Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.042
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Assonime: la riforma del fallimento è già fallita
di Luciano de Angelis
Italia Oggi
Martedì 6 agosto 2019

La disciplina sulla crisi d'impresa di cui al dlgs n. 14/2019 rischia di aggravare la crisi in cui vertono alcune società anziché agevolarne il superamento. Fra le maggiori criticità si rilevano da un lato la estrema macchinosità della procedura, che prevede sempre, cioè anche nei casi di crisi minori, la nomina di un Organismo collegiale ed inoltre la segnalazione degli enti creditori e l'intervento del pubblico ministero in caso di esito negativo della mediazione, che avvia necessariamente la fase giudiziale. Si tratta di previsioni che introducono, da un lato, una vera e propria procedura pre-concorsuale, con duplicazione di tempi e costi; e d'altro lato reintroducono una forma di liquidazione d'ufficio, già abbandonata dalla riforma precedente. Tale disciplina, perlopiù, non appare in linea con le recenti regole della direttiva Ue 20 giugno 2019 riguardante i quadri di ristrutturazione preventiva, l'esdebitazione, le interdizioni, e le misure volte ad aumentare l'efficacia delle procedure di ristrutturazione, insolvenza ed esdebitazione. È quanto si legge nella corposa circolare Assonime n. 19 del 2 Agosto 2019 rubricata «Le nuove regole societarie sull'emersione anticipata della crisi d'impresa e gli strumenti di allerta».
Le maggiori criticità rilevate
Secondo l'associazione tra le società per azioni italiane, se l'obiettivo dichiarato dal legislatore nel dlgs 14/2019 è condivisibile, la disciplina presenta alcuni aspetti critici che rischiano di aggravare la situazione di crisi dell'impresa, anziché agevolarne la soluzione. La previsione di obblighi di segnalazione dei fondati indizi di crisi a un organismo esterno all'impresa può dar luogo, infatti, alla diffusione di indiscrezioni sullo stato di salute di questa, che generano un clima di sfiducia verso l'impresa stessa da parte di banche, clienti e fornitori, rendendo difficile la prosecuzione dell'attività d'impresa. Le procedure di allerta e composizione assistita, inoltre, sono molto farraginose e complesse e si svolgono davanti ad un organismo collegiale composto da tre esperti, i cui compensi devono essere soddisfatti in prededuzione nel caso di successiva procedura concorsuale, diminuendo ulteriormente le risorse per la soddisfazione dei creditori. Infine, pur trattandosi di procedure stragiudiziali, esse possono concludersi con una segnalazione al pubblico ministero che, se accerta lo stato di insolvenza, deve presentare istanza per la dichiarazione di liquidazione giudiziale (ex fallimento). Questa eventualità rappresenta un forte disincentivo per il debitore ad attivarsi tempestivamente per la soluzione della crisi.
I falsi positivi
Particolarmente delicata, secondo Assonime, risulta la valutazione degli indicatori e dei relativi indici quali strumenti predittivi delle situazioni di crisi. Un'attenzione non critica alla presenza di tali indici potrebbe, infatti, determinare anche «falsi positivi» e cioè segnalazioni di allerta per imprese che non possono essere considerate in stato di crisi in senso proprio. Nella valutazione degli indici quale strumento indicativo di uno stato di crisi dell'impresa, è da ritenere che assuma un rilievo centrale il principio secondo cui questi devono essere considerati unitariamente per far ragionevolmente presumere la sussistenza di uno stato di crisi. Il giudizio sullo stato di crisi, si legge nella circolare, non può discendere dalla presenza di un singolo indice, ma implica una valutazione globale e complessiva dei vari indici rilevanti. Gli indicatori contabili, infatti, se esaminati singolarmente, potrebbero essere poco significativi «senza un'analisi congiunta con ratio e risultati di gestione che abbraccino le molteplici dimensioni economico finanziarie e patrimoniali d'azienda».
Il contrasto con la recente direttiva 1023/2019
Oltre alle criticità dianzi citate, Assonime rileva come la disciplina del sistema di allerta e composizione assistita della crisi si presenta molto distante nella filosofia, dai principi della direttiva europea sulle ristrutturazioni e sull'insolvenza (si tratta della direttiva Ue 20 giugno 2019 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea del 26/6/2019 (Ue) che modifica la direttiva 2017/1132). Secondo Assonime, infatti, mentre la direttiva delinea gli strumenti di allerta come meccanismi attivabili su base volontaria dall'imprenditore o eventualmente anche su segnalazione di creditori qualificati, ma diretti unicamente a fornire un'informativa all'imprenditore sulla sua situazione, nonché servizi di consulenza e assistenza nell'individuazione e gestione delle strade percorribili per ristrutturare la propria impresa, la disciplina contenuta nel Codice appare, invece, piuttosto orientata a fare uscire il debitore allo scoperto, secondo una logica di tipo inquisitorio che rischia di pregiudicare le effettive possibilità di recupero dell'impresa determinando gli effetti perversi della degenerazione della crisi in insolvenza.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", quarto aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Assemblea di bilancio da convocare entro il 28 giugno 2020
Codice della crisi d'impresa verso il rinvio
Liquidità, manleva sulle responsabilità delle banche
Responsabilità amministratori e riforma della crisi d'impresa
Il virus della crisi d'impresa
Discriminazioni nel mondo del lavoro: ecco le più diffuse
Nuovo codice della crisi d'impresa, occasione per le Pmi
Controllo delle situazioni contabili trimestrali da chiarire
Assonime: la riforma del fallimento è già fallita
Codice della crisi, i benefici superano i costi
Revisori e sindaci da scegliere in 154mila aziende
Revisori e sindaci per le Srl, la miniguida alla scadenza del...
Private equity e debt, contano Ebitda e posizione finanziaria
Perdita di continuità aziendale, crisi e insolvenza
Più costi che interessi: i conti correnti sono già in rosso...
Quando l'evasione fiscale diventa reato
Amministratori di società: la responsabilità diventa illimitata
Start up a caccia di «angeli» capaci di innovare: la...
Allerta, c'è la crisi: le aziende da salvare e i dubbi sul...
Aprire partita Iva, quali sono i costi?
Ferrero sempre più forte, anche grazie a queste 17 regole...
Crisi d'impresa: la riforma discrimina sull'obbligo assetto!
Pianificazione e controllo di gestione: ora giù la maschera!
Come creare start up innovative
Nelle imprese c'è posto per 193mila super-tecnici. Ma uno...
Codice della crisi d'impresa: ok dall'esecutivo
Chi di indipendenza ferisce, di indipendenza perisce
Lavoro, le quattro competenze che fanno la differenza e...
Spa italiane, i cda sotto esame: più donne, ma pochi...
Lo smart working in Italia non cresce perché manca la...
Controllo di gestione: come si svolge la metamorfosi da...
Le agenzie di rating: chi sono, cosa fanno e perché il loro...
Lehman, il crac degli "altri" che piegò le banche italiane
Calcio europeo, alta finanza all'assalto per dividersi una...
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
Professionisti, nuove opportunità dalla riforma del terzo...
Bonus piccoli stadi con sconti limitati alle ristrutturazioni
La valutazione civilistica delle commesse pluriennali
Definita dal CNDCEC la metodologia comune per i...
Perché gli avvocati sono pagati sempre meno? Una...
Una società di capitali può essere nominata...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)