Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.692
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Sofferenze bancarie, quali sono le colpe dei manager allo sportello
di Massimiliano Di Pace
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 14 novembre 2016

Le sofferenze bancarie sono a livello record in Italia, quattro piccole banche sono fallite, Mps è in attesa di un salvataggio a cause delle sofferenze. La colpa è anche dei dirigenti bancari che hanno scelto male i clienti a cui affidare i finanziamenti? «I dirigenti delle banche hanno un'autonomia decisionale limitata – spiega Lando Maria Sileoni, segretario del sindacato Fabi – che non supera i 70-80mila euro, e come segnala la Banca d'Italia, su 183 miliardi di sofferenze esistenti a marzo 2016, solo 13 miliardi erano dovuti a prestiti inferiori a 75mila euro. Insomma i dirigenti bancari stanno pagando una crisi causata da altri, e più precisamente da quei 300 alti dirigenti (con redditi da 600mila euro l'anno in su), che compongono il top management delle banche italiane, che è quello che decide i prestiti più rilevanti». Concorda su questa attribuzione di responsabilità delle sofferenze Maurizio Arena, segretario aggiunto della First-Cisl, responsabile dei dirigenti bancari: «Le sofferenze nascono da diverse cause; oltre alla crisi economica, è probabile che un rapporto distorto fra top management delle banche ed il tessuto economico e politico del nostro paese abbia avuto il suo peso; poi, il ricorso a procedure standardizzate per l'erogazione di un prestito, pensate per situazioni normali e non di crisi, da una parte, e l'accentramento nei vertici dell'approvazione dei prestiti dall'altra, hanno contribuito a deresponsabilizzare le strutture territoriali delle banche (filiali e agenzie), con i risultati che conosciamo». «Questo accentramento – afferma Sileoni di Fabi – si spiega per lo sforzo di riduzione dei costi di funzionamento della banca, ma ha comportato una perdita di contatto con il territorio, che invece è funzionale a capire il merito di credito. Il fatto è che ormai le decisioni per i prestiti superiori a 300-350mila euro vengono prese dal direttore generale, o dal cda, o da comitati a livello nazionale (come il comitato fidi), che approvano le linee di credito concesse dalla banca per tutto il territorio nazionale». All'incremento delle sofferenze hanno giocato poi fattori di natura strategica. Secondo Sileoni, «laddove la banca si è esposta verso una medio-grande azienda, si è preferito non chiudere il rubinetto, nella speranza che il cliente tornasse in bonis». Per Arena, «ha influito la mancanza di meccanismi di controllo adeguati, che evitassero scelte inopportune». Se dunque il dirigente bancario medio non si occupa principalmente di prestiti, quali sono allora le sue mansioni? «Da molti anni il dirigente si occupa di coordinare le agenzie presenti in una determinata area – specifica Arena di First-Cisl – e solo quando si tratta di agenzie particolarmente prestigiose ne cura personalmente la gestione, altrimenti affidata ai quadri direttivi. Il loro ruolo è dunque quello di cinghia di trasmissione tra i vertici dell'istituto bancario e il territorio». A questo ruolo tipico se ne aggiungono altri di natura tecnica, come precisa il segretario generale di Fabi: «Sono dirigenti bancari i responsabili del personale, dei sistemi informativi, e di altre aree organizzative della banca, oltre coloro che gestiscono i rapporti con il mondo corporate e con quello dei clienti privati particolarmente patrimonializzati». Di certo, come fanno notare i rappresentanti sindacali, la figura del dirigente bancario è sempre meno frequente nel sistema italiano. A giugno 2016, secondo l'Abi, vi erano 7mila unità, ma con prospettive di ulteriori riduzioni: «Dopo che il Monte dei Paschi di Siena nel 2012 ha licenziato circa 100 dirigenti – segnala il segretario aggiunto di First-Cisl – si è sviluppata una dinamica di riduzione delle posizioni di dirigente in molte banche italiane, mentre in passato era raro il licenziamento di un dirigente». «Questa riduzione numerica delle posizioni dirigenziali è prevista nei piani industriali delle banche – rammenta Sileoni – e viene realizzata non solo tramite il licenziamento o il prepensionamento, ma anche mediante il demansionamento a quadro direttivo, con conseguente diminuzione del salario». La riduzione del 20% delle posizioni dirigenziali negli ultimi anni non ha però cambiato significativamente il rapporto numerico tra dirigenti e resto del personale bancario, visto che rispetto agli anni 2010-2011 l'occupazione nel mondo degli istituti di credito, comprese le banche di credito cooperativo, è scesa da circa 400mila a 350mila unità. Le difficoltà delle banche italiane si riverberano anche nello sviluppo delle carriere. «In passato – chiosa Arena – si diventava dirigente facendo una carriera all'interno della banca, mentre oggi è molto più difficile, e per posizioni tecniche capita con maggior frequenza che il dirigente provenga da altri settori economici. In ogni caso, quando si ottiene la dirigenza, lo stipendio tabellare è di 70mila euro». Aggiunge però Sileoni: «Un dirigente bancario medio guadagna 100mila euro lordi l'anno, e può arrivare a 200mila. Ma tenuto conto che ha una tutela occupazionale minore rispetto al quadro direttivo, sempre più spesso quest'ultimo contratta con l'istituto di credito un incremento di stipendio, in sostituzione della nomina a dirigente». Fino a 10 anni fa il dirigente bancario aveva una remunerazione superiore anche del 50% rispetto a quella del dirigente industriale, ma ormai non è più così, ammette Arena: «Inoltre, come ribadito dal contratto collettivo del 2015, il dirigente bancario può essere licenziato per il semplice venir meno del rapporto di fiducia con il datore di lavoro, o quando non raggiunge gli obiettivi, e quindi non si applica né la giusta causa, né il giustificato motivo».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Personalizzazione del logo
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Equo compenso per gli avvocati
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
«Sgravi e incentivi ai manager per entrare nel capitale...
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
Aim, cinquanta Ipo allettate dai Pir ma per gli operatori...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Compri un'azienda e poi vai sul listino, le Spac accelerano...
Notai, avvocati, commercialisti: «Riciclaggio, troppe...
L'Italia torna ad attrarre gli investimenti esteri, balzo del...
Bail in, Opa, voto di lista: la Consob critica ma ha le sue...
Manager, l'elogio della lentezza: «Così possono diventare...
Sul mercato debuttano i Pir, così il risparmio finanzia le Pmi
«Basta pagamenti in ritardo», Bruxelles richiama l'Italia
Dove volano le medie imprese. Le "tedesche" d'Italia sono...
Commercialisti «Per salvarsi devono accettare di associarsi»
Banche e imprese, un rapporto in salita
Specialisti nelle misure antiriciclaggio la figura più...
Banche alla prova del Tltro. Il grande rischio: perché i...
Soltanto il 24% delle aziende consente la flessibilità negli...
Il ragno della finanza
I capitali all'estero verso il rientro. Sanzioni ridotte, ma le...
Ogni giorno nascono 4 start up tech
La Borsa "alternativa" snobbata in autunno ma ora l'Aim...
Credit crunch, sale la richiesta di finanziamenti ma il...
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Banche, un consigliere su quattro non è in regola
Proteggere il risparmio dovere della democrazia
Per i revisori legali l'obbligo della informativa non...
Papa: «Npl, ogni anno si svalutano del 10%»
Private equity, la ritirata degli speculatori
Il pasticcio della riforma delle Popolari e la stretta via per...
Un universo di Pmi vive di private label. «Così miglioriamo...
Manager, tre anni di magra le retribuzioni restano al palo
Credito, resta forte la dipendenza dalle banche
Intesa Sanpaolo guadagna 500 milioni con i fondi della...
Nuove regole per le banche, aiuto per le Pmi
I nodi irrisolti che pesano sulle banche a Piazza Affari
Formazione, via al rush finale
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)