Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Approfondimenti Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.966
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Approfondimenti - Documento

Controllo di gestione: come si svolge la metamorfosi da commercialista a controller?
di Pierpaolo D'Angelo
Dicembre 2018

Pubblicato sul sito www.linkedin.com in data 3 dicembre 2018.

* * *

Perché mi ostino a sottolineare come il controllo di gestione passi per forza di cose dalla produzione? Con quest'articolo voglio ulteriormente (qualora ce ne fosse ancora bisogno) spiegare quali sono i motivi che mi spingono ogni volta, soprattutto negli articoli che periodicamente pubblico, a battere sul controllo di gestione come disciplina strettamente connessa alle dinamiche produttive.
Nel tempo ho appreso che l'accezione "controllo di gestione" è davvero molto ampia. In queste tre paroline c'è chi inserisce di tutto, dal semplice controllo contabile sino ad arrivare alle analisi di forecast più complesse. Quasi sempre (e parlo di quella che è la mia esperienza personale) i più o meno validi sistemi approntati acquisiscono esclusivamente (o quasi) le informazioni dalla contabilità generale. E' indubbio che questo serbatoio dati sia alla base di ogni forma di analisi delle dinamiche aziendali, ma limitarsi a questo significa semplicemente individuare i sintomi, ma mai le cause che generano questi sintomi. Con un esempio mi chiarisco:
un'azienda che non naviga in buone acque, dal punto di vista economico certamente presenta un margine di contribuzione non sufficiente a coprire i costi fissi. Ipotizziamo che questi ultimi siano già ridotti all'osso. L'esempio potrebbe essere il seguente:

mdc 20%
costi fissi 30%
perdita 10%

nella banalità del dato, qualsiasi sistema che si alimenta solo di informazioni da contabilità generale non può fare altro che constatare come ci sia una perdita di 10 punti percentuali. A seguire cosa consigliamo al nostro cliente? Riduci i costi fissi, aumenta i prezzi e magari aumenta pure il fatturato, così da coprire la perdita?... Ho avuto un cliente che fece analizzare la sua azienda da una società di consulenza e davvero questo fu il responso!
Individuati quindi i sintomi, bisogna chiaramente risalire alle cause. Un mdc insoddisfacente può nascere da svariati motivi, ne cito per semplicità alcuni:
1. I prodotti presentano costi di trasformazione troppo alti;
2. Alcuni prodotti presentano un prezzo troppo basso;
3. Altri prodotti sono venduti inconsapevolmente con un mdc addirittura negativo (non infrequente come situazione)
Scendendo nel dettaglio:
1. Prodotti con marginalità bassa caratterizzano una grossa percentuale di fatturato (es.l'80%);
2. Le scontistiche applicate erodono tutto il margine dei prodotti con mdc migliore;
3. Il paniere di prodotti venduti dagli agenti presenta marginalità troppo bassa;
4. I principali clienti, in funzione dei prodotti ad essi venduti, riconoscono marginalità esigue o nulle.
Scendendo ancor più nel dettaglio:
1. I prodotti presentano costi di materia prima troppo elevati. Ciò a seguito di troppi scarti, piuttosto che troppe rilavorazioni, o ancora fornitori troppo onerosi;
2. I tempi di lavorazione sono troppo elevati. Presenza di continui sprechi di tempo, dovuti sia alle rilavorazioni di cui sopra sia dovuti a dispersioni varie (continui trasferimenti, layout produttivi sballati, innumerevoli polmoni intermedi, ecc.);
3. Tecnologie vetuste;
4. Macchinari inefficienti;
5. Colli di bottiglia;
6. Cattiva manutenzione;
7. Continue interruzioni;
8. Ecc., ecc.
L'evidenza di quest'insieme di problematiche ve l'assicuro, non viene fuori dall'analisi di bilancio (chiunque può provare a smentirmi se vuole). Questi aspetti vengono rilevati da una prima, semplice, veloce mappatura dei processi produttivi (non c'è da spaventarsi di questi paroloni, è più semplice di ciò che si pensi) che è proprio caratterizzata dall'analisi tempi (tralasciando i metodi) delle fasi lavorative (in un prossimo articolo vedremo qualche esempio). Se l'imprenditore (ed il professionista che lo affianca e che conta di porre in essere un corretto sistema di controllo) non conosce il costo di trasformazione dei propri prodotti o, peggio ancora, lo conosce in modo molto approssimativo, risulta lapalissiano che i loro ragionamenti si fermeranno PER FORZA DI COSE al passaggio iniziale che riporto di seguito:

mdc 20%
costi fissi 30%
perdita 10%

Ed è anche meglio si fermino qui, altrimenti i danni che ne deriverebbero saranno certamente maggiori dei vantaggi che si spera (invano) di raggiungere.
Leggo sui social la volontà di molti commercialisti di volersi orientare verso nuovi servizi tra cui il controllo di gestione. Il consiglio che mi sento di dare loro è appunto di scegliere corsi formativi che non tralascino la contabilità industriale (alias definizione della distinta base) anzi, di lasciar perdere quella "formazione aulica da fare in aula, seduti in giacca e cravatta a guardare una parete illuminata da tenui colori", ma di orientarsi verso altre tipologie di corsi quali quelli sull'analisi tempi e metodi, a mio parere molto più proficui e di taglio prettamente operativo che puntano:

1) a dare risposte concrete all'imprenditore;
2) contestualmente ad essere spendibili sul proprio mercato di riferimento (clienti dello studio).

La riforma del fallimento prevede inoltre l'obbligo di gestire la fase di pre crisi. Non ci sarà nessuna gestione pre crisi se non verrà coinvolta a dovere la fase produttiva! Un'azienda cliente che presenta difficoltà finanziarie, quasi certamente vedrà l'origine della propria difficoltà in un conto economico il cui mdc risulta insoddisfacente e, come già ampiamente trattato, questo genere di problemi ha la propria origine a loro volta all'interno del reparto produttivo.
Il commercialista che vuole trasformarsi seriamente in controller lo può fare, ma deve cambiarsi d'abito, mettere addosso una tuta piuttosto che jeans vecchi e soprattutto scarpe da ginnastica possibilmente molto logore. Ora è pronto per scendere in produzione e cambiare pelle, acquisendo quelle competenze che lo renderanno (sommate a quelle che già possiede) davvero unico!

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento Analisi società di calcio, secondo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Crisi d'impresa, vi spiego perché la parola fallimento non...
Fatture elettroniche: come si annullano?
Business plan: che cos'è e come redigerlo
Come provare un contratto verbale
Una società è responsabile?
Come creare una start up
Fallimento e crisi d'impresa: uno strumento per essere...
Remote working: 4 aspetti positivi del lavorare da casa
Da contabile a stratega: così cambia il ruolo del Cfo in...
Crisi d'impresa: la riforma discrimina sull'obbligo assetto!
Pianificazione e controllo di gestione: ora giù la maschera!
Il Codice della crisi di impresa e dell'insolvenza: i nuovi...
Srl: atto costitutivo o statuto da modificare, ma non sempre
Il piano aziendale quale strumento di governance e...
Le 5 abilità più richieste dai datori di lavoro per Linkedin
Il codice della crisi; gli "indicatori significativi": la...
Troppo socialista per la City, ascesa e caduta di una ceo...
Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui...
Revisione contabile: quasi l'intero mercato è nelle mani...
Anatocismo, agire con i conti correnti aperti
Lehman, il crac degli "altri" che piegò le banche italiane
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
Dal Vice Presidente del Parlamento UE diretto sostegno ai...
Perché gli avvocati sono pagati sempre meno? Una...
Lezione giapponese: così gli Yes Men affossano le aziende
Perché i commercialisti non ci saranno più
10 motivi per assumere un manager cinquantenne
Più tempo per la formazione
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
Imprese familiari fatturato in crescita, ma visione "a breve"
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
La lenta marcia dei minibond ma con i Pir potrebbero...
Commercialisti, la svolta
La punta di diamante dell'inganno bancario
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Imprese, manca lo spirito di squadra e così l'open...
I revisori chiedono un giusto compenso alla Pa
Così cambia il lavoro: in banca pronti allo smartworking...
Accenture: «Il capitale umano è la vera risorsa dell'Italia»
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2019  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)