Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.752
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

I titoli atipici di Bagnasco, Cultrera e Sgarlata. L'Italia degli anni '80 e la finanza d'assalto
di A. Bon.
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 22 maggio 2017

Per evitare che governo e Parlamento consentano dal 2018 ai consulenti finanziari "autonomi" (non collegati a nessuna rete) di andare in giro per le case degli italiani a offrire i loro servizi, le banche evocano sottovoce i fantasmi dei tanto famigerati "venditori porta a porta" di titoli atipici. Quelli che che negli anni Ottanta vendevano quote di partecipazione, di solito in proprietà immobiliari, a ignari risparmiatori che rimasero poi in gran parte bruciati. Ma il paragone con quei tempi è azzardato. Allora i finanzieri d'assalto si chiamavano Orazio Bagnasco, con la sua Europrogramme, Luciano Sgarlata con Otc, Vincenzo Cultrera con Ifl, le scatole cinesi di Massimo e Cesare Canavesio, Paolo Federici con Eurogest. Non esisteva una stringente normativa europea come oggi, la vendita di prodotti finanziari era codificata sol in parte e la vigilanza meno potente di oggi. Altri tempi, insomma, ma vale la pena di ricordare quelle storie così lontane. A quel tempo i risparmiatori italiani erano soprattutto "Bot people": ottenevano alti rendimenti dai titoli di Stato senza eccessivi rischi. Ma anche allora c'era chi chiedeva di più: per ingordigia pensava di diventare ricco sfruttando il boom dell'immobiliare che sembrava inarrestabile. E come al solito, di fronte a qualcuno che pensa di poter moltiplicare il proprio denaro come Gesù con i pani e i pesci, c'è qualcun altro che si propone come demiurgo monetario. Il risultato finale è stato quello di un contenzioso per 22 miliardi di euro con circa 700 mila risparmiatori rimasti intrappolati in un meccanismo infernale. All'inizio sembrava tutto facile. A quel tempo non c'erano i fondi immobiliari, strumenti regolamentati a partire dal 2001 con una serie di garanzie a protezione dei risparmiatori che non li hanno tuttavia esentati, dopo la crisi del 2007-2008 e il crollo dei valori immobiliari, da gravi perdite. Lo strumento che fu usato al tempo per vendere gli immobili che avrebbero dovuto essere di pregio erano i certificati di partecipazione. Solo che in quegli anni non c'era alcuna garanzia sul valore di acquisto: oggi i fondi immobiliari devono essere valutati ogni sei mesi da tecnici indipendenti e c'è un controllo della Banca d'Italia. Inoltre, i fondi immobiliari destinati alla clientela retail devono obbligatoriamente essere quotati entro un anno. È interessante vedere un caso particolare. Gli immobili, come sempre, venivano venduti dai venditori atipici (neppure questi erano regolamentati) come l'unico modo per conservare il valore reale dei soldi investiti. A quel tempo, non bisogna dimenticare, in Italia l'inflazione era a due cifre ed effettivamente il mattone pareva svolgere questa funzione. Il caso di Vincenzo Cultrera è illuminante. Cultrera aveva comprato nel 1983, fra gli altri, il Grand Hotel di Rimini, un trophy building si direbbe oggi. Il prezzo pagato fu di 11 miliardi. Subito dopo il bene fu offerto al pubblico sotto forma di certificati patrimoniali per 23 miliardi. La (notevole) differenza fra le due cifre rappresentava il guadagno di Cultrera. Che guadagnava anche sulle commissioni di deposito: il cliente, infatti, veniva invitato a lasciare i certificati di partecipazione in deposito fiduciario presso l'Ifl. Il perverso meccanismo messo in piedi, all'inizio funzionava. Funzionò fin tanto che si continuavano a vendere le quote di partecipazione e chi era già entrato non chiedeva di riscattare le proprie. Il marchingegno entrava in crisi quando le vendite si arrestavano oppure quando i prezzi degli immobili scendevano seguendo del resto i normali cicli immobiliari. Questa fu proprio la causa del tracollo di Europrogramme di Orazio Bagnasco. In 15 anni di vita avevano guadagnato sia i venditori porta a porta (che avevano lucrato rilevanti commissioni per la gestione del fondo) sia i sottoscrittori che per primi erano entrati ma che per primi erano usciti. Finché c'era qualcuno che subentrava a chi voleva uscire il bluff non veniva scoperto. Quando poi i riscatti cominciarono a superare le sottoscrizioni non era possibile vendere gli immobili "a pezzi" o questa operazione sarebbe avvenuta a prezzi molto più bassi di quelli di carico. Come si vede, il meccanismo dei titoli atipici era in fondo, in altra forma, la solita catena di Sant'Antonio che brucia gli ultimi arrivati, quelli che rimangono con il cerino accesso e non possono più uscire. Non ottennero quindi buoni risultati gli ultimi 70.000 arrivati in Europrogramme: al contrario, il loro patrimonio rimase congelato per moltissimi anni e infine ottennero, in più rate e svalutata, solo una piccola parte dei soldi che con fiducia immotivata avevano investito.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Stampa il piano di ammortamento mutuo
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Fari puntati sulla responsabilità
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Con quale frequenza si può prelevare dal conto?
Quanto contante si può prelevare in banca dopo il 2016?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per...
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Report di sostenibilità alla prova dei numeri
In quattro nel «consorzio» per lo sconto sui rating interni
Basilea 4, si cerca l'intesa entro l'anno
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
Terzo settore, riforma in 42 passi
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Npl, la riscossa di Unicredit: ora ha il portafoglio crediti più...
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Banche, ora fare chiarezza sulle modalità dei salvataggi
Attuari, pochi e ricercatissimi: «Calcoliamo i rischi aziendali»
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Compri un'azienda e poi vai sul listino, le Spac accelerano...
Notai, avvocati, commercialisti: «Riciclaggio, troppe...
Fondi pensione, patrimonio triplicato in 10 anni di riforma
La fattura si sconta sul web. Al galoppo le aziende fintech
Come riconoscere la solidità di una banca
Belpaese, solo il 37% "comprende" la finanza
«Troppo poche le cartolarizzazioni così le banche bruciano...
Pir, ci vogliono più Pmi di qualità
Nuove regole europee sulla privacy: servono 45mila esperti
Assicurazioni, il direttore finanziario diventa strategico
«Basta pagamenti in ritardo», Bruxelles richiama l'Italia
Attenti a quei cinque Unicorni, startup che voleranno a...
Reati penali societari in forte aumento e lo studio legale...
Export e innovazione, la ricetta vincente delle magnifiche...
Soltanto il 24% delle aziende consente la flessibilità negli...
Tagliare con intelligenza. I nuovi manager che fanno...
Credit crunch, sale la richiesta di finanziamenti ma il...
La volatilità delle Borse e i dubbi delle matricole
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
I manager che piacciono al private equity
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)