Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Approfondimenti Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 4.052
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamento del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E' possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Approfondimenti - Documento

Revisione legale nelle nano imprese. Chiarita la decorrenza già dai bilanci 2019
di Giovanni Colombi
Febbraio 2020

Pubblicato sul sito www.fiscal-focus.it in data 11 febbraio 2020.

* * *

Lo scorso 5 febbraio il Ministro dello Sviluppo Economico è intervenuto alla Camera dei Deputati per rispondere all'interrogazione 3-01284 avente ad oggetto il Decreto Legislativo 14/2019, Codice della Crisi d'Impresa e dell'Insolvenza (CCII).

La risposta sembra "fare l'eco" alla presa di posizione assunta da Assonime, che abbiamo avuto modo di commentare (La revisione legale nelle nano imprese. Decorrenza posticipata al bilancio 2020; ndr: non disponibile), posizione che ipotizzava, non senza condivisibili spunti di riflessione, una decorrenza posticipata degli obblighi di revisione per i bilanci delle "nano-imprese" i cui revisori/organi di controllo erano stati nominati a ridosso della scadenza (16 dicembre 2019).

Nomine in forte ritardo. In occasione dell'intervento del Ministro Patuanelli, sono stati snocciolati una serie di dati statistici, tratti da una ricerca effettuata da Cerved, secondo la quale, sulla base un campione statistico di 720.000 imprese e con riferimento ai bilanci 2018, circa l'8,4% delle stesse è a rischio di segnalazione, con una percentuale che cresce al diminuire delle dimensioni delle imprese oggetto di indagine: quasi a dire che il mondo delle "nano-imprese" sarà fortemente interessato dagli obblighi di segnalazione previsti dall'art. 14 e 15 del CCII. Degna di nota è la circostanza emersa dall'analisi, secondo la quale la "patologia" maggiormente ricorrente è il patrimonio netto negativo. Nel sistema "gerarchico" degli indici elaborati dal CNDCEC, come previsto dall'art. 13 del CCII, il valore negativo del patrimonio netto è il primo indicatore, al verificarsi del quale scatta in automatico l'obbligo di segnalazione, in primis, all'Organo Amministrativo ed in caso di "inerzia" o non adozione di opportuni provvedimenti all'OCRI, il tutto senza necessità di fare altre verifiche, essendo il valore negativo in parola un indicatore più che sufficiente per ipotizzare un preoccupante indizio di crisi.

Ed ancora, emerge che l'86% delle imprese con patrimonio netto negativo sono "nano-imprese" e l'83% di quelle che "accendono gli indici del CNDCEC" sono parimenti della medesima categoria. Il quadro che se ne ricava è di sicura preoccupazione: se questi numeri dovessero effettivamente avere una portata "statisticamente rilevante", le ricadute sul mondo delle PMI sarà di sicuro impatto.

In questo universo di "nano-imprese" potenzialmente così precarie, solo il 27,6%, delle 70.000 società obbligate a nominare, per la prima volta, l'organo di controllo/revisore, ha effettivamente ottemperato a tale obbligo, curandosi ben poco della previsione normativa di cui al comma 5 dell'art. 2477 cod. civ., norma che prevede, in caso di mancata nomina dell'organo di controllo o del revisore, che vi provveda il Tribunale.

Le ragioni della mancata proroga. Innanzitutto, il Ministro precisa che se si volesse sposare la tesi di un "differimento dei termini", esso si configurerebbe non già come un proroga ma come una "riapertura" degli stessi. Le ragioni della posizione "intransigente" che vede già nei bilanci 2019 quelli da sottoporre a revisione risiede, sempre secondo il Ministro, nelle ragioni stesse del CCII: la crisi è tanto più gestibile quanto prima viene intercettata. Occorre anche considerare che il consentire alle imprese, che ancora non hanno provveduto alla nomina dell'organo di controllo/revisore, di potervi provvedere in epoca successiva rispetto a quella naturalmente prevista (16 dicembre 2019, ormai scaduta), rischia di rappresentare una iniquità, anche sotto il profilo concorrenziale, nei confronti delle imprese che tempestivamente vi hanno provveduto, sostenendo sin da subito gli oneri economici connessi alle nomine.

Attuale condotta dei Registri delle Imprese. Dalla risposta del Ministro si rileva che in questa prima fase i vari Conservatori hanno adottato un approccio soft nei confronti delle società che ancora non hanno provveduto a formalizzare le nomine prescritte dall'art. 2477 del Cod. Civ. Non si è ancora dato corso alla segnalazione al Tribunale, come previsto dal comma 5 dell'articolo citato, che darebbe impulso alla nomina "coattiva" di un professionista da parte del Tribunale stesso: sembra di intuire dalle parole del Ministro che i vari Registri delle Imprese stanno facendo pervenire "ai renitenti" dei richiami e degli inviti a provvedere alle nomine con la massima sollecitudine.

Differimento per le "nano-imprese" non obbligate alla nomina. È in corso di "lavorazione" lo schema di un Decreto Legislativo recante disposizioni integrative e correttive del CCII. Secondo quanto è dato sapere, anche in base alle parole del Ministro, il decreto in parola dovrebbe prevedere un differimento degli obblighi di segnalazione al prossimo 15 febbraio 2021 per le sole imprese non obbligate alla nomina di cui all'art. 2477 cod. civ. ad opera dei creditori pubblici qualificati: questo per consentire l'adozione delle necessarie misure organizzative o l'indicazione nelle note integrative di "indici personalizzati" diversi rispetto a quelli elaborati dal CNDCEC, previa attestazione degli stessi (Art. 13 c. 3 CCII).

Riflessione finale. Sin da subito la posizione di Assonime è apparsa "solitaria". Nel nostro contributo, pur giudicandola "di buon senso", mettevamo in guardia i Colleghi sindaci/revisori circa la delicatezza della loro posizione in occasione dell'approvazione del bilancio 2019 ed il dilemma avente per oggetto la stesura, o meno, della relazione accompagnatoria al bilancio. Auspicavamo una presa di posizione ufficiale: essa è arrivata. Forse non è quella che avremmo voluto, ma meglio una "parola di chiarezza" che un "limbo di incertezza".

Ora "la palla" passa ai Professionisti facenti parte degli organi di controllo o che hanno ricevuto l'incarico di revisori delle varie "nano-imprese". Essi dovranno recuperare il tempo che non gli è stato concesso – causa la tardività delle nomine – ed effettuare tutto quanto necessario e strumentale per il rilascio della relazione ex art. 14 D.Lgs. 39/2010, a tempo di record: la mancanza di tempo non costituirà una esimente dalle responsabilità, semmai potrebbe essere una aggravante delle stesse, posto che l'art. 10-bis c. 1 lett. c) del D.Lgs. 39/2010 impone al revisore di valutare attentamente "la disponibilità di personale professionale competente, tempo e risorse necessari per svolgere in modo adeguato l'incarico di revisione".

La conclusione sembra essere: se si è accettato l'incarico...

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Pianificare, programmare e controllare. Il sistema di...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Strumento "Analisi società di calcio", quarto aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Rischio insolvenze per 45 miliardi
Il capitale sociale resiste solo alle perdite del 2020?
Relazione unitaria dei sindaci-revisori con vista sugli effetti...
«Dl liquidità da cambiare: niente istruttoria delle banche...
Il Covid-19 blocca anche i fallimenti
Pmi, come evitare il rischio di contenziosi da coronavirus
Adeguatezza patrimoniale, adeguatezza della liquidità e...
Strumento "Analisi società di calcio", quarto aggiornamento
Il monitoraggio parte dal bilancio e dalla tesoreria
Soggetti non quotati e principi contabili internazionali
Discriminazioni nel mondo del lavoro: ecco le più diffuse
Cassa mutua per i professionisti
Errori fiscali: conseguenze e rimedi
Buttati! I 4 rimedi contro l'ossessione del perfezionismo
Amministratore di società: cosa c'è da sapere?
Quattro errori dei manager che fanno fallire le aziende
Fisco, i 15 trucchi per nascondere l'Iva: caccia a 36 miliardi
Riuscirà il Fisco a farci investire una parte dei 1500...
Per intercettare la crisi preferibile scegliere il sindaco
La governance delle società alla luce del codice della crisi
Remote working: 4 aspetti positivi del lavorare da casa
Adeguati assetti della srl con obbligo del piano industriale...
Amministratori delegati della srl con obbligo di informativa...
Srl: atto costitutivo o statuto da modificare, ma non sempre
Rinuncia dei soci ai crediti verso la partecipata
Se vuoi pensare come un leader, devi agire come un leader
Lavoro, le quattro competenze che fanno la differenza e...
Una spinta a Pir e venture capital
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Lo smart working in Italia non cresce perché manca la...
Controllo di gestione: come si svolge la metamorfosi da...
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Riforma legge fallimentare: quali soglie per il regime di...
Amore e passione in ufficio per un lavoratore su due
Le agenzie di rating: chi sono, cosa fanno e perché il loro...
Lehman, il crac degli "altri" che piegò le banche italiane
Calcio europeo, alta finanza all'assalto per dividersi una...
Valutazione dell'azienda in crisi con analisi preliminare
Il differimento dei termini per l'approvazione del bilancio...
Legge 155/2017 applicazioni pratiche
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2020  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)