Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.906
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Troppo socialista per la City, ascesa e caduta di una ceo eretica
di Antonella Guerrera
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 5 novembre 2018

Sacha è una ribelle. Lo è sempre stata. Chi la conosce nella City di Londra, sa che uno dei suoi aneddoti preferiti è quello sulla prozia Monica, che negli anni Trenta lavorava alla Coutts Bank, nel centro della capitale britannica: siccome durante la pausa pranzo gli uomini potevano bere la birra e lei no perché donna, Monica andò dal suo medico, si fece prescrivere una mezza pinta di Guinnes al giorno per ragioni di salute e vinse la sua piccola battaglia quotidiana.
Sua nipote Sacha Romanovitch, oggi 50 anni, due figli e un marito che l'aiuta nelle mansioni di casa e fino a qualche tempo fa una delle donne più potenti e singolari della City, ha sempre applicato l'esempio di Monica. Sacha è nata in un anno ribelle come lei, il 1968, e negli ultimi mesi le sue decisioni da amministratore delegato hanno fatto discutere il quartiere finanziario di Londra, dove l'hanno soprannominata la "regina socialista della City". Fino a qualche giorno fa, Romanovitch era il ceo di Grant Thornton, prima e più potente donna a capo a di un gigante della revisione dei bilanci e della certificazione contabile della City. L'obiettivo era scalfire il dominio dei "Big Four" del settore, cioè Deloitte, Kpmg, Ey e Pwc. Poi, però, qualcosa è andato storto. Sono iniziati a uscire sui giornali documenti riservati in cui decine di soci e dirigenti esprimevano dubbi sulla gestione di Romanovitch. Metà board le si è rivoltato contro. A metà ottobre l'annuncio delle dimissioni.
Perché Sacha è caduta così rovinosamente? Dal 2015 quando ha ottenuto la prestigiosa carica, è stata un'amministratrice delegata unica e per certi versi visionaria. Con un'idea di capitalismo che si potrebbe definire "corbyniana" o "olivettiana". Alla Grant Thornton, Sacha ha limitato il suo ricco stipendio a venti volte quello del dipendente medio; aveva imposto la suddivisione di una parte di bonus e utili ai dipendenti (non solo soci, manager e altri quadri), come ha proposto qualche settimana fa il labourista "marxista" John McDonnell ricalcando il modello di numerose aziende in Germania: aveva legato l'idea di profitto a quella di "purpose", cioè calibrato secondo una scopo sostenibile a lungo termine, e non soltanto al puro guadagno immediato; e poi Sacha è molto umana. La scorsa estate un messaggio di risposta automatica del suo account e-mail diceva: «Sono fuori con la mia famiglia, torno al lavoro il 23 luglio. Nel frattempo leggerò, farò dei tuffi e giocherò con i miei bambini». Per giustificare questo messaggio bizzarro nel galateo della City, dove molti lavorano a ritmo pieno, era tornata sull'argomento su Twitter facendo capire che ogni tanto faceva bene staccarsi ogni tanto dalle e-mail.
Mese dopo mese, con le sue idee e messaggi rivoluzionari, Romanovitch ha irritato sempre di più l'establishment della City e soprattutto buona parte del board della Grant Thornton, una compagnia di lungo corso, nata all'inizio del XX secolo e che ha 185 soci finanziari, l'80 per cento dei quali uomini. Lo scorso settembre, un dipendente dell'azienda ha passato ad alcuni quotidiani britannici memo interni riservati in cui una quindicina di soci e dirigenti criticavano aspramente la gestione di Romanovitch e la sua "agenda socialista". E' stato l'ultimo capitolo della lunga storia di Sacha a Grant Thornton, iniziata 24 anni fa, dopo gli ultimi dissidi e scontri interni. La settimana scorsa Romanovitch ha annunciato che si dimetterà da ceo a gennaio.
Chi conosce Sacha, parla di "attacco sessista e misogino" nei suoi confronti. Nello stesso settore della revisione contabile, un caso piuttosto simile è capitato del resto anche a un'atra rara donna come Cathy Englebert, capo del settore business Usa di Deloitte. La componente "macha" ha avuto quasi sicuramente un peso (decisivo e meno, chissà), ma nei confronti di Romanovitch ci sono sempre state molte resistenze di carattere strategico-finanziario, a causa delle sue idee poco ortodosse che hanno intaccato anche le tasche dei soci e dei dirigenti di Grant Thornton. A causa della redistribuzione di Romanovitch il loro compenso medio è sceso 365mila sterline all'anno tornando ai livelli del 2014. Quelli dei big della concorrenza Bdo sono schizzati invece a una media di 531mila sterline, raddoppiati rispetto a quattro anni fa. Gli utili lordi di Grant Thornton sono crollati del 12% nei primi 12 mesi di gestione Romanovitch (2015-16), fermandosi a 72 milioni di sterline. L'anno successivo, terminato a giugno 2017, ha visto invece un rialzo degli utili dell'8% (76 milioni). Degli ultimi 12 mesi non si ha ancora un resoconto: le cifre dovevano uscire in ottobre, poi la loro pubblicazione è stata posticipata.
In ogni caso, qualsiasi sia l'esito, Sacha lascerà a inizio 2019, è deciso. Beffarda parabola di un personaggio quasi inimitabile nella vorace City. Adottata a 18 mesi da una famiglia di Surbiton (sud di Londra), ha studiato chimica a Oxford prima di entrare nel mondo finanziario. Nulla di strano: i laureati in chimica, è comunque pensiero del cuore finanziario della capitale, sono estremamente versatili in qualsiasi situazione. Non a caso, anche Margaret Thatcher era un chimico (o Angela Merkel). A 21 anni, Sacha ha cominciato da contabile, anche presso Windsor, e la sua brillantezza ha avuto presto risalto nella City. Nel 1994 Sacha è entrata in Grant Thornton, diventando rapidamente responsabile di revisione conti. Poi la scalata fino al trono di ceo, prima del capitombolo. Nei giorni del memo contro di lei giunto alla stampa, Romanovitch ha twittato una poesia di Maya Angelou, "Still I rise". Nonostante tutto, mi rialzerò.

* * *


I big della revisione
Fatturato 2017

Deloitte 43,2 miliardi di dollari
PricewaterhouseCoopers 41,3 miliardi di dollari
Ernst & Young 34,8 miliardi di dollari
KPMG 26,4 miliardi di dollari
Grant Thornton 5,0 miliardi di dollari


Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Fattura elettronica al test dei piccoli negozi e dei benzinai
Revisori in rete con il progetto Sol
Lo smart working in Italia non cresce perché manca la...
Controllo di gestione: come si svolge la metamorfosi da...
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Società in house un ibrido mal riuscito
Riforma Bcc e la paura del "too small to fail"
Lo Stato controllore impunito per i danni agli enti controllati
Ecco le aziende che pagano meglio. Così la competenza...
Azienda Italia, il vertice non cambia al timone meno...
Lehman, il crac degli "altri" che piegò le banche italiane
Professionisti, nuove opportunità dalla riforma del terzo...
Consulenti e revisori insieme
L'impresa familiare brilla più dei rivali
Bancarotta fraudolenta distrattiva per il pagamento del...
A guardia ci sono i lupi: ecco perché l'Europa non batte...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
L'allerta salva azienda chiede competenze forti
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La punta di diamante dell'inganno bancario
Un benefit per ogni età, così Philip Morris rivoluziona il...
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Accenture: «Il capitale umano è la vera risorsa dell'Italia»
Tutte le lauree che fanno trovare lavoro
L'ufficio è più bello se gli impiegati aiutano i designer
La riforma congelata delle banche popolari. Amber attacca...
Quei manager rivoluzionari che però ignorano le regole...
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Credito tremano i confidi. A rischio uno su tre
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Robo-advisory per small e mid cap
Giovani e occupazione i veri numeri dell'Italia: gli over 30...
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Consulenti finanziari autonomi al via
Pagamento in contanti: quando si rischia
Con quale frequenza si può prelevare dal conto?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Banche italiane più sicure: la classifica
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2019  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)