Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.872
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Torna il cottimo, ora si chiama "on demand"
di Christian Benna
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 30 ottobre 2017

Altro che posto fisso. Anche la precarietà, quella delle collaborazioni continuative, sta diventando un miraggio. Perché oggi, nell'era del boom del digitale, va di moda il lavoro "on demand", dove si presta servizio solo quando c'è richiesta. Niente di nuovo sotto il sole, perché le prestazioni a cottimo esistono sin dalla notte dei tempi; la novità sta tutta nel mondo delle app che accelera questo processo mettendo in contatto domanda e offerta con un paio di click. E allora l'uomo-tutto-fare che, una volta riempiva di volantini fermate del bus e negozi, può collegarsi alla piattaforma Taskrabbit (ora di proprietà di Ikea) per offrire i suoi servizi: sgombero cantine, pulizie, ripara tutto. Chi ha doti da artigiano può mettere in vetrina i suoi prodotti nel punto vendita globale che si chiama Etsy; per chi si occupa di traduzioni, grafica, stesura di articoli, video editing, c'è Fivver, la piattaforma dei lavori freelance intellettuali. La lista dei cerca-offro lavoro della gig economy è lunga almeno quanto le polemiche che il suo sviluppo vorticoso sta suscitando. Perché da economia delle opportunità e da integrazione del salario, sta diventando la regola, fonte primaria di lavoro per milioni di persone. Secondo la Banca Mondiale l'economia dei lavoretti entro il 2020 varrà 25 miliardi di dollari.
Si tratta, evidentemente, di un modello occupazionale che rappresenta ancora una nicchia. Tuttavia, per l'Ocse i lavori non standard (quelli autonomi, part-time e temporanei) rappresentano ormai il 33% del totale. E l'Online Labour Index dell'Università di Oxford parla di una crescita costante e a doppia cifra della gig economy che nel 2016 ha fatto un balzo del 26%. Si capisce: niente contratti, un bacino di utenti mondiale, costo delle prestazioni imposto dal mercato, deregulation totale. Negli Usa, dove avere un secondo o terzo lavoro è la prassi per milioni di americani che faticano a sbarcare il lunario, la gig economy è diventata un'integrazione al salario. C'è chi stacca dall'impiego principale e si trasforma in autista di Uber per un paio di ore, e chi fa consegne a domicilio di articoli di ecommerce o di pasti caldi. In Italia, la rivoluzione digitale è arrivata nei giorni della grande crisi e della disoccupazione alle stelle. Perciò la gig economy è diventata per tante persone la principale fonte di salario, senza diritti e senza garanzie. Adesso l'economia dei lavoretti va a processo. Nel 2015 il Tribunale di Milano ha messo le "ganasce" al servizio Uber Pop, bloccando — per concorrenza sleale - la app che consentiva a chiunque di improvvisarsi autista. In questo caso la denuncia è partita dai concorrenti, le compagnie di taxi, che si sentivano messi all'angolo da Uber Pop. A Torino invece sta succedendo qualcosa di diverso che è destinato a fare giurisprudenza. Perché sul banco degli imputati del tribunale piemontese è finita Foodora, il colosso tedesco delle consegne di cibo a domicilio. Questa volta a portare alla sbarra il lavoro on "demand", il cottimo in versione 4.0, sono stati gli stessi collaboratori, i fattorini ciclisti di Torino che hanno fatto causa all'azienda affinché gli venga riconosciuta una paga da lavoro subordinato e non da autonomi. E intorno a questa definizione si gioca il futuro della gig economy, l'economia dei lavoretti o delle app, che corre a doppia cifra sul filo di internet. Basta un click per ricevere a casa un pasto fumante dal nostro ristorante preferito, la spesa comprata al supermercato o un capo di abbigliamento. Nel caso dei rider di Torino, la protesta è montata quando Foodora ha cambiato le regole del gioco: addio al contratto su base oraria (5,70 euro l'ora) per abbracciare una paga sulle prestazioni (2,70 a consegna), sì incentivante ma priva delle tutele incluse per legge in un contratto di lavoro subordinato, come quelle sulla sicurezza. I rider hanno incrociato le braccia, e sei di loro sono stati "eliminati" dalla app attraverso cui si ricevono gli ordini per le consegne. I collaboratori di Foodora si sono presentati di fronte al giudice per riottenere il lavoro perduto ma soprattutto per veder riconosciuta una retribuzione di base fissa perché, a loro dire, svolgono un lavoro di tipo subordinato e tutt'altro che autonomo.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
L'intelligenza artificiale rivoluzionerà la banca
Se in Italia tanto risparmio viene sprecato la colpa è anche...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Perché gli avvocati sono pagati sempre meno? Una...
Approccio basato sul rischio anche per i sindaci-revisori
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Professionisti, le spine dell'equo compenso: sono più i casi...
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Una chance per risollevarsi dalle crisi, le aziende chiedono...
Borsa e crowdfunding: così il credito è alternativo
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Tamburi: banche troppo generose, gli Npl una lezione
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Bancarotta, estesa la non punibilità
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
7 cose da fare per rilanciare la tua carriera
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila...
Sogei e il flop dello spesometro: ecco tutti i buchi nella...
Le banche centrali spiazzate di fronte all'enigma Bitcoin
Consob: «Chi si quota ha ricavi più alti del 50%»
Bollette più leggere, arriva l'energy manager
La ripresa c'è ma non si vede: «Vanno sostenuti i sogni...
Ecco i "Principi di redazione dei piani di risanamento"
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
Un codice, fondi e più trasparenza: parte la rivoluzione del...
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Avvocati, medici e notai, cresce la competizione con...
Consulenti finanziari autonomi al via
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Popolare di Bari: 70.000 azionisti truffati, l'inchiesta fa...
Atlante riapre la raccolta per salvare le tre Casse
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
L'investimento non è il gioco di chi vince ma il gioco di chi...
L'ape regina in ufficio: è vero che le donne sono più...
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)