Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.606
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Vacchi: «Il distretto alla bolognese un modello di filiera utile per il governo»
di Luciano Nigro
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 3 aprile 2017

«Le nostre imprese manifatturiere sono costrette a lavorare in un contesto a dir poco complicato, ma hanno potenzialità enormi. Hanno molti difetti, però ce la possono fare, nonostante tutto. Possono competere e perfino vincere la sfida con i tedeschi, se lo Stato ci dà una mano». Alberto Vacchi è un ottimista. Forse dipende dal fatto che la sua Ima, un gioiello della meccanica avanzata della via Emilia che produce macchine per il confezionamento di thè, farmaci e alimenti e che ha comprato stabilimenti anche in Germania, non ha mai smesso di crescere a ritmi "cinesi": dalla quotazione a Piazza Affari nel 1995 è passata da 140 milioni di fatturato a 1,4 miliardi, da mille a 5.200 dipendenti, mentre il titolo in Borsa è balzato da 3,2 a 76 euro. O forse la sua fiducia nel futuro nasce dal fatto che alla guida degli industriali bolognesi ha creato un'associazione con Modena e Ferrara che, grazie anche alla spinta delle Ferrari e delle Lamborghini, raggiunge fatturati manifatturieri pari a quelli del distretto di Milano. O forse, semplicemente, Vacchi ha «toccato con mano le possibilità dell'industria made in Italy incontrando centinaia di imprenditori» quando un anno fa sfidò Vincenzo Boccia nella corsa alla presidenza di Confindustria. Perse per un pugno di voti, ma quell'esperienza fu un tuffo nella ricchezza produttiva del Belpaese.
Che cosa la induce a scommettere sul futuro industriale dell'Italia?
«Una cosa soprattutto: il fatto che le nostre imprese, pur polverizzate, concentrate specie al Nord e costrette ad arrangiarsi in un contesto complicato come quello italiano, continuano tuttavia a stare su mercati internazionali molto competitivi. Senza questa spinta all'export e senza il contributo decisivo al Pil dell'industria non so come il nostro Paese avrebbe potuto affrontare la crisi del 2008».
La recessione ha messo al tappeto le costruzioni e interi settori, ma le nostre fabbriche hanno retto meglio. Da che cosa dipende?
«Un contributo importante è venuto da una piccola rivoluzione che avvenuta nei nostri distretti industriali. La crisi ha spinto molte piccole imprese a cambiare dal basso, a fare rete con le medie e a cercare insieme soluzioni».
È quello che lei un tempo chiamava il "distretto alla bolognese"?
«Sì, anche se poi esempi simili si sono diffusi in altre aree del Paese».
In che cosa consiste questa trasformazione?
«Le faccio l'esempio di ciò che è avvenuto attorno alla mia azienda. La crisi rischiava di far scomparire molti nostri subfornitori, artigiani e piccole imprese. Quello che abbiamo fatto è stato creare una rete, dove l'Ima funzionava da hub. Ai fornitori abbiamo chiesto di ridurre il costo dei prodotti e di accrescere il livello tecnologico. In qualche caso abbiamo realizzato scambi azionari. Fatto questo, li abbiamo aiutati a cercare clienti anche all'estero».
Ha funzionato?
«Non speravo in risultati migliori. Quelle che all'inizio erano una decina di aziende in rete sono oggi diventate 40. Il fatturato estero complessivo da 17-18 milioni iniziali è salito fino a 200 con ricadute positive anche in termini di occupazione: quelle aziende, che rischiavano di morire dissipando un patrimonio di competenze, hanno oggi un migliaio di dipendenti».
Una rarità bolognese?
«Tutt'altro. Sistemi analoghi sono stati adottati in altri settori industriali dell'Emilia, in Piemonte, in Lombardia... E credo che si estenderanno perché danno un futuro a esperienze che rischierebbero di sparire a causa del ritardo tecnologico o dell'uscita dei loro fondatori».
Le imprese del cosiddetto quarto capitalismo, però, lamentano troppe tasse e scarso aiuto da parte dello Stato.
«Certo, l'Italia è un paese complicato. Ma basterebbe poco per far correre tante imprese piccole o medie».
Come è riuscita l'Ima a crescere a ritmi del 10% all'anno per un quarto di secolo?
«Abbiamo avuto fortuna con i prodotti e anche con un mercato favorevole. Ma abbiamo puntato a una crescita costante con una campagna di acquisizioni all'estero e investito in tecnologie e ricerca. L'Emilia, però, è un po' meno difficile del resto del Paese. Le istituzioni qui non ostacolano le imprese. Le aziende riescono a collaborare tra di loro e con le università. C'è dialogo con i sindacati».
Perfino con la Fiom lei ha sempre tenuto la porta aperta.
«Sindacati forti non devono spaventare. Il dialogo è utile: lo è perfino il conflitto se non è ideologico o pregiudiziale. Ora nelle fabbriche sta per arrivare una nuova rivoluzione digitale che cambierà il modo di produrre. È importante discuterne subito, cercando soluzioni condivise: non dobbiamo perdere competitività né distruggere posti di lavoro».
L'Italia non è l'Emilia, però. Le imprese chiedono un disegno di politica industriale e meno tasse.
«In Germania lo Stato e i Länder hanno un atteggiamento diverso. Non è così difficile ricorrere al credito, dialogare con i sindacati, affacciarsi all'estero. Ma la nostra flessibilità può rivelarsi un'arma formidabile. A patto che chi vuole investire riesca a trovare le risorse, che chi vuole crescere non sia ostacolato ma facilitato».
Che cosa dovrebbe fare il governo?
«La prima cosa? Favorire anche fiscalmente accorpamenti e fusioni tra le imprese».
Come fecero Ciampi e Amato con le banche?
«Una soluzione del genere favorirebbe aggregazioni e stabilizzerebbe il sistema manifatturiero».
La convince il progetto industria 4.0 del governo?
«L'impostazione del ministro Carlo Calenda è del tutto condivisibile. Servirebbero però risorse adeguate per sostenere l'investimento in tecnologie».
Solo questo?
«Non possiamo chiedere quello che l'Italia con un debito pubblico astronomico non può dare. Ma una buona politica industriale e pochi interventi metterebbero le nostre industrie nelle condizioni non dico di vincere la sfida con la Germania, ma certo di giocare la partita alla pari».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Personalizzazione del logo
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Npl, ora la battaglia si sposta sulle sofferenze con ipoteca
Vacchi: «Il distretto alla bolognese un modello di filiera...
La crisi delle banche italiane spiegata (con parole semplici)...
Specialisti nelle misure antiriciclaggio la figura più...
Soltanto il 24% delle aziende consente la flessibilità negli...
La crisi e i bancari ecco le competenze che hanno un futuro
Il ragno della finanza
Revisori legali, continua il braccio di ferro
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Stipendi, ecco chi paga di più
Cfo, la sfida tecnologica sui big data
Un universo di Pmi vive di private label. «Così miglioriamo...
La governance passa anche dagli stipendi. Stipendi dei...
Il riciclaggio adesso diversifica
Risk management, le aziende si attrezzano
Le disuguaglianze frenano la crescita, ridurle rilancia il Pil
«Sui derivati nuovi rischi per gli istituti di credito»
Mps, il soccorso della finanza globale. Vince JP Morgan, la...
Il commercialista non basta più, Pmi alla ricerca di...
«Quel club esclusivo ma spietato degli startupper di Silicon...
Pmi in salute minacciate dalle crisi internazionali
Manager, un altro calo: meno 4.400 nel 2015
Arriva il rating per le Pmi, il governo studia un nuovo...
«La priorità delle banche? Tutelare il risparmio degli italiani»
Se l'azienda non paga il Tfr è possibile chiederlo all'Inps?
Banche, tutti i numeri di un problema europeo
Popolare di Vicenza, nulli tutti i finanziamenti «baciati»
Maxibonus ai manager: il tetto francese e i numeri italiani
Certificazione di qualità così cambiano i manager delle...
Perché ai manager italiani non piace il lavoro a distanza
Sindaci revisori al test di qualità
Falso in bilancio anche per le stime
Deposito dei bilanci in formato elettronico, online il...
Le tangenti fanno vincere le gare, cresce il fatturato ma...
Consiglio di Stato: per il procedimento sanzionatorio...
Ora gli avvocati vanno a cercare nuovi business per le...
Via alle bad bank private, per smaltire le sofferenze...
Al robot sopravviveranno artigiani e geni informatici
Così il promotore diventa consulente finanziario: «Più...
Azioni, obbligazioni e quotazioni grandi portafogli a rischio...
Scambi fra colleghi e idee per i capi: il boom delle...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)