Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.856
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Sul credito è in gioco la credibilità
di Marco Onado
Il Sole 24 Ore
Giovedì 3 maggio 2012

La fumata nera (o grigia) che si è levata ieri dopo la riunione dell'Eurogruppo dedicata all'applicazione in Europa delle nuove regole sul capitale delle banche (Basilea 3) è quella che i giornalisti chiamano una non-notizia, perché era data quasi per scontata ed è comunque stata mascherata come un accordo politico di carattere generale, cui si dovranno dare in seguito contenuti più precisi.
Ma è proprio qui il problema, perché a questo punto sono i dettagli che contano e in questa fase si dimostra ancora una volta che in materia di regole sulle banche l'Europa è sempre più lontana dall'America e per di più drammaticamente lacerata al suo interno. L'unico elemento comune è il tiro al bersaglio sulle norme varate dal Comitato di Basilea. Forse non a caso, proprio ieri un autorevole esponente della Fed, Daniel Tarullo, responsabile della vigilanza, ha chiesto un allentamento delle nuove regole in materia di riserve di liquidità, considerate troppo severe per poter essere applicate nei prossimi anni dalle banche americane. Poiché come è noto gli Stati Uniti applicano le regole di Basilea solo alle grandi banche sistemiche e poiché questa è la parte veramente innovativa per le ex investment banks, è come dire che l'intero quadro deve essere messo in frigorifero per non si sa quanto tempo.
Ancora più complessa e preoccupante è la situazione nel Vecchio continente. Avendo scelto di applicare il regime di Basilea a tutte le banche per mezzo di una direttiva che deve essere prima approvata dal Parlamento europeo e poi recepita nei singoli ordinamenti, l'Europa si trova a fare i conti con 27 Paesi che in questo momento esprimono esigenze che non potrebbero essere più divergenti fra loro. I tedeschi e i francesi vogliono rinviare le regole relative al limite massimo all'indebitamento delle singole banche. Gli inglesi, che temono la fragilità di banche straniere presenti sulla piazza londinese, chiedono che le autorità nazionali possano autonomamente alzare l'asticella dei requisiti di capitale. I francesi vogliono addolcire le regole che riguardano le banche che possiedono un'assicurazione (la situazione di Société Générale e Crédit Agricole, ça va sans dire). E via elencando in una serie di rivendicazioni collegate agli interessi dei sistemi bancari nazionali, che fanno capire quanto tortuosa sarà la strada futura delle regole di Basilea.
Alla fine, un compromesso politico emerge sempre dal cilindro della politica europea. E anche su questa materia un faticoso compromesso verrà raggiunto e alimenterà trionfalistici comunicati. Ma la battaglia che si sta combattendo sulle regole di Basilea è ancora una volta una dimostrazione dell'incapacità europea di affrontare la crisi finanziaria con soluzioni organiche e coerenti rispetto a questa fase della crisi finanziaria. Tre anni fa, quando si è iniziato a parlare del nuovo regime del capitale, molti pensavano che la fase peggiore della crisi fosse passata. Era quindi ragionevole iniziare il processo di rafforzamento delle banche.
Oggi la situazione è cambiata in peggio e la caduta dell'attività produttiva rischia di rendere il processo di deterioramento degli attivi delle banche più veloce di quello di ricapitalizzazione. In questo quadro, l'Europa ha bisogno di politiche per la crescita e di trovare soluzioni condivise per le banche in difficoltà. Ma sul primo fronte, siamo ancora in alto mare: qualcuno parla di aumentare il fondo di dotazione della Bei di 10 miliardi (che si tradurrebbe in un aumento dei prestiti di 50-60): una goccia nell'oceano delle esigenze di oggi.
Per quanto riguarda le banche, brancoliamo ancora nel buio più fitto: ad esempio, l'idea di ampliare significativamente il fondo europeo per fargli acquistare obbligazioni delle banche continua ad essere fieramente osteggiata.
Insomma, ci vorrebbe un missile a tre stadi (misure per la crescita, misure di stabilizzazione delle banche, regole di capitale uniformi) ma l'Europa riesce a litigare su tutto e a partorire ogni volta poco più di un topolino. Alla fine, un compromesso su Basilea (magari con qualche annacquamento) potrà tranquillizzare le coscienze dei politici europei. Ma si tratterà solo di una parte del quadro di misure necessarie e soprattutto, nessuno politico europeo sembra capace di vedere la dura realtà e cioè che in questa fase economica rifiutare le altre misure più incisive e insistere solo sui requisiti di capitale rischia di peggiorare ulteriormente la spirale deflazionistica in cui stiamo cadendo.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Legge 155/2017 applicazioni pratiche
Consulenti e revisori insieme
Perché i commercialisti non ci saranno più
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Banche, multa da 11 milioni a Bnl, Intesa e Unicredit...
10 motivi per assumere un manager cinquantenne
Professionisti, le spine dell'equo compenso: sono più i casi...
Piccole e medie imprese migliore crescita in Europa: il...
La lenta marcia dei minibond ma con i Pir potrebbero...
L'allerta salva azienda chiede competenze forti
Piazza Affari, ecco i compensi dei manager
«Ridurre scadenze e adempimenti così si semplifica la...
Un benefit per ogni età, così Philip Morris rivoluziona il...
Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila...
Consob: «Chi si quota ha ricavi più alti del 50%»
La ripresa c'è ma non si vede: «Vanno sostenuti i sogni...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
Mettersi in proprio: idee e segreti. Lavoro autonomo o...
Società 50-50: come superare il problema
Piccole imprese: come tirarsi fuori dai debiti con 6 consigli...
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Mifid II, mercati più trasparenti con la "governance" della...
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Sinai: «Attenti agli eccessi del liberismo»
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Popolare di Bari: 70.000 azionisti truffati, l'inchiesta fa...
«Azioni, Bot e fondi. Serve una patente per i risparmiatori»
Basilea 4, si cerca l'intesa entro l'anno
E se i lavoratori avessero il cartellino come i calciatori?
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
Quando, e perché, gli esseri umani iniziarono a usare il...
Dagli avvocati ai farmacisti: così la nuova legge sulla...
2021, la carica dei "mini ingegneri". Così i periti industriali...
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
Al via la formazione obbligatoria per i revisori legali
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
«Lo Stato ci dà troppi oneri», la rivolta dei commercialisti
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)