a punto secondo le indicazioni di Basilea 2, quella stessa che le banche, anche se con sfumatre diverse, adotteranno, si ha il risultato citato.
«Il dato è preoccupante e la nostra lettura è leggermente peggiorativa rispetto ad altre fatte con criteri diversi - spiega Maurizio Fanni, presidente di Eu-Ra - ma ogni singola situazione ha una precisa motivazione. Certo, leggendo il movimento fra le diverse classi di rating, si nota una tendenza al miglioramento negli ultimi anni ma è un trend molto debole e, secondo le nostre proiezioni, complice anche la situazione economica generale, quest'anno potrebbe addirittura registrare un'inversione di tendenza con un incremento fino al 59% delle aziende ad affidabilità insufficente».
La regione che sta peggio, con quasi il 20% di aziende a rischio solvibilità, è il Lazio; ma la classifica è estremamente sgranata ed entro il 14% rientrano anche Molise, Calabria, Liguria, Sardegna, Abruzzo e Sicilia. Chi sta meglio è la Valle d'Aosta ferma all'8% e tra le più virtuose ci sono anche Basilicata, Marche, Friuli-Venezia Giulia, Piemonte e Veneto.
«A penalizzare il Lazio - commenta Fanni - è la forte concentrazione di microaziende. Anche a Nordest c'è un fenomeno simile ma qui le imprese, pur piccole, solitamente rientrano in un distretto che ha trasmesso cultura industriale, che offre servizi a rete, che sviluppa efficenza e competitività».
Quanto ai settori produttivi, i rischi maggiori li corre chi produce servizi per la pubblica amministrazione, con quasi il 30% delle imprese che presenta seri problemi di solvibilità; ma vicino al 25% stanno anche le imprese dell'intrattenimento e le attività di poste e tlc. «Anche in questo caso la spiegazione non è difficile - osserva Fanni - la pubblica amministrazione è un pessimo pagatore e questo incide pesantemente sulla programmazione e sui flussi di cassa. L'entertainement è penalizzato dalla forte presenza di una componente immateriale nella produzione, mentre per poste e tlc c'è da considerare la precarietà di un settore in grande evoluzione. In compenso chi sta meglio sono le attività più tradizionali, dall'industria estrattiva a quella metallurgica, dalla chimica/plastica al manifatturiero, fino alle multiutilities che hanno solidi flussi finanziari in ingresso ed attività ad alto valore aggiunto».
Se, a questo punto, è quasi scontato constatare che più crescono le dimensioni dell'impresa più aumenta la sua affidabilità in quanto assume una struttura industriale più completa, meno prevedibile risulta il fatto che, secondo le stime di Eu-ra, un quarto di quel quasi 17% di aziende che oggi viene valutato con la tripla C, rischia il default entro tre anni se non apporterà adeguati correttivi.
«La nostra analisi - conclude Fanni - è ovviamente molto tecnica ma si basa su elementi oggettivi. Anche a leggere il tutto, come abbiamo fatto, attraverso i rapporti relativi a cash flow, leverage, Roe, Roi il problema di fondo non cambia. Ma a far uscire da un possibile incubo le piccole imprese potrebbe in fondo bastare una più robusta, e oggi non impossibile, capitalizzazione e una minor confusione finanziaria tra azienda e famiglia».

* * *

Un campione di 60mila aziende

Eu-Ra, la società di rating che ha realizzato l'indagine, è uno spin-off del Dottorato di ricerca in finanza aziendale dell'Università di Trieste. Creata all'inizio del 2003 ha oggi una banca dati con la situazione di 200mila aziende e ha sviluppato proprie piattaforme di analisi per elaborare, con attenzione specifica alle Pmi, un rating tecnico, un rating operativo e un rating per il merito di credito.

La società, che ha sede a Trieste, opera in collaborazione con numerosi altri atenei italiani ed è partecipata, fra gli altri, da Banca Generali, Banca Ponti, Federazione veneta delle BCC, Sfir Sardegna, Friulia e Confidi di Pordenone e Treviso.

Il campione analizzato, nell'evoluzione dei bilanci fra il 1997 ed il 2002, è di circa 60mila aziende. I fatturati delle aziende esaminate variano da poco meno di 500mila euro a oltre 500 milioni, con le maggiori presenze nelle classi fra 1 e 3 milioni e fra 6 e 20 milioni.

La ripartizione geografica delle imprese riflette la concentrazione industriale, con una presenza determinante di Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Piemonte, Lazio e Toscana, mentre per quanto riguarda i settori la ripartizione è stata fatta seguendo l'abituale classificazione Istat.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Il monitoraggio parte dal bilancio e dalla tesoreria
La felicità sul posto di lavoro non è un lusso e non va...
Soggetti non quotati e principi contabili internazionali
Perché il nuovo Codice della crisi e dell'insolvenza imporrà...
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Nuovo codice della crisi d'impresa, occasione per le Pmi
Assonime: la riforma del fallimento è già fallita
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
L'Inrl al tavolo con la nuova Ue
Il fallimento non c'è più le parole dell'economia cambiano...
Modifiche alla norma sugli organi di controllo nelle srl non...
Fisco, i 15 trucchi per nascondere l'Iva: caccia a 36 miliardi
Fisco, controlli selettivi sui conti delle persone fisiche
Per intercettare la crisi preferibile scegliere il sindaco
Prelievo dal conto in banca: il creditore può revocarlo?
Quando serve la Scia?
Come provare un contratto verbale
Allerta, c'è la crisi: le aziende da salvare e i dubbi sul...
Indici della crisi derogabili con attestazione
Ferrero sempre più forte, anche grazie a queste 17 regole...
Da contabile a stratega: così cambia il ruolo del Cfo in...
Srl: atto costitutivo o statuto da modificare, ma non sempre
Chi di indipendenza ferisce, di indipendenza perisce
Revisione delle piccole e piccolissime imprese, l'attività da...
Se vuoi pensare come un leader, devi agire come un leader
Le 5 abilità più richieste dai datori di lavoro per Linkedin
Società in house un ibrido mal riuscito
Riforma legge fallimentare: quali soglie per il regime di...
Anatocismo, agire con i conti correnti aperti
I revisori legali presentano proposta di legge sulla...
«Per le imprese sane rischi limitati: le banche fanno la fila...
Azienda Italia, il vertice non cambia al timone meno...
Cda bancari, la stretta della Cassazione
Società quotate, i commercialisti spingono per...
Direct lending, così fondi ed enti previdenziali saltano le...
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
I controlli sul no profit setacciano utili e attività
Il D.Lgs. 81/2008 "Testo Unico sulla Salute e Sicurezza...
Perché gli avvocati sono pagati sempre meno? Una...
A guardia ci sono i lupi: ecco perché l'Europa non batte...
Whistleblowing, tutte le incognite per chi denuncia un...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)