Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.906
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

A guardia ci sono i lupi: ecco perché l'Europa non batte l'evasione
di Eva Joly (*)
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 4 dicembre 2017

L'esperienza ce lo insegna: c'è un grande rischio che dopo le rivelazioni dei "Paradise Papers" che hanno cercato di strappare il velo dell'omerta, tutto continui come prima. Dopo l'indignazione, è giunto il momento di agire. La nostra Europa non è condannata a far rubare per sempre le sue finanze pubbliche. È possibile fermare l'emorragia verso altri paesi. Sarebbe sufficiente che l'Europa stabilisse un elenco credibile di paradisi fiscali e tagliasse i trasferimenti di denaro a questi Stati canaglia. Come? Denunciando le convenzioni fiscali firmate con ciascuno dei paesi che figurano in tale elenco. Poi i paesi europei potrebbero tassare liberamente i profitti che oggi sfuggono verso i paradisi fiscali. Ma gli Stati membri dell'Unione europea non hanno la volontà politica per agire. La loro passività equivale a complicità.
Il problema è più profondo: diversi paradisi fiscali sono essi stessi membri dell'Unione europea. I lupi ora sembrano governare l'ovile. Lussemburgo, Irlanda, Paesi Bassi, Malta, Cipro... All'interno del Consiglio dell'Unione europea, diversi Stati svolgono un doppio gioco che ormai è ben noto. Da un lato, si dicono indignati e promettono di fare di più. Dall'altro, bloccano la trasparenza fiscale e le riforme di armonizzazione. L'Unione europea ha tuttavia i mezzi per progredire nonostante questa situazione e la regola dell'unanimità vincolante. Le proposte sono sul tavolo. Una di queste proposte, in particolare, potrebbe ridurre drasticamente le possibilità di evasione fiscale per le multinazionali. Si tratta del progetto di base imponibile comune consolidata per la tassazione delle imprese multinazionali (Accis). Dietro quest'acronimo oscuro c'è un espressivo passo avanti. Oggi, le multinazionali sono tassate filiale per filiale - e spesso ne hanno centinaia, se non migliaia - il che permette loro di trasferire artificialmente i loro profitti da un'entità all'altra al solo scopo di trarre vantaggio dai sistemi fiscali più vantaggiosi. Nel 2015, secondo un recente studio dell'economista Gabriel Zucman, oltre 600 miliardi di euro di profitti sono stati deviati in questo modo verso i paradisi fiscali (anche in Europa, Irlanda e Olanda al primo posto), cioè l'equivalente al 45% degli utili totali realizzati dalle multinazionali. Pensiamo, nella Commissione indipendente per la riforma della tassazione delle imprese multinazionali (ICRICT), che il primo passo sia tassare ogni multinazionale come un unico gruppo, e che il gettito fiscale sia poi distribuito tra i paesi in base alla realtà economica di ciascuna filiale. In altre parole, l'imposta sarebbe pagata nel luogo in cui si svolge l'attività economica, piuttosto che nel luogo in cui l'aliquota fiscale è più bassa! Questa riforma ambiziosa consentirebbe all'Europa di recuperare l'equivalente ad un quinto del gettito fiscale attuale delle imprese, pari a 60 miliardi di euro all'anno. L'unanimità è solo un pretesto per l'inazione. C'è una soluzione per uscire da questa situazione di stallo senza modificare i trattati europei. Si tratta del passaggio al voto a maggioranza qualificata. Il Trattato di Roma (1957) articolo 116 - offre la possibilità di adottare questa fondamentale riforma fiscale sulle multinazionali senza bisogno dell'unanimità, dimostrando l'esistenza di una distorsione della concorrenza. La Commissione europea ha questo potere nelle sue mani; deve trovare il coraggio di usarlo. L'evasione fiscale è un processo distruttivo che saccheggia le finanze pubbliche, aggrava le disuguaglianze e, in ultima analisi, sparge il veleno letale della diffidenza diffusa nelle nostre società. Chi si rifiuta di agire contro di essa distrugge l'Europa.

(*) = Eva Joly è deputata europea, vicepresidente della commissione d'inchiesta sull'evasione fiscale, e membro della Commissione indipendente per la riforma della tassazione delle imprese multinazionali (ICRICT).

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Fattura elettronica al test dei piccoli negozi e dei benzinai
Revisori in rete con il progetto Sol
Lo smart working in Italia non cresce perché manca la...
Controllo di gestione: come si svolge la metamorfosi da...
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Società in house un ibrido mal riuscito
Riforma Bcc e la paura del "too small to fail"
Lo Stato controllore impunito per i danni agli enti controllati
Ecco le aziende che pagano meglio. Così la competenza...
Azienda Italia, il vertice non cambia al timone meno...
Lehman, il crac degli "altri" che piegò le banche italiane
Professionisti, nuove opportunità dalla riforma del terzo...
Consulenti e revisori insieme
L'impresa familiare brilla più dei rivali
Bancarotta fraudolenta distrattiva per il pagamento del...
A guardia ci sono i lupi: ecco perché l'Europa non batte...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
L'allerta salva azienda chiede competenze forti
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La punta di diamante dell'inganno bancario
Un benefit per ogni età, così Philip Morris rivoluziona il...
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Accenture: «Il capitale umano è la vera risorsa dell'Italia»
Tutte le lauree che fanno trovare lavoro
L'ufficio è più bello se gli impiegati aiutano i designer
La riforma congelata delle banche popolari. Amber attacca...
Quei manager rivoluzionari che però ignorano le regole...
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Credito tremano i confidi. A rischio uno su tre
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Robo-advisory per small e mid cap
Giovani e occupazione i veri numeri dell'Italia: gli over 30...
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Consulenti finanziari autonomi al via
Pagamento in contanti: quando si rischia
Con quale frequenza si può prelevare dal conto?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Banche italiane più sicure: la classifica
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2019  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)