Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.024
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

«Avviare subito Basilea 3»
di Rossella Bocciarelli
Il Sole 24 Ore
Domenica 12 ottobre 2008

Una delle vittime della crisi finanziaria in corso sarà, con ogni probabilità, il sistema di ponderazione del rischio definito con il secondo accordo internazionale di Basilea sui ratios patrimoniali delle banche. O, almeno, verrà profondamente modificata la sua veste attuale, entrata in vigore in Italia con forza di legge un anno fa. Su questa indicazione emersa dal vertice finanziario del G-7, si sono trovati d'accordo il Governatore di Bankitalia e presidente del Financial Stability Forum Mario Draghi e il ministro dell'Ecomomia Giulio Tremonti, che ha dichiarato con decisione: «Basilea 2 è morto».
Il ministro ha in primo luogo sottolineato, durante la conferenza stampa seguita al vertice, che «dal nostro punto di vista la discussione sugli standard contabili, sulla contabilità, non è asettica, neutrale, ma è politica e rilevante. Dietro gli standard contabili e dietro la discussione su come riformarli - ha aggiunto - c'è in realtà un ragionamento politico che è scettico sui criteri contabili che riflettono un capitalismo veloce, molto "stressato" sui prezzi e pone l'esigenza di tornare a criteri più solidi, più tradizionali». Poi, Tremonti chiarisce: «Quello che per noi è fondamentale, e come è emerso nella discussione anche da parte di tanti altri, gli Ias, cioè i nuovi criteri contabili, forse sono stati un errore e che Basilea 2 è morta. Oggettivamente, questa è l'impressione. Oggettivamente, tutte quelle banche che sono fallite erano in regola con Basilea 2. Quindi c'è qualcosa che non va».
L'aver introdotto contemporaneamente i nuovi ratios patrimoniali e i principi contabili degli Ias, troppo influenzati dalla dinamica turbolenta dei mercati, secondo Tremonti è stata una scelta sbagliata, che adesso va corretta.
Un'indicazione, quella di arrivare presto a una riforma tanto dei criteri prudenziali di Basilea quanto dei nuovi principi contabili, sostanzialmente condivisa da draghi. «Basilea 2 forse non è morta, ma di certo ha bisogno di essere resuscitata in un'altra forma». E secondo Draghi il nuovo accordo andrà chiamato Basilea 3, perché «la debolezza più marcata che esso ha dimostrato in quest'ultimo anno è quella di rispecchiare un criterio altamente prociclico, un criterio che aggrava la posizione di chi sta già male. Quindi va sicuramente rivista». Ma c'è un'altra ragione che milita a favore della revisione dell'accordo sui criteri prudenziali per il patrimonio delle banche: «Basilea 2 - spiega il Governatore - fa grande uso dei rating e, quindi, anche delle agenzie di rating. E con la fiducia che oggi gira verso le agenzie di rating, capite bene che non è più diventato un criterio utile per decidere la capitalizzazione delle nostre banche». Anche ieri mattina, nel briefing alla stampa internazionale condotto da Draghi per presentare il rapporto del Fsf (si veda Il Sole 24 Ore di ieri) nel quale si mette in evidenza la necessità di rafforzare la trasparenza, i presidi patrimoniali, la liquidità e il risk management del sistema finanziario, il Governatore ha battuto sulla necessità di profondi cambiamenti per organismi di valutazione del merito di credito: «Le agenzie di rating devono cambiare molto, debbono eliminare i conflitti di interesse ed essere più trasparenti nei metodi che usano».
Comunque, per quel che riguarda le modalità di stesura dei bilanci, qualcosa, tra le due sponde dell'Atlantico, si sta finalmente muovendo. «Sui criteri contabili - ha spiegato Draghi - l'opinione non è molto condivisa. Ma una cosa, nel comunicato del G-7, si dice. Si afferma infatti che qualunque essi siano, ci dev'essere coerenza tra quello che si fa in Europa e quello che si fa negli Stati Uniti. C'è la sensazione che ci siano delle diversità, per cui negli Stati Uniti i criteri contabili sarebbero più flessibili di quello che sono in Europa. Non è così. Non a caso, nell'ultimo Ecofin la Commissione ha proposto di intervenire e rivedere i criteri contabili europei, al fine di assicurare questa coerenza».

* * *

Ieri e oggi

Basilea 1. L'accordo Basilea 1 riguardava l'adeguatezza patrimoniale delle banche partendo dal principio che ogni attività bancaria comporta un'assunzione di rischio. A fronte di questo rischio (soprattutto di credito), Basilea 1 calcolava i requisiti patrimoniali minimi sulla base di macrocategorie di debitori con fasce di ponderazione ad hoc: le imprese private non bancarie (il 100% dell'8% di ponderazione), banche (20%), enti locali (20%), Stati e rischio sovrano (0%).
Basilea 2. La disciplina prudenziale di Basilea 2 del 2008 introduce una misurazione innovativa del rischio di credito (non più macrocategorie ma rating assegnati da agenzie riconosciute oppure da banche). Basilea 2 inoltre aumento il peso del rischio di credito, di mercato e operativo, delle cartolarizzazioni e delle attività fuori bilancio; affina il rapporto tra banche e vigilanza sui rischi di liquidità e di concentrazione; impone più informazioni.


Variazioni di capitale attese da Basilea 2
Gruppo 1
Metodo standard: 1,70%
Rating interno foundation: -1,30%
Rating interno avanzato: -7,10%
Gruppo 2
Metodo standard: -1,30%
Rating interno foundation: -12,30%
Rating interno avanzato: -26,70%

Fonte: Guida pratica a Basilea 2.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Il virus della crisi d'impresa
Formazione revisori, il fisco va in fuorigoco
Guadagna di più l'imprenditore o il dipendente? Svelato il...
Quante partite Iva può avere la stessa persona?
Nuovo codice della crisi d'impresa, occasione per le Pmi
Controllo delle situazioni contabili trimestrali da chiarire
Alert, i debiti tributari ora fanno paura
Sedata la crisi d'impresa
Indici di crisi a misura d'impresa. Controlli ogni tre mesi
Cassa mutua per i professionisti
Errori fiscali: conseguenze e rimedi
Fisco, i 15 trucchi per nascondere l'Iva: caccia a 36 miliardi
Crisi d'impresa, vi spiego perché la parola fallimento non...
Una società è responsabile?
Sempre più scomoda la poltrona dei cda nelle società
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
ISA 2018, le modifiche
Pianificazione e controllo di gestione: ora giù la maschera!
Gli indicatori gestionali critici della continuità aziendale
Rinuncia dei soci ai crediti verso la partecipata
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Controllo di gestione: come si svolge la metamorfosi da...
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Riforma Bcc e la paura del "too small to fail"
Lo Stato controllore impunito per i danni agli enti controllati
Ecco le aziende che pagano meglio. Così la competenza...
Cda bancari, la stretta della Cassazione
Direct lending, così fondi ed enti previdenziali saltano le...
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
I controlli sul no profit setacciano utili e attività
Bonus piccoli stadi con sconti limitati alle ristrutturazioni
Definita dal CNDCEC la metodologia comune per i...
Legge 155/2017 applicazioni pratiche
Lo Z-Score di Altman: 5 cose da conoscere per usarlo meglio
Consulenti e revisori insieme
Aziende sedute su una montagna di debiti. Peggio che...
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Una chance per risollevarsi dalle crisi, le aziende chiedono...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)