Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.752
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

«Troppo poche le cartolarizzazioni così le banche bruciano miliardi»
di Luigi Dell'Olio
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 22 maggio 2017

«Adesso la priorità è il rinnovo della Gacs. Ci sono tutte le condizioni per una diffusione su larga scala di questo strumento che permette di cartolarizzare le sofferenze degli istituti di credito grazie alla garanzia dello Stato». Per Riccardo Serrini, direttore generale di Prelios, il sistema di garanzia pubblica per la cessione dei crediti deteriorati può dare un contributo decisivo allo smaltimento delle tossine accumulate nella lunga stagione della crisi dalle banche italiane. Pur nella consapevolezza che non può essere, in sé e per sé, risolutivo.
Un anno fa andava in porto la prima operazione con assistenza Gacs, quella della Popolare di Bari, che vi ha visti al lavoro come consulenti e servicer insieme a Jp Morgan. Mezzo miliardo di euro ceduto al 33% del nominale, quasi il doppio rispetto alle valutazioni medie del mercato. Sembrava l'inizio di una lunga serie di operazioni di questo tipo e invece sembra sia rimasta soltanto un caso isolato, tanto che ora il rinnovo dello strumento, in scadenza il prossimo agosto, è in forse. È il momento di far calare il sipario sui Gacs?
«Mi auguro proprio di no. Nei giorni scorsi Fabrizio Pagani, capo della segreteria tecnica del ministero dell'Economia, ha assicurato che vi sarà un rinnovo di un altro anno almeno. Del resto, un rodaggio per questa che resta una novità nel nostro ordinamentoera da mettere in conto: molti istituti hanno voluto aspettare l'esito della prima operazione per muoversi».
Certo, ma la prima operazione non è stata completata ieri. Come mai non ne sono seguite altre?
«Iniziamo col dire che in pipeline ci sono altre due operazioni, a cura di Carige e Credito Valtellinese, e poi ci sono anche altri istituti che stanno studiando questa soluzione. Certo, anche noi ci aspettavamo un utilizzo più diffuso dello strumento, ma non dimentichiamo che l'operazione comporta in via preliminare un aggiornamento dei database sulle posizioni creditizie e un'attività di due diligence interna alla banca. Due attività che richiedono del tempo, per cui è lecito attendersi un'accelerazione nei mesi a venire. Soprattutto se vi sarà una maggiore capacità di selezionare servicer indipendenti con un track record comprovato. Non dimentichiamo che un buon rating è collegato anche alle curve di recupero dei servicer».
Qualche analista ha sottolineato che proprio i tempi lunghi della procedura Gacs è all'origine dello scorso utilizzo fin qui dello strumento. In sostanza, nell'urgenza di liberarsi dei crediti deteriorati, si preferisce la cessione sul mercato...
«Sicuramente per molti è così, ma vendere al 20 per cento o anche meno del nominale significa poi iscrivere a bilancio pesanti minusvalenze. Con il rischio concreto di dover poi andare dai soci a chiedere di rimettere mano al portafoglio per rafforzare il capitale. In base alla nostra esperienza, un'operazione con Gacs può essere chiusa in quattro mesi, avendo già le curve certificate dalle agenzie di rating».
Guardando in generale al tema dei non performing loans, quali sono a suo avviso gli interventi necessari per ridurre il peso sulle spalle dgli istituto di credito?
«A dicembre 2016, il sistema bancario italiano aveva 349 miliardi di crediti deteriorati, di cui 215 sono già a sofferenza. Il problema riguarda l'81 per cento dei prestiti corporate e il 47 per cento degli npl ha un sottostante immobiliare. Cito questi numeri soltanto per inquadrare meglio la questione. Non ci può essere un dimezzamento di questi numeri nel medio termine se non si affronta il problema della lentezza della giustizia. In media, la chiusura di un fallimento richiede sette-otto anni, con picchi anche di quindici. Occorre evidentemente riformare la legge fallimentare e far funzionare nel modo migliore possibile le norme che già ci sono».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
La balanced scorecard
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Avviare un business: srl o ditta individuale? Ecco le 3 cose...
Società 50-50: come superare il problema
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Fari puntati sulla responsabilità
Credito tremano i confidi. A rischio uno su tre
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Un codice, fondi e più trasparenza: parte la rivoluzione del...
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Sinai: «Attenti agli eccessi del liberismo»
Pagamenti frazionati vietati se la fattura cumulativa...
Con quale frequenza si può prelevare dal conto?
È pignorabile una polizza?
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per...
«Azioni, Bot e fondi. Serve una patente per i risparmiatori»
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Crediti deteriorati: cosa sono i Non Performing Loans (Npl)?
Money transfer, banche e giganti web a caccia di un...
Npl, la riscossa di Unicredit: ora ha il portafoglio crediti più...
Ombra, balconi e bandiere: l'Italia nella rete del Fisco inutile
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
Bini Smaghi: «In Europa serve una megabanca»
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
«Un impiego part time in banca, per i consulenti una...
Atlante, un anno nella trappola veneta: miliardi bruciati...
Banche e assicurazioni hanno ancora dei vantaggi sui...
Bail in, Opa, voto di lista: la Consob critica ma ha le sue...
Interconnessione e sensori, l'agricoltura sta al passo
Dove volano le medie imprese. Le "tedesche" d'Italia sono...
Cuneo fiscale, chi guadagna con il taglio
Credito, 225 milioni per i confidi
I revisori legali lanciano il micro credito per start up e...
L'export frenato da formato bonsai delle ditte
Busta paga più ricca, il "mito" della laurea supera la prova...
I manager che ricuciono gli strappi generazionali
Ogni giorno nascono 4 start up tech
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
I dirigenti senza lavoro sono 10 mila e le Pmi continuano...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)