Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.012
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Agenzie di rating, adesso sono loro a essere bocciate
di Adriano Bonafede
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 17 settembre 2007

A tutti capita, prima o poi, di essere criticati per qualcosa che si è fatto. Ma quando per mestiere si danno giudizi perentori e senza appello su ciò che fanno gli altri, la critica altrui nei propri confronti è ancora più dura da accettare. Per le agenzie di rating, quelle che danno i 'voti' a banche, società e persino stati sovrani quando emettono obbligazioni, trovarsi nell'occhio del ciclone è un'esperienza nuova e per niente bella. La crisi dei mutui subprime, quelli concessi alla clientela meno affidabile, ha portato sotto i riflettori varie categorie di obbligazioni, dagli Abs agli Mbs ai Gdo, costruite proprio su questi prestiti. Obbligazioni che negli ultimi trequattro anni avevano avuto letteralmente un boom, finendo in molte asset allocation di banche, assicurazioni, fondi ed hedge fund. E, tramite questi soggetti, anche in moltissimi portafogli di ignari investitori.
A un certo punto, verso la scorsa primavera, si è compreso che questi titoli valevano molto meno di quanto si fosse supposto, perché il grado di default da parte dei mutuatari era in realtà ben superiore a quello inizialmente stimato dalle agenzie di rating. «Si tratta in effetti di un errore spiega un operatore di Borsa perché le agenzie di rating hanno basato il proprio giudizio su questi mutui sulle statistiche dei cinque anni precedenti, anni irripetibili perché drogati da tassi d'interesse particolarmente bassi e da un boom immobiliare eccezionale. Bisognava dare un giudizio più prospettico e meno rivolto a un passato non replicabile».
Le agenzie di rating in pratica Moody's, Standard & Poor's e Fitch hanno cominciato a scoprire l'errore che avevano commesso soltanto a fine primavera, mesi dopo che dalle banche erano arrivati segnali di preoccupazione per l'aumento dei default, ovvero delle famiglie che avevano smesso di pagare i mutui.
Ma queste stesse società hanno poi pagato amaramente, con sonori crolli delle loro azioni in Borsa, il ritardo (più o meno colpevole vedremo più avanti) nel percepire l'esatto grado di rischio di queste obbligazioni. Il settore bancario e finanziario è finito per primo nel ciclone, anche per l'incertezza che si è creata (come sottolineano tutti gli operatori, nessuno sa ancora adesso a mesi di distanza dallo scoppio della bolla quante di queste obbligazionispazzatura siano nei bilanci di banche, assicurazioni e finanziarie). Ma a partire da luglio il mercato ha spietatamente punito anche chi, come le società di rating, aveva avallato questa sbornia da 'credito strutturato', con 'giudizi' che su queste obbligazioni aveva a volte eguagliato anche quello riservato a Stati sovrani. Basti pensare che alcuni di questi strumenti una specie di salsiccia dove venivano infilati molti mutui a rischio insieme ad altre cose hanno avuto anche l'onore della famosa 'Tripla A', che si dà soltanto agli Stati più affidabili (da notare che la Repubblica Italiana, con tutti i suoi problemi di un debito pubblico che supera il 100 per cento del Pil, deve accontentarsi di una 'Doppia A').
Quando il rating è alto il debito costa meno. Lo spread, ovvero il differenziale rispetto al tasso-base, è più basso. Ma quando, a partire dalla scorsa primavera, il mercato ha cominciato a percepire che il giudizio sul merito del credito gentilmente concesso dalle agenzie di rating a molti di questi strumenti era troppo benevolo, i prezzi di questi ultimi hanno cominciato a declinare.
A essere penalizzati sono tutti coloro che detenevano in qualche forma queste obbligazioni, a cominciare da molte banche soprattutto americane (ma in Europa Bnp Paribas ha dovuto bloccare il riscatto di alcuni dei suoi fondi molto esposti sui mutui subprime), dai fondi, soprattutto hedge ma non solo, e da investitori istituzionali.
Ma il mercato ha fortemente penalizzato anche le società di rating, finite sul banco degli accusati per la 'leggerezza' con cui avevano soppesato il rischio di credito. E così le azioni delle tre principali società di rating, che già dall'inizio dell'anno non andavano particolarmente bene, sono letteralmente crollate. Dall'inizio di luglio alla fine di agosto il titolo McGrawHill (che ha Standard & Poor's) ha perso il 26,27 per cento (32 per cento dal picco dei primi di giugno). Moody's Investor Service ha perso il 26,85 nello stesso periodo (il 39 per cento rispetto al picco di fine marzo). Mentre Fimalac, il gruppo che detiene Fitch Ratings, ha perso tra inizio di luglio e fine agosto il 30,57 per cento (circa il 36 per cento dal primo giugno).
La crisi delle agenzie di rating, a questo punto, non si limita alle perdite di Borsa, e forse a guadagni minori nel prossimo, incerto, futuro. Si tratta infatti di una perdita di credibilità più ampia, che inficia la sostanza stessa del business di queste società. Gli enti regolatori, a cominciare dalla Sec americana, stanno infatti cominciando a mettere il naso su come vengono effettuati i rating. Prima le agenzie erano tenute come su un piedistallo, e nessuno ne metteva in dubbio la correttezza e la neutralità. La Sec ha cominciato adesso un controllo accurato delle politiche e delle procedure attinenti al rilascio di giudizi sugli Rmbs (Residential mortgage-backed securities), le obbligazioni strutturate basate sui mutui residenziali, con particolare riferimento al possibile 'conflitto d'interesse'.
Conflitto d'interesse, un concetto che adesso sta facendo il giro del mondo. In Europa, il commissario Ue ai mercati Charlie McCreevy ha avvertito che sta mettendo assieme un dossier per verificare tutti i possibili conflitti d'interesse che possono influenzare il rilascio di un giudizio su un'obbligazione o un titolo.
Ma come può nascere un conflitto d'interesse fra una società di rating e una banca che ha messo in piedi un'obbligazione strutturata sui mutui? Certo non nel senso che la banca che chiede il rating per un bond che ha impacchettato e le agenzie facciano parte dello stesso gruppo. Piuttosto nel senso che le società che forniscono 'giudizi' si fanno pagare sempre più spesso una 'fee' per la consulenza, oltre che per l'attribuzione del rating.
Spiega infatti un'analista che non di rado i prodotti strutturati nascevano da una stretta collaborazione con le società di rating. In sostanza le banche chiedevano a queste ultime in che modo dovessero creare questi strumenti per avere il miglior giudizio possibile. Le agenzie erano quindi interessate non soltanto al rilascio di un 'giudizio' formale, ma anche a una vera attività di consulenza che, nel caso delle grandi banche americane costituiva una fonte continua e non secondaria di revenues.
A spiegare il crollo in Borsa delle azioni di Moody's, McGrawHill e Fimalac c'è anche il fatto che negli Stati Uniti molti procuratori generali stanno studiando i dossier per vedere di portare in tribunale non soltanto le banche d'investimento che hanno emesso le obbligazioni ma anche le agenzie di rating, colpevoli in qualche modo di aver ingannato i risparmiatori. Comunque andrà a finire per le agenzie di rating l'innocenza è persa per sempre.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
AAA revisore cercasi. Inutilmente
Sindaco o revisore unico, questo è il problema. Perché non...
La fine di un mito: il lavoro sicuro in banca
Partite le segnalazioni alle società tenute alla nomina del...
E se le costose procedure di allerta fossero un'occasione...
Revisori e sindaci per le Srl, la miniguida alla scadenza del...
Perdita di continuità aziendale, crisi e insolvenza
La determinazione dello "stato di avanzamento" delle...
Buttati! I 4 rimedi contro l'ossessione del perfezionismo
L'importanza di dotarsi di un sistema di controllo di gestione
Strumento "Analisi società di calcio", terzo aggiornamento
Scoperto di conto corrente: cosa succede
Fisco, i 15 trucchi per nascondere l'Iva: caccia a 36 miliardi
Crisi d'impresa, vi spiego perché la parola fallimento non...
Prelievo dal conto in banca: il creditore può revocarlo?
Quando serve la Scia?
Fallimento e crisi d'impresa: uno strumento per essere...
Crisi d'impresa: la riforma discrimina sull'obbligo assetto!
Gli indicatori gestionali critici della continuità aziendale
Revisione delle piccole e piccolissime imprese, l'attività da...
Se vuoi pensare come un leader, devi agire come un leader
Fattura elettronica al test dei piccoli negozi e dei benzinai
Le 5 regole indispensabili per dare un feedback davvero...
Revisori in rete con il progetto Sol
Il successo della riforma dipende dall'OCRI: un accorato...
Troppo socialista per la City, ascesa e caduta di una ceo...
Società in house un ibrido mal riuscito
Riforma legge fallimentare: quali soglie per il regime di...
Lehman, il crac degli "altri" che piegò le banche italiane
Società quotate, i commercialisti spingono per...
Confidi al rilancio con la riforma del fondo
Valutazione dell'azienda in crisi con analisi preliminare
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Perché gli avvocati sono pagati sempre meno? Una...
L'impresa familiare brilla più dei rivali
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
Borsa e crowdfunding: così il credito è alternativo
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
A guardia ci sono i lupi: ecco perché l'Europa non batte...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)