Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.692
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Stipendi, ecco chi paga di più
di Raffaele Ricciardi
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 13 marzo 2017

Chi si occupa di cercare lavoro per gli altri non è gratificato in busta paga. E' invece difficile che nel settore della chimica ci sia qualcuno che si lamenti dello stipendio. Le agenzie per il lavoro, da Manpower a Randstad, sono la famiglia di imprese con buste paga più leggere delle altre; nel chimico, quasi tutte (con l'eccezione di Basf Italia) sono sopra la media nazionale. Lo dice il Company Salary Index (Csi) sviluppato dall'Osservatorio JobPricing con Repubblica.it, che ordina le grandi aziende in base a quanto pagano i loro dipendenti. Per costruirlo si parte da un indicatore per ciascuno dei 280mila profili retributivi osservati, ottenuto dal rapporto tra la retribuzione annua lorda (Ral) del singolo e la media di mercato. Facendo poi la media degli indici di ciascun profilo interno a una grande azienda, si ha il Csi di quella società. Fatta 100 la media complessiva del Csi, la graduatoria generale è dominata da Procter&Gamble Italia che conferma il primato dello scorso anno con 118 punti. Alle sue spalle resta la Sogei, al terzo posto entrano i sistemi elettronici di Elt. Tra le migliori, la new entry Autostrade per l'Italia al quinto posto, dopo Bankitalia e a pari merito con Barilla. La classifica aggiornata si iscrive in un miglioramento delle buste paga italiane. L'anno scorso i dipendenti privati hanno goduto di un aumento degli stipendi del 2,1 per cento (29.309 di Ral): un sostegno al potere d'acquisto se si considera il –0,1 per cento dei prezzi. I dirigenti, colpiti da uno sfoltimento della truppa e da un ricambio generazionale che non garantisce ai nuovi arrivati i privilegi del passato, hanno perso il 2,9 per cento. Invece gli inquadramenti inferiori – operai e impiegati – hanno beneficiato dei rinnovi contrattuali. Mario Vavassori, fondatore dell'Osservatorio, sottolinea l'effetto-appiattimento degli stipendi, aggravato dalla scure fiscale: «I 30/35 punti di differenza tra le aziende top e le ultime corrispondono a scostamenti di 5mila euro verso l'alto e 4.500 verso il basso: non molto». A maggior ragione «se si considera che gli euro in gioco sono lordi. Quando entra in campo il cuneo, 10mila euro di differenza si riducono a meno di un terzo. Il Fisco è quel socio "occulto", che oscura le differenze che il sistema produttivo stesso tende con fatica ad affermare». Condivide Paolo Iacci, vicepresidente dell'Associazione italiana per la Direzione del personale: «La metà dei dipendenti sta tra 23 e 31mila euro di stipendio lordo, neanche il 7 per cento supera 40mila euro. Eppure le aziende, strette tra concorrenza e produttività bassa, non riescono ad alzare gli stipendi per il costo del lavoro troppo elevato: siamo tra l'incudine e il martello». Tornando al report e guardando ai risultati nei singoli settori, chi lavora nelle assicurazioni sappia che fatto 100 uno stipendio medio, sale a 114 in Sara e scende a 86,7 in Poste Vita. Nei motori, la galassia Fca sta in fondo alla graduatoria. Tra le banche, i vigilanti (Bankitalia) guardano tutti dall'alto con un Csi di 115 punti, Intesa è sulla media battuta di poco da Unicredit (100,6). Nel tessile e moda Giorgio Armani ha un occhio di riguardo per i suoi, garantendo il 12 per cento di stipendio più della media, mentre H&M si ferma a 83 punti su cento. Tra le pieghe dell'indagine emergono le fotografie di casi aziendali al centro delle cronache di questi tempi. In Alitalia, dove la difficile vertenza ha sul tavolo il costo del lavoro, gli stipendi sono poco sotto la media delle grandi imprese censite, con un indice a quota 99. Quelli dell'Enav, coi quali lavorano a stretto contatto, si issano in cima all'industry dei trasporti a 126,5. Ma all'interno dell'aviolinea ci sono grandi differenze. Per i direttori (che in media pesano 131mila euro) l'ex compagnia di bandiera è al primo posto assoluto; scivola invece nelle retrovie quando si tratta di quadri e impiegati. I tagli al top dell'Alitalia non saranno facili: i sindacati hanno già fatto presente che piloti e comandanti guadagnano meno dei colleghi in compagnie "low-cost" come EasyJet o Air Berlin. E che dire della Consip al centro del caso-corruzione che sta minando le certezze sulla Centrale unica degli acquisti pubblici? A livello complessivo i suoi dipendenti sono perfettamente in media (100,3 punti), ma la società del Tesoro rientra nel lotto delle dieci che hanno perso più terreno nel raffronto con il 2016. Una classifica al contrario, quella delle buste paga in alleggerimento, che vede al primo posto la Tenaris Dalmine, aggredita dalla violenta crisi dei processi di estrazione degli ultimi anni. Chi invece può sfregarsi con soddisfazione le mani ha domicilio lavorativo in Lamborghini, Finmeccanica o Bnp Paribas. Sono queste tre infatti le regine dei balzi in avanti delle retribuzioni.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Equo compenso per gli avvocati
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
«Sgravi e incentivi ai manager per entrare nel capitale...
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
Aim, cinquanta Ipo allettate dai Pir ma per gli operatori...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Compri un'azienda e poi vai sul listino, le Spac accelerano...
Notai, avvocati, commercialisti: «Riciclaggio, troppe...
L'Italia torna ad attrarre gli investimenti esteri, balzo del...
Bail in, Opa, voto di lista: la Consob critica ma ha le sue...
Manager, l'elogio della lentezza: «Così possono diventare...
Sul mercato debuttano i Pir, così il risparmio finanzia le Pmi
«Basta pagamenti in ritardo», Bruxelles richiama l'Italia
Dove volano le medie imprese. Le "tedesche" d'Italia sono...
Commercialisti «Per salvarsi devono accettare di associarsi»
Banche e imprese, un rapporto in salita
Specialisti nelle misure antiriciclaggio la figura più...
Banche alla prova del Tltro. Il grande rischio: perché i...
Soltanto il 24% delle aziende consente la flessibilità negli...
Il ragno della finanza
I capitali all'estero verso il rientro. Sanzioni ridotte, ma le...
Ogni giorno nascono 4 start up tech
La Borsa "alternativa" snobbata in autunno ma ora l'Aim...
Credit crunch, sale la richiesta di finanziamenti ma il...
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Banche, un consigliere su quattro non è in regola
Proteggere il risparmio dovere della democrazia
Per i revisori legali l'obbligo della informativa non...
Papa: «Npl, ogni anno si svalutano del 10%»
Private equity, la ritirata degli speculatori
Il pasticcio della riforma delle Popolari e la stretta via per...
Un universo di Pmi vive di private label. «Così miglioriamo...
Manager, tre anni di magra le retribuzioni restano al palo
Credito, resta forte la dipendenza dalle banche
Intesa Sanpaolo guadagna 500 milioni con i fondi della...
Nuove regole per le banche, aiuto per le Pmi
I nodi irrisolti che pesano sulle banche a Piazza Affari
Formazione, via al rush finale
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)