Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.628
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Soltanto il 24% delle aziende consente la flessibilità negli orari
di S.D.P.
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 6 ottobre 2014

Per molti anni ha rappresentato un tabù, ma adesso la flessibilità oraria inizia ad affacciarsi in maniera sempre più insistente anche tra le aziende italiane, convinte in passato che produttività facesse rima con orario fisso 9-18. Consentire ai dipendenti di gestire in maniera meno rigida il proprio tempo lavorativo permette infatti ai manager di poter contare su persone più motivate e partecipi e quindi più produttive. Una nuova filosofia in cui a farla da padrone sono i risultati più che gli orari di ingresso e di uscita. A spezzare l'ultimo tabù in materia ci ha pensato Richard Branson, imprenditore britannico boss del gruppo Virgin, già noto per il suo approccio rivoluzionario al business. Sul suo blog, il 64enne patron dell'azienda ha annunciato l'introduzione di una "no vacation policy" che rimuoverà i limiti in materia di ferie permettendo ai lavoratori di andare in vacanza quando vogliono e per quanto tempo desiderano. «Bisogna lasciare ai dipendenti la libertà di decidere se e quando prendersi poche ore, un giorno, una settimana o anche un mese di ferie», ha scritto. Aggiungendo che non è necessario chiedere l'approvazione dei capi, né comunicare quando si intende rientrare. L'unica condizione è che il dipendente sia consapevole al 100% che la propria assenza non arreca danno all'azienda o alla propria carriera. Il presupposto, spiega ancora l'imprenditore, «è che bisognerebbe concentrarsi sui risultati che ognuno realizza, non su quante ore o quanti giorni ha lavorato». La sperimentazione partirà dal personale di staff di Stati Uniti e Gran Bretagna «dove le policy sulle vacanze possono essere particolarmente rigide - ha specificato il magnate - per poi estenderle alle sussidiarie se il modello avrà successo. E su questo punto Branson si mostra fiducioso, ritenendo che non ci siano pericoli di abuso della policy. «Se rispetti i tuoi dipendenti e li tratti con umanità daranno il loro meglio». Modelli ai quali in Italia si guarda con sempre più attenzione, anche se il ricorso alla flessibilità oraria viene utilizzato ancora in una minoranza di aziende (circa il 24% secondo una ricerca condotta da AstraRicerche per Manageritalia). Un esempio virtuoso arriva da Cisco Italia, società specializzata nella fornitura di apparati di networking, che conta nello Stivale circa 700 dipendenti. «Adottiamo criteri di gestione del personale basati sul raggiungimento degli obiettivi e non sulla presenza in ufficio in determinati orari», spiega Francesca Merella, hr country manager. «Nel rispetto delle necessità del proprio team di lavoro, il personale può svolgere i propri compiti liberamente, sia dall'ufficio sia da altri luoghi». Una filosofia che caratterizza anche l'organizzazione di Idm (Integra document management), azienda di 700 dipendenti specializzata nei servizi per la gestione integrata dei documenti cartacei ed elettronici. «Ciascuno è tenuto a segnalare la presenza tramite la timbratura una sola volta al giorno e i ritardi non vanno recuperati», spiega Maria Mercatelli, direttore delle risorse umane della società. Con l'obiettivo di favorire la conciliazione famiglia/vita professionale e il lavoro per obiettivi. Anche nel caso del piano ferie in cui «l'azienda lascia a ciascuno la libertà di decidere quando usufruirne purché venga assicurata l'erogazione del servizio». Una cultura della flessibilità che inizia a farsi strada anche tra le Pmi, come nel caso di Contactlab, azienda di 130 dipendenti attiva nel settore del marketing digitale. «Quando sono arrivato nel febbraio dell'anno scorso la filosofia dominante era quella del più tempo passi in ufficio più sei bravo», racconta Fabio Salvi, hr manager della società. «Abbiamo così deciso di dare una svolta permettendo a uno dei nostri dipendenti di gestire in autonomia il 40% del proprio tempo di lavoro». A un'unica condizione: realizzare gli obiettivi. L'idea, se l'iniziativa avrà successo, è di renderla disponibile su scala volontaria per tutti i lavoratori. Un approccio flessibile in termini di ferie e di orario di lavoro caratterizza anche Efm, azienda di 250 dipendenti attiva nei settori del real estate e del facility management. «Per i nostri dipendenti non c'è alcuna attività di controllo dell'orario di ingresso e di uscita. Quello che ci interessa è il raggiungimento degli obiettivi», spiega Daniele Di Fausto, ceo della società. La stessa filosofia viene applicata alle ferie: «Le vacanze vengono concordate all'interno dei team di lavoro sulla base delle consegne senza bisogno dell'approvazione di un responsabile». Il risultato? Un clima pieno di energia e di voglia di fare, a tutto vantaggio della produttività.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Generi cassa oppure bruci cassa?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Pir, ci vogliono più Pmi di qualità
Crowdfunding aperto anche alle Srl e sulle piattaforme...
Popolari e casse non quotate arriva il nuovo borsino per...
Banche in pericolo, così i piccoli e medi istituti rischiano...
La Penisola tra i Paesi meno virtuosi, ma affiorano segnali...
Npl, ora la battaglia si sposta sulle sofferenze con ipoteca
Dove volano le medie imprese. Le "tedesche" d'Italia sono...
Commercialisti «Per salvarsi devono accettare di associarsi»
L'export frenato da formato bonsai delle ditte
Specialisti nelle misure antiriciclaggio la figura più...
Professionisti, in calo le iscrizioni dei giovani
La lezione di Bob Kennedy. Al di là del Pil c'è la realtà
Busta paga più ricca, il "mito" della laurea supera la prova...
Dalle grida alla giungla elettronica il business corre al...
Capitali, strategie e liti in famiglia: l'anno zero della...
Unicorni, le start-up che valgono 647 miliardi
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Egon Zehnder: «Ai manager italiani manca la capacità di...
Stipendi in crescita, il 2016 premia tutti. Chi vende vince...
«Gli apocalittici hanno torto. Ecco perché»
Industria, il mondo in mano ai robot. Ma il lavoro resisterà...
Aiuto, si è ristretta Piazza Affari. La fuga dei big affossa...
La governance passa anche dagli stipendi. Stipendi dei...
Basilea 4, slittano le nuove regole sul capitale
Poste, il risparmio tradito da quattro fondi immobiliari
La banca non risponde
Il circolo vizioso dei pagamenti: così i ritardi soffocano le...
Droni, trattori senza pilota e software: l'agricoltura 4.0...
L'Uomo dei numeri anche nelle Pmi
La globalizzazione ha fatto dietrofront
Factoring al galoppo, il business si avvicina a quota 100...
Addio ai vecchi studi di settore. Arrivano i voti ai...
Il sistema banche regge il colpo ma il piano di unione è...
Quante sofferenze si nascondono negli «incagli»?
Revisori formati. E di qualità
Revisioni contabili, battaglia campale per le Big Four della...
I costi della pubblicità possono essere iscritti nel bilancio
Certificazione di qualità così cambiano i manager delle...
Credito parallelo, una chimera: mercato specializzato cercasi
Titoli di Stato e banche, duello nella Ue
Falso in bilancio anche per le stime
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)