Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.872
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Se in Italia tanto risparmio viene sprecato la colpa è anche della finanza senza qualità
di Renato Giallombardo (partner, Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners)
Milano Finanza
Venerdì 18 maggio 2018

«I soldi ci sono ma vengono spesi male». Proviamo a dare una risposta critica e non banale allo sperpero delle risorse finanziarie pubbliche e private in Italia, che è certamente dovuto a errate scelte politiche. Sicuramente causato dalla corruzione e indubbiamente indotto dall'autoreferenzialità del sistema bancario e finanziario, nonché dai finanziamenti a pioggia e dalle politiche di investimento non selettive. Ma un peso ce l'ha anche l'assenza di una diffusa e consapevole educazione finanziaria. Al netto di tutto questo, ci sono però almeno altri tre fattori che condizionano l'impiego del capitale in Italia. Anzitutto, il gigantesco conflitto di interessi generato dall'introduzione del modello di banca universale, che ha progressivamente indotto il sistema bancario a concedere denaro sulla base delle commissioni più che sulla reale valutazione dei progetti presentati. Chiudere un deal, firmare una polizza, collocare un prodotto, approvare un investimento è stato ed ancora è molto più rilevante del cosa sia l'oggetto dell'investimento stesso o di come siano investite le risorse. È proprio sul sistema commissionale che si è avvitato il sistema finanziario. Sull'ultimo anello della catena del valore, laddove il lavoro è parte infinitesimale nella generazione del profitto. È proprio sulle commissioni versate per il collocamento dei prodotti finanziari, sull'intermediazione delle operazioni di investimento, sulla stipula di un finanziamento o di un consorzio di garanzia per una quotazione, il cuore del gigantesco conflitto di interessi endemico alla struttura della banca universale, propagatosi in sequenza anche a tutti gli altri protagonisti dell'intermediazione finanziaria. In secondo luogo, il costante flusso di esportazioni dei capitali italiani all'estero. Le risorse finanziarie private del Paese viaggiano massicciamente verso altri lidi. Nostro dovere è fermare questo ininterrotto deflusso di risorse finanziarie. Processo questo, largamente condizionato da advisor, banche internazionali e boutique finanziarie. Questi operatori determinano la rotta degli investimenti degli italiani dirottandoli su economie reali e finanziarie estere, promuovendo la sottoscrizione di fondi di investimento internazionali, preferendoli a gestori e fondi italiani, giustificando e spesso imponendo le scelte alla luce di una presunta prassi di mercato globale e di un dominante ius finanziario internazionale. Meno lavoro e commissioni più alte. La materia prima di una finanza che da troppo tempo ha perso la sostanza e la vocazione al sostegno dell'impresa e del lavoro, che non ha saputo comprendere i cambiamenti epocali dell'innovazione tecnologica e digitale e che non ha guardato al processo di rinnovamento infrastrutturale del Paese. Continuando però a prosperare sui rendimenti certi dei conti energia e dei monopoli di Stato. Un esempio. Degli 800 miliardi gestiti da enti previdenziali e assicurativi, la quasi totalità è investita all'estero su mercati e borse internazionali. Una parte meno rilevante in immobili e fondi immobiliari e meno del 3% nell'economia reale dell'Italia. Dopo aver spolpato il sistema bancario italiano, le multinazionali finanziarie provano a blindare un'altra provvista, cioè le risorse del welfare, della previdenza, della sanità. Il tutto tenendo accuratamente fuori la piccola e media impresa non quotata, i giovani, la ricerca, l'innovazione, le infrastrutture strategiche nazionali e locali, le start up e gli spin off di ricerca universitari, la robotica, la meccatronica, il medtech, l'intelligenza artificiale e il machine learning. Sono questi i campi sui quali Francia, Germania e Regno Unito investono annualmente dai 2 ai 5 miliardi di euro, mentre il nostro Paese non riesce a superare i 200 milioni. Se si vuole mettere in cantiere un programma d'investimenti per l'Italia bisogna partire anche da qui. Infine, ma non certo in ordine d'importanza, c'è da sottolineare un ulteriore aspetto: alla finanza manca qualità. E con questo s'intende che la finanza non si è mai evoluta nella sua dimensione qualitativa, schiacchiata dal Quantitative easing e dalla ricerca di tassi di rendimento a prescindere. E non basta certo evocare il bilancio sociale o l'impact investment essendo rimasta ancorata a una metrica convenzionale basata sull'interesse quale ritorno interno del capitale senza che si analizzi in alcun modo la qualità, il come siano investite le risorse e si dimostrino chiaramente i risultati sociali e il percorso di generazione di quel rendimento. Senza che quindi la misurazione della sua performance riconosca alcuna qualità. Si tratta di un aspetto cruciale che incrocia le aspettative di chi risparmia e conferisce denaro per il proprio futuro e l'obbligo di rispetto delle comunità rappresentate per chi investe.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
Professionisti, nuove opportunità dalla riforma del terzo...
Bonus piccoli stadi con sconti limitati alle ristrutturazioni
Se in Italia tanto risparmio viene sprecato la colpa è anche...
Indice di allerta nelle crisi di impresa: esiste, funziona...
Perché gli avvocati sono pagati sempre meno? Una...
La riforma che verrà: il ruolo determinante dei sindaci e...
La correzione degli errori di bilancio
Privacy, rischi da valutare subito
Fatturazione elettronica obbligatoria, l'allarme dei...
Perché i commercialisti non ci saranno più
10 motivi per assumere un manager cinquantenne
Più tempo per la formazione
Professionisti, le spine dell'equo compenso: sono più i casi...
Una chance per risollevarsi dalle crisi, le aziende chiedono...
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Imprese familiari fatturato in crescita, ma visione "a breve"
La voglia di digitale fa ripartire investimenti e credito...
La punta di diamante dell'inganno bancario
Regole e capitale, così il credito si allontana dalle Pmi...
Ai tempi del robot aumenta il valore del capitale umano
I giovani bocciano la formazione scolastica
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Imprese, manca lo spirito di squadra e così l'open...
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Consob: «Chi si quota ha ricavi più alti del 50%»
La ripresa c'è ma non si vede: «Vanno sostenuti i sogni...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Società 50-50: come superare il problema
Piccole imprese: come tirarsi fuori dai debiti con 6 consigli...
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Quanto contante si può prelevare in banca dopo il 2016?
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
Crediti deteriorati: cosa sono i Non Performing Loans (Npl)?
Quanto contante si può versare in banca dopo il 2016?
Il big bang, dieci anni dopo. Che cosa è cambiato a Wall...
Le incognite che vede la Bce
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)