Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.606
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Via alle bad bank private, per smaltire le sofferenze ci vorrà un decennio
di Andrea Greco
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 8 febbraio 2016

La montagna delle sofferenze ha partorito il topolino (delle garanzie statali). Ma anche così il mercato dei crediti marci ripartirà: più volumi e transazioni, più attori che investono e maggior varietà delle operazioni. Finora gran parte delle compravendite era bilaterale e riguardava singoli pacchetti, presto sarà più facile far gestire i crediti cattivi a operatori specializzati, o affidarli a piattaforme comuni tipo "multiseller" per aggregare nella vendita gli istituti e i pacchetti minori. Malgrado un anno e mezzo di trattative con Bruxelles, non è stato possibile creare una bad bank statale, sforando i conti pubblici e sfidando le nuove normative Ue. A differenza di Spagna, Irlanda, Germania o Gran Bretagna, insomma, l'Italia i suoi 200 miliardi di sofferenze li dovrà smaltire con più lentezza e gradualità, e senza soldi pubblici. Il coro degli addetti - comprese Moody's, Standard & Poor's e Fitch, le grandi agenzie di rating chiamate a esprimersi sui futuri veicoli di cartolarizzazione - ritiene che ci vorrà un decennio, ma che in ogni caso le misure in arrivo sono meglio di niente, e velocizzeranno la vendita dei crediti in mora. Non è facile capire come si svilupperà "l'industria del recupero": ci vorrà qualche giorno per vedere il decreto legge che converte l'intesa annunciata a fine gennaio, e qualche mese perché le garanzie statali sulle cartolarizzazioni siano esercitabili, e nascano i veicoli per rivendere quei crediti. Alcune direttrici però sono tracciabili. Nel 2015 il mercato sofferenze italiano ha chiuso con transazioni nominali per quasi 20 miliardi. Finora gran parte delle transazioni sono state bilaterali: da una parte una banca, dall'altra un operatore specializzato, in mezzo un pacchetto di crediti sufficientemente svalutati perché la loro dismissione non danneggiasse troppo il conto economico dell'istituto (c'è ancora una forbice del 20-25% tra domanda e offerta di Npl, come differenza tra il livello medio degli accantonamenti e i prezzi di liquidazione del mercato). Questa forbice si tradurrebbe in una perdita di 40-50 miliardi se tutte le banche italiane ripulissero ora i libri creditizi. Le future garanzie statali sulle tranche senior di cartolarizzazioni dovrebbero chiudere questo differenziale di circa due punti percentuali, come ha stimato il dirigente del Tesoro Alessandro Rivera che ha condotto la trattativa con l'Ue. E nuovi incentivi a vendere Npl - scrivendo svalutazioni inferiori alle attuali - li produrranno le misure prese l'estate scorsa per velocizzare i processi di recupero dei crediti e dei beni reali sottostanti, oltre all'introduzione, attesa nel 2017 ma che forse sarà anticipata, del principio contabile Ifrs 9, che consentirebbe alle banche di iscrivere quelle svalutazioni direttamente nello stato patrimoniale. Con chiari benefici sulle politiche dei dividendi, per esempio. Due recenti fatti danno l'idea di come il mercato degli Npl italiani, per anni marginale e inefficiente rispetto agli importi da smaltire, si stia articolando. A fine gennaio l'annuncio che la piattaforma comune tra Banca Akros (Bpm) e Prelios Credit Servicing dopo sei mesi di preparativi è pronta. Un'iniziativa nuova in Italia, cui hanno apportato crediti sei istituti nazionali, ed emetterà due classi di titoli: il fondo specializzato Christofferson Robb & Company ha sottoscritto la classe subordinata, le banche cedenti (tra cui diverse popolari) i titoli ordinari. Finora la piattaforma si concentra sui crediti ipotecari, ma in futuro sarà aperta ad altri cespiti e attori, specie i più piccoli che hanno meno economie di scala e più difficile accesso ai fondi specialisti. «E' un'operazione rivoluzionaria - spiega l'ad di Prelios Cs, Riccardo Serrini - perché senza aiuti statali ci consente di comprare Npl a prezzi superiori rispetto al mercato, scontando i flussi di cassa a tassi molto inferiori». Il manager ricorda, poi, che «la maggior parte delle banche non è adeguatamente strutturata o non ha convenienza a gestire al proprio interno le sofferenze: la piattaforma multiseller permetterà in poche settimane alle banche interessate di entrare in un programma di cessione di crediti». Anche Intesa Sanpaolo, che le proprie sofferenze se le gestisce da sè tramite la Capital light bank interna, è però interessata a intermediare quelle degli altri. Uno strumento "multiseller" ce l'ha già in casa: la sua banca di investimento Imi l'ha utilizzata nel 2015 per quattro cartolarizzazioni da 850 milioni di crediti nominali, apportati da 70 Bcc tramite Cassa centrale banca, poi spacchettati in tre tranche così piazzate ai clienti di Imi. L'intenzione, per l'istituto guidato da Mauro Micillo, è espandere questo business: e sembra ci siano valutazioni in corso per gestire future sofferenze di primari istituti - come Mps, Carige, Banco popolare, Ubi. Le formule consortili, però, hanno anche degli svantaggi: amplificano la complessità, i conflitti di interesse e il rischio di selezione inversa, in cui ogni banca apporta i crediti peggiori e vende da sola i più attraenti. Per questo continueranno (e anzi aumenteranno) le transazioni "vecchio stile": come quella di settimana scorsa con la quale il Credito Fondiario ha rilevato 314 milioni di euro di sofferenze dal Credito Valtellinese.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi chiedere credito alla banca?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Npl, ora la battaglia si sposta sulle sofferenze con ipoteca
Vacchi: «Il distretto alla bolognese un modello di filiera...
La crisi delle banche italiane spiegata (con parole semplici)...
Specialisti nelle misure antiriciclaggio la figura più...
Soltanto il 24% delle aziende consente la flessibilità negli...
La crisi e i bancari ecco le competenze che hanno un futuro
Il ragno della finanza
Revisori legali, continua il braccio di ferro
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Stipendi, ecco chi paga di più
Cfo, la sfida tecnologica sui big data
Un universo di Pmi vive di private label. «Così miglioriamo...
La governance passa anche dagli stipendi. Stipendi dei...
Il riciclaggio adesso diversifica
Risk management, le aziende si attrezzano
Le disuguaglianze frenano la crescita, ridurle rilancia il Pil
«Sui derivati nuovi rischi per gli istituti di credito»
Mps, il soccorso della finanza globale. Vince JP Morgan, la...
Il commercialista non basta più, Pmi alla ricerca di...
«Quel club esclusivo ma spietato degli startupper di Silicon...
Pmi in salute minacciate dalle crisi internazionali
Manager, un altro calo: meno 4.400 nel 2015
Arriva il rating per le Pmi, il governo studia un nuovo...
«La priorità delle banche? Tutelare il risparmio degli italiani»
Se l'azienda non paga il Tfr è possibile chiederlo all'Inps?
Banche, tutti i numeri di un problema europeo
Popolare di Vicenza, nulli tutti i finanziamenti «baciati»
Maxibonus ai manager: il tetto francese e i numeri italiani
Certificazione di qualità così cambiano i manager delle...
Perché ai manager italiani non piace il lavoro a distanza
Sindaci revisori al test di qualità
Falso in bilancio anche per le stime
Deposito dei bilanci in formato elettronico, online il...
Le tangenti fanno vincere le gare, cresce il fatturato ma...
Consiglio di Stato: per il procedimento sanzionatorio...
Ora gli avvocati vanno a cercare nuovi business per le...
Via alle bad bank private, per smaltire le sofferenze...
Al robot sopravviveranno artigiani e geni informatici
Così il promotore diventa consulente finanziario: «Più...
Azioni, obbligazioni e quotazioni grandi portafogli a rischio...
Scambi fra colleghi e idee per i capi: il boom delle...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)