Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.692
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Un milione per il capo azienda. Il rebus delle politiche retributive
di Adriano Bonafede
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 20 febbraio 2017

Essere quotati in Borsa fa bene alle imprese ma anche ai portafogli dei membri del consiglio d'amministrazione. In media ogni amministratore ha preso, nel 2016 , 244 mila euro, secondo il rapporto "La corporate governance in Italia" di Assonime, l'associazione delle società quotate al listino. Ma questa è, appunto, una media e se distinguiamo le società per segmento, troviamo che per le quotate al Ftse Mib è di 405 mila, contro i 303 delle mid cap e le 140 mila delle small cap. Un'altra distinzione riguarda le finanziarie, che pagano di più (263 mila) rispetto alle non finanziarie (240 mila). Se poi passiamo alla funzione svolta, vediamo che - inevitabilmente - a guadagnare di più sono le figure-chiave delle imprese, quelle che possono determinare il successo o l'insuccesso di una strategia aziendale e dunque i guadagni o le perdite, ovvero gli amministratori delegati. In media ciascuno di loro ha guadagnato lo scorso anno poco meno di un milione di euro, 979 mila euro per l'esattezza (il tutto senza considerare eventuali stock option). Da notare che le remunerazioni degli ad sono cresciute riprendendo, sempre in media, tutto quello che avevano perso nel trinennio precedente (il 30 per cento circa). Via via che si scende nella scala gerarchica i compensi calano: 623 mila euro in media per i presidenti esecutivi, 259 per quelli non esecutivi fino a 55 mila per i consiglieri indipendenti non esecutivi. È interessante notare che solo il 46 per cento delle imprese del listino principale prevede clausole di claw-back (retituzione di componenti variabili delle remunerazioni) o di malus (trattenuta di somme oggetto di differimento) in caso di dati contabili manifestamente errati. «L'assenza di clausole di questo tipo in oltre la metà delle società - si legge nel rapporto - e la frequente mancata indicazione degli eventi che ne determinano l'applicazione mostrano che la nuova raccomandazione del Codice di autodisciplina di Assonime ha trovato finora un'applicazione ancora parziale». C'è poi la spinosa questione delle indennità di fine carica. Spesso, in passato, si è assistito a buonuscite milionarie senza alcun riferimento a norme codificate in precedenza e dando quindi l'impressione di "regali" elargiti dal consiglio d'amministrazione a manager che abbandonano per qualsiasi motivo (volontariamente o no) la società in cui lavorano. E tutto questo a spese degli azionisti. Adesso, l'85 per cento delle imprese quotate contempla la possibilità di future erogazioni. «Ma soltanto il 30 per cento di questo 85 per cento - spiega Marcello Bianchi , direttore generale di Assonime - afferma che ci sono accordi precisi, mentre tutte le altre hanno politiche estremenete vaghe. Eppure, anticipare e codificare questi compensi, fissando anche un cap (ovvero un limite massimo, Ndr) può essere nell'interesse della società anche per evitare futuri danni reputazionali». Infatti, a volte di fronte a buonuscite gigantesche e senza una specifica e chiara ragione, è stata la stessa impresa a perdere credibilità. Fra le varie incompiute delle politiche di remunerazione c'è anche il fatto che nel 20 per cento dei casi non è chiara quale sia la distinzione tra retribuzione fissa e variabile, ma per fortuna nella stragrande maggioranza dei casi (80 per cento) viene dichiarata. Inoltre, nell'84 per cento delle società sono stati fissati anche dei limiti alla retribuzione variabile, limiti che perlopiù sono collegati a parametri contabili. Infine, resta stabile il numero delle società della Borsa che hanno creato uno specifico 2Comitato per le Remunerazioni" come consigliato da Assinime: si oscilla dal 2013 a oggi intorno all'89 per cento. Le spiegazioni che da quell'11 per cento che manca all'appello vanno dalle "limitate dimensioni della società" a esigenze di "semplificazione della struttura sociale". Ma in un quinto dei casi semplicemente non c'è alcuna spiegazione.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
La balanced scorecard
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Professioni, l'equo compenso agli avvocati scatena...
Quando, e perché, gli esseri umani iniziarono a usare il...
Money transfer, banche e giganti web a caccia di un...
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
Npl, la riscossa di Unicredit: ora ha il portafoglio crediti più...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Ombra, balconi e bandiere: l'Italia nella rete del Fisco inutile
Al via la formazione obbligatoria per i revisori legali
Banche in ritirata, più mediatori un ponte per accedere al...
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Compri un'azienda e poi vai sul listino, le Spac accelerano...
Italia, ottime idee ma poche risorse. Così i brevetti non...
«Noi, commercialisti specializzati come i medici»
L'Italia torna ad attrarre gli investimenti esteri, balzo del...
Bail in, Opa, voto di lista: la Consob critica ma ha le sue...
Popolari e casse non quotate arriva il nuovo borsino per...
Assicurazioni, il direttore finanziario diventa strategico
La Penisola tra i Paesi meno virtuosi, ma affiorano segnali...
Le matricole di Piazza Affari crescono e battono gli indici
Commercialisti «Per salvarsi devono accettare di associarsi»
Credito, 225 milioni per i confidi
E gli istituti prenotano 50 miliardi di euro, è ossigeno che...
Banche e imprese, un rapporto in salita
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
Proteggere il risparmio dovere della democrazia
Egon Zehnder: «Ai manager italiani manca la capacità di...
Private equity, la ritirata degli speculatori
Tribunali, affari e cronache rosa: ecco cosa resta dei...
Filosofi, filologi e antropologi le aziende ora cercano umanisti
Poste, il risparmio tradito da quattro fondi immobiliari
Intesa Sanpaolo guadagna 500 milioni con i fondi della...
I professional italiani più deboli di quelli europei
E' giusto che lo Stato salvi Mps
Stipendi dei manager: quelli degli executive crescono più...
Le disuguaglianze frenano la crescita, ridurle rilancia il Pil
Un limite alla responsabilità dell'avvocato
Il Cerved scova 10 mila pmi innovative
I nodi irrisolti che pesano sulle banche a Piazza Affari
L'Uomo dei numeri anche nelle Pmi
Sofferenze bancarie, quali sono le colpe dei manager allo...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)