Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.894
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Bilancio successivo a quello nullo, tribunali discordi sui diritti del socio
di Daniele Stanzione
Il Sole 24 Ore
Venerdì 19 ottobre 2018

Sussiste la legittimazione del socio ad impugnare il bilancio successivo a quello dichiarato invalido? Il dubbio sorge a seguito del contrasto di opinioni sviluppatosi nella giurisprudenza di merito e recentemente ravvivato da due interessanti pronunce.
Da una parte il Tribunale di Roma, con sentenza n. 22843 del 6 dicembre 2017 – confermando il precedente orientamento già espresso con la nota pronuncia del 29 luglio 2013, n. 16678 - ha escluso la legittimazione del socio, per carenza di interesse ad agire, rispetto all'impugnazione, fondata sui medesimi vizi, dei bilanci successivi a quello dichiarato invalido. Dall'altra parte il Tribunale di Torino, con sentenza 205 del 19 gennaio 2018, ha ammesso tale facoltà. Più precisamente, secondo il ragionamento seguito dal Tribunale di Roma, la verifica circa la sussistenza dell'interesse ad agire – come insegna la giurisprudenza di legittimità (si veda, inter alia, Cassazione 2721/2002) – postula l'accertamento positivo in ordine alla possibilità di ottenere, attraverso l'iniziativa giudiziaria, un risultato utile giuridicamente apprezzabile, non altrimenti conseguibile: ebbene, premesso che ai sensi dell'articolo 2377, comma 7, del Codice civile, una volta dichiarata l'invalidità di una (qualsivoglia) delibera assembleare gli amministratori sono tenuti «a prendere i conseguenti provvedimenti, sotto la propria responsabilità», soltanto una volta dichiarata l'invalidità di una delibera di approvazione di bilancio sorge l'obbligo per gli amministratori di adottare i «conseguenti provvedimenti», tra cui rientra senza ombra di dubbio anche quello di apportare ai bilanci successivi tutte le correzioni che si rivelino eventualmente necessarie in quanto conseguenza riflessa dei profili di invalidità accertati in relazione al bilancio precedente. Pertanto tale adempimento «potrà essere richiesto agli amministratori e che, dunque, il socio non ha alcun interesse, giuridicamente rilevante, a promuovere un apposito giudizio per fare valere, con riferimento ad un bilancio successivo, gli stessi vizi già posti a fondamento della impugnazione relativa all'esercizio precedente» (così il Tribunale di Roma).
Di segno opposto, invece, la pronuncia del Tribunale di Torino, il quale ritiene per converso che la circostanza per cui gli amministratori siano tenuti a redigere nuovamente il bilancio dichiarato nullo, così come quelli seguenti che da esso dipendano, non importa automaticamente la carenza di interesse ad agire del socio che intenda impugnare il bilancio successivo, e ciò pure laddove le censure ipotizzate riguardino i medesimi criteri di valutazione.
Invero, rileva il Tribunale torinese, «non è possibile dedurre meccanicamente dall'identità del criterio applicato l'obbligo di correggere il bilancio successivo a quello impugnato, poiché l'applicazione del criterio, di esercizio in esercizio, può essere legittimamente differente in ragione del mutamento delle circostanze», la cui valutazione, al momento della redazione del bilancio, è rimessa all'ordinaria diligenza degli amministratori e ben può essere influenzata dal cambiamento delle condizioni materiali (si pensi all'ipotesi di un credito dapprima valutato come di dubbia sussistenza e dunque di improbabile realizzo, che venga invece successivamente ritenuto esistente con pronuncia giudiziale esecutiva).
Quindi, secondo il Tribunale di Torino, la possibile incertezza in ordine alla sussistenza o meno della necessità di procedere alla rettifica del bilancio successivo a quello dichiarato nullo (e quindi la presenza di un margine di discrezionalità in capo agli amministratori) «appare motivo sufficiente per affermare l'esistenza in generale dell'interesse del socio a impugnare anche il bilancio successivo, dove il risultato utile giuridicamente apprezzabile, non conseguibile senza l'intervento del giudice, consiste nell'accertamento con autorità di giudicato che il bilancio successivo è pure esso affetto da nullità, per aver fatto applicazione dei medesimi criteri in circostanze di fatto e di diritto invariate rispetto al bilancio anteriore già impugnato».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Troppo socialista per la City, ascesa e caduta di una ceo...
I revisori legali presentano proposta di legge sulla...
Lo Stato controllore impunito per i danni agli enti controllati
Cda bancari, la stretta della Cassazione
Lehman, il crac degli "altri" che piegò le banche italiane
Società quotate, i commercialisti spingono per...
Confidi al rilancio con la riforma del fondo
Professionisti, nuove opportunità dalla riforma del terzo...
Lezione giapponese: così gli Yes Men affossano le aziende
L'impresa familiare brilla più dei rivali
Fatturazione elettronica obbligatoria, l'allarme dei...
Perché i commercialisti non ci saranno più
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Banche, multa da 11 milioni a Bnl, Intesa e Unicredit...
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
Borse, è la festa più lunga. Gli Usa macinano record e...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
Se le riunioni sono lunghe o inutili: così le aziende tagliano...
Lo "yoga finanziario" entra in azienda e fa aumentare...
Tasso variabile, finita l'età dell'oro: dietro l'angolo la...
OK ai commercialisti specialisti
Commercialisti, la svolta
Regole e capitale, così il credito si allontana dalle Pmi...
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Imprese, manca lo spirito di squadra e così l'open...
I revisori chiedono un giusto compenso alla Pa
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Franchising e nuovi negozi, il commercio tradizionale...
Avviare un business: srl o ditta individuale? Ecco le 3 cose...
Fari puntati sulla responsabilità
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Avvocati, medici e notai, cresce la competizione con...
Consulenti finanziari autonomi al via
Pagamento in contanti: quando si rischia
È pignorabile una polizza?
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)