Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.740
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Troppo ricchi, basta superbonus ai manager
di Eugenio Occorsio
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 9 maggio 2016

La Cheniere Energy di Houston, che ha pagato il suo Ceo, Charif Souki, 141,9 milioni di dollari nel 2015, potrà scordarsi che nel suo capitale investa un giorno il Fondo sovrano norvegese. Altrettanto dovrà fare Alphabet, il nuovo nome di Google, che l'anno scorso ha versato cento milioni tondi al nuovo Ceo, l'indiano Sundai Pichai. Ma anche la Gamco Investors di New York, che ha corrisposto 85 milioni al capo azienda Mario Gabelli, figlio di emigrati da Medesano in provincia di Parma. Lo stesso vale per la gloriosa Oracle, il cui boss Larry Ellison si è messo in tasca 85 milioni, per Cbs (65,6 milioni a Leslie Moonves, prima donna in classifica), per Transdigm (64,2 milioni di dollari a Nick Howley) e sicuramente anche per Fiat Chrysler Automobiles che ha premiato Sergio Marchionne con la bella somma di 56 milioni (di euro), messa insieme combinando i compensi da executive di Fca, Cnh (i mezzi per agricoltura controllati da Exor), della stessa Exor, della Ferrari e anche di Philip Morris.
La settimana scorsa il Fondo norvegese, maggior bacino di denaro al mondo con 870 miliardi di dollari di patrimonio, in possesso di abbastanza risorse da poter comprare fino all'1,3% di tutte le società quotate su ogni Borsa del pianeta, ha spiazzato tutti aggiungendo una postilla ai suoi già rigorosi standard di investimento (niente società dell'alcol, del tabacco, che fanno lavorare i bambini o sfruttano le genti dei Paesi in via di sviluppo e via dicendo): non rileverà quote di aziende i cui manager sono pagati in modo abnorme. Per il fondo scandinavo è una decisa svolta, in quanto finora al contrario dichiarava apertamente di non volersi interessare alla politica di retribuzioni delle aziende in cui investiva: invece ora si unisce alla battaglia che da anni portano avanti economisti come Joseph Stiglitz e Thomas Piketty, oltre che gruppi d'azione e comitati civici di tutto il mondo.
È la prima volta che a pronunciarsi è qualcuno che ha in mano i cordoni della borsa, e che borsa, ma non è la prima volta che le superpaghe dei manager s'incrociano in qualche modo con i bilanci aziendali. L'incidente più clamoroso è capitato nel 2012 a Jamie Dimon, celebratissimo Ceo della blasonata JP Morgan. La banca si accorse di essere stata raggirata da Burno Iksil, uno dei suoi trader detto London Whale dalla sede in cui operava, che aveva aperto posizioni cervellotiche sui derivati fino a lasciarle un buco di 6,2 miliardi di dollari, solo per intascare i suoi bonus a sei zeri. Gli effetti furono micidiali: la banca cominciò nel primo quarter del 2012 ad accumulare perdite: erano 90 anni che non chiudeva un trimestre in rosso, dalla Grande Depressione, e contabilizzò un deficit di 769 milioni di dollari, e poi via via altre perdite fino a ritrovare faticosamente la stabilità solo due anni dopo. Risultato: Dimon si vide dimezzato da 20 a 10 milioni lo stipendio 2012 (nel 2011 era stato il banchiere più pagato del mondo). Poi anche lui ha piano piano recuperato le posizioni e quest'anno è tornato a guadagnare 20 milioni, fra le proteste popolari per il "perdono".
Anche nell'Eurozona le proteste non mancano. Se ne fa portavoce perfino la commissione di Bruxelles, che ha inserito per la prima volta nella Capital requirements directive, la cosiddetta Crd 4 del novembre scorso, oltre a tutte le misure prudenziali per banche e aziende, espressamente la necessità di controllare la paga dei capi affinché non ci siano contraccolpi sul bilancio. In tutti i Paesi membri cresce la consapevolezza del problema, anche in Italia: il collegio sindacale di Telecom ha espresso il suo più vivace disappunto per il superstipendio da 55 milioni (se raggiungerà gli obiettivi) promesso al nuovo Ceo, Flavio Cattaneo. Anche sul trattamento riservato al suo predecessore Marco Patuano (2,4 milioni di stipendio 2015 ma 7 milioni di liquidazione a inizio 2016) non mancano le perplessità del collegio.
Ma di episodi curiosi non ne mancano: l'ex ad di Luxottica Adil Mehboob Khan è stato retribuito con 13,5 milioni nel 2015 pur essendo stato nello stesso anno prima assunto e poi messo alla porta da Del Vecchio senza aver avuto il tempo di raggiungere alcun obiettivo: per "ringraziarlo" di aver lasciato la Procter & Gamble gli era già stata versata una "buonentrata" di 9 milioni di euro. Non meno paradossale, ma per lui felicissimo, il destino di Giovanni Battista Ferrario, l'ad di Italcementi: per il solo fatto di essere stato al posto giusto mentre l'azienda veniva assorbita dalla Helidelberg ha incassato più di 10 milioni. Sembrava una buonuscita, invece alla fine i tedeschi l'hanno confermato.
Altrettanto originali, e molto peculiari di un Paese a forte capitalismo familiare, le varie formule con cui gli azionisti di maggioranza si "premiano" con stipendi autoassegnatisi pur condividendo con manager professionisti gli incarichi operativi in azienda, da Carlo Pesenti (10,4 milioni) ad Alberto Bombassei (5,2). Non nuovo è invece il malcostume dei capi azienda il cui compenso è del tutto slegato dai risultati aziendali. Anzi. Gianni Zonin, buttato fuori a furor di popolo in novembre dalla Popolare di Vicenza, che aveva condannato a un'agonia non ancora conclusa, ha comunque incassato uno "stipendio" di 1 milione, in linea con quello dell'anno prima. Mentre i suoi correntisti assisstevano al volatilizzarsi di 5 miliardi.
Non è un problema solo italiano. In Francia il ministro dell'Economia, Emmanuel Macron, si è messo di punta contro Carlos Ghosn, cercando di bloccare la paga di 7,2 milioni che la Renault vorrebbe attribuirgli in aggiunta agli otto milioni che già prende come Ceo della Nissan: l'obiezione è che la Reanult è in parte pubblica perché lo Stato ne possiede il 19,7%. Ancora più aspra la battaglia d'Inghilterra: Bob Dudley, Ceo della Bp, ha ricevuto 19,6 milioni di dollari di remunerazione per il 2015 (il 20% in più dei 16,4 del 2014) malgrado nello stesso tempo la compagnia sia precipitata da un profitto di 8,2 miliardi a una perdita di 5,2 miliardi. Ma almeno lì Ann Dowling, presidente del "pay committee", vistasi messa in minoranza, si è dimessa.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Generi cassa oppure bruci cassa?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Mifid II, mercati più trasparenti con la "governance" della...
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Giovani e occupazione i veri numeri dell'Italia: gli over 30...
Pagamenti frazionati vietati se la fattura cumulativa...
È pignorabile una polizza?
Cet1 delle banche italiane: la classifica 2017
Popolare di Bari: 70.000 azionisti truffati, l'inchiesta fa...
Basilea 4, si cerca l'intesa entro l'anno
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
Riforma dei confidi in salita
Al via la formazione obbligatoria per i revisori legali
La carica degli avvocati nei cda
Aim, cinquanta Ipo allettate dai Pir ma per gli operatori...
«Lo Stato ci dà troppi oneri», la rivolta dei commercialisti
Carige, la crisi sotto la Lanterna. Npl e vecchio sistema di...
Bini Smaghi: «In Europa serve una megabanca»
I padroni stranieri del debito pubblico: 800 miliardi di euro...
Come avere successo nella vita: cinque strategie mentali...
La santa alleanza per industria 4.0, più competitività meno...
Banche, troppe voci per una crisi: il credito ostaggio dei...
Mercato sofferenze bancarie ai nastri di partenza, 60...
Sempre meno, sempre più in rosso: per i confidi va...
Le matricole di Piazza Affari crescono e battono gli indici
Professionisti, in calo le iscrizioni dei giovani
«Pronti a prestare, ma i piani industriali dovranno essere...
Busta paga più ricca, il "mito" della laurea supera la prova...
La crisi e i bancari ecco le competenze che hanno un futuro
Deflazione non è il contrario di inflazione
Ogni giorno nascono 4 start up tech
La Borsa "alternativa" snobbata in autunno ma ora l'Aim...
Revisori legali, continua il braccio di ferro
Commercialisti, un "service" per liberarsi dal fisco
Banche, un consigliere su quattro non è in regola
Per i revisori legali l'obbligo della informativa non...
Così Mani pulite ha trasformato il diritto penale...
I dirigenti senza lavoro sono 10 mila e le Pmi continuano...
Un milione per il capo azienda. Il rebus delle politiche...
Egon Zehnder: «Ai manager italiani manca la capacità di...
Stipendi in crescita, il 2016 premia tutti. Chi vende vince...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)