Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Tasso variabile, finita l'età dell'oro: dietro l'angolo la revisione Euribor
di Sibilla Di Palma
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 13 novembre 2017

La revisione all'orizzonte dei criteri di calcolo dell'Euribor potrebbe creare qualche grattacapo a chi sceglierà il tasso variabile per il proprio mutuo dal 2019. Intanto lo scenario per chi bussa in banca alla ricerca di un finanziamento per acquistare casa resta favorevole, complice la conferma di un orientamento accomodante da parte della Bce. Infatti, nelle scorse settimane Mario Draghi ha confermato che l'istituto di Francoforte andrà avanti con il quantitative easing (l'acquisto di asset per generare liquidità aggiuntiva sul mercato), anche se dall'inizio del prossimo anno l'importo si dimezzerà a 30 miliardi di euro al mese. Una decisione che secondo Stefano Rossini, amministratore e fondatore di MutuiSupermarket.it, avrà l'effetto di ritardare di qualche mese il potenziale aumento del costo del denaro in Europa (la maggior parte degli analisti ritiene che non avverrà prima del 2019, ndr), «permettendo quindi alle banche di mantenere per un periodo di tempo più esteso di quanto previsto finora l'offerta a tassi particolarmente ridotti». Dando quindi una spinta al mercato dei mutui, che negli ultimi tempi ha subito una battuta d'arresto per il venir meno del contributo assicurato dalle surroghe: chi aveva sottoscritto un finanziamento negli anni dei tassi alti, evidentemente ha già rottamato il vecchio contratto. Ora sul mercato restano quasi esclusivamente contratti stipulati a condizioni non molto dissimili da quelle attuali. Questo spiega perché nel secondo trimestre, stando all'ultimo Bollettino Statistico della Banca d'Italia, le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l'acquisto dell'abitazione per 12.983 milioni di euro, in calo di 240,7 milioni rispetto a un anno prima. Una boccata d'ossigeno era da mettere in conto, se si considera che negli ultimi tre anni i finanziamenti per l'acquisto di immobili da parte delle famiglie sono passati da 21 a 51 miliardi di euro.
«L'aspettativa per i prossimi mesi è di una stabilità degli spread medi», aggiunge Rossini. Ricordando che, secondo l'ultima Bussola Mutui, bollettino trimestrale firmato Crif e MutuiSupermarket, si sono attestati nel terzo trimestre dell'anno attorno all'1% per il tasso variabile e allo 0,3% per quello fisso (in discesa dallo 0,5% del secondo trimestre). Mentre per i prossimi mesi, «gli analisti di mercato si attendono un Euribor negativo per tutta la durata del Qe e alcuni pronosticano un ritorno al segno positivo non prima di fine 2019, inizio 2020. Con riferimento ai mutui a tasso fisso — che si basano sull'indice Irs determinato dall'andamento delle previsioni sui tassi per i prossimi 20/30 anni — le migliori offerte inizieranno una lenta dinamica di rialzo progressivo». Anche per Roberto Anedda, direttore marketing Mutuionline.it, dopo la comunicazione della Bce, lo scenario rimane positivo sul fronte dei tassi: «Se prima ci si chiedeva quando il Qe sarebbe terminato, oggi sappiamo che verrà prolungato». Motivo per cui le banche «dovrebbero continuare a offrire tassi ridotti, in linea con quanto proposto negli scorsi mesi. Considerando le durate dai vent'anni in su, le più richieste per i mutui, i migliori tassi fissi si mantengono al di sotto del 2%, e i tassi variabili più convenienti si trovano tra 0,60% e 0,80%». Con il tasso fisso che, secondo l'Osservatorio MutuiOnline.it, continua a fare la parte del leone con una quota di erogazioni ancora oltre l'80% nel terzo trimestre dell'anno, anche se è in aumento l'interesse per il variabile, che dai minimi al 17% di un anno fa risale ad oltre il 25% negli ultimi mesi. Anche se chi opta per quest'ultima soluzione dovrà fare i conti con l'introduzione della nuova formula di calcolo dell'Euribor, il parametro sul quale viene definito il tasso di interesse sui mutui a tasso variabile, che dovrebbe entrare in vigore nel 2019. L'obiettivo è mantenere l'Euribor il più possibile vicino alla realtà dei mercati, mandando in soffitta un metodo di calcolo costruito dalla discrezione delle istituzioni bancarie, che spesso ha lasciato spazi ad abusi. Il nuovo sistema avrebbe come controindicazioni una maggiore volatilità (proprio perché non costruito in laboratorio), anche se per Rossini non sono all'orizzonte rivoluzioni considerato che «già oggi molte banche, e probabilmente sempre di più a tendere, applicano nei loro contratti clausole che permettono di calcolare l'Euribor mensile, da utilizzare per il ricalcolo periodico della rata».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
La balanced scorecard
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Bancarotta, estesa la non punibilità
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La voglia di digitale fa ripartire investimenti e credito...
Torna il cottimo, ora si chiama "on demand"
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Riforma del non profit sotto esame: aspettando i decreti...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Fari puntati sulla responsabilità
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Avvocati, medici e notai, cresce la competizione con...
Consulenti finanziari autonomi al via
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Pagamento in contanti: quando si rischia
Bonifici sospetti verso familiari: scatta il blocco del conto
Possibile il pignoramento del conto Paypal?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Popolare di Bari: 70.000 azionisti truffati, l'inchiesta fa...
«Azioni, Bot e fondi. Serve una patente per i risparmiatori»
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Quanto contante si può versare in banca dopo il 2016?
Giovani precari, in pensione 6 anni dopo i padri
Le incognite che vede la Bce
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)