Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.752
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Risk management, le aziende si attrezzano
di Luigi dell'Olio
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 19 dicembre 2016

La prima sfida riguarda la misurazione, perché il rischio è una grandezza immateriale, non percepibile al tatto. La seconda è imparare a governarlo, in modo da evitare che il panico prenda il sopravvento, con la conseguenza di tarpare le ali all'innovazione, ma anche per schivare il rischio di sottovalutazione. Bastano queste grandezze in gioco per spiegare l'importanza crescente assunta in azienda delle strategie di risk management, che appunto hanno il compito di individuare il perimetro di rischi per il business, minimizzare l'eventualità che si verifichino situazioni negative ed essere pronti a intervenire in caso di necessità. Secondo l'ultima rilevazione di LabErmSda Bocconi e Kpmg, il 73% delle società quotate a Piazza Affari ha istituito una funzione di questo genere, con un balzo in avanti del 26% rispetto ai risultati di un'analoga ricerca condotta nel 2012. Un risultato che proietta l'Italia al di sopra della media europea ed è dovuto non solo alla crescente consapevolezza dei rischi in gioco, ma anche alle regolamentazioni più stringenti sui sistemi di controllo interno e di gestione dei rischi. Dal punto di vista organizzativo le soluzioni adottate non sono ancora ottimali: solo in un quinto dei casi il mandato di enterprise risk management è attribuito a una specifica funzione, alla quale è riconosciuto il titolo di chief risk officer, nelle altre situazioni si attribuisce il mandato all'internal audit o al settore finance.
Per altro, nel 40% dei casi l'istituzione di una funzione di Erm è avvenuta nell'ultimo triennio, per cui potrebbe essere necessario ancora del tempo per affinare i meccanismi di funzionamento. Ma di positivo c'è che la situazione è in positiva evoluzione. Con la decisione di istituire la funzione responsabile di Erm, le aziende si attendono vantaggi concreti che vanno oltre il semplice perseguimento di obiettivi di conformità regolamentare. Il 78% delle aziende vede in prospettiva una migliore comprensione e gestione dei rischi, il 53% lo sviluppo di una cultura consapevole del rischio e il 42% un miglioramento nella corporate governance. La funzione di Erm è ancora però di dimensioni non significative, con risorse dedicate che solo nel 25% dei casi superano le cinque unità. Fra i compiti attribuiti ai referenti di questa funzione, il maggior carico di attività è riconducibile alla predisposizione di reporting periodici sui principali rischi (86%), alla gestione del processo di risk assessment (83%) e al monitoraggio delle azioni di trattamento per i rischi (81%). Detto della crescente consapevolezza verso il tema, può essere utile capire come queste soluzioni impattano sul business. A questo proposito arriva in supporto uno studio condotto da Cineas-Consorzio Universitario fondato dal Politecnico di Milano, sulla percezione e gestione dei rischi da parte delle medie imprese, in collaborazione con Mediobanca. Le aziende manifatturiere italiane che adottano un metodo di gestione integrato e trasversale dei rischi presentano una redditività maggiore del 38% rispetto a quelle che non dispongono di un sistema di risk management. I rischi maggiormente percepiti dagli imprenditori italiani sono quelli provenienti dal mancato rispetto di obblighi normativi, come la sicurezza sul lavoro, la responsabilità civile per difettosità del prodotto e il rispetto della normativa fiscale. Al terzo posto si trova l'area del cyber risk. I risultati che emergono dai due studi sono inequivocabili, ma il passaggio dai desiderati ai piani concreti non è sempre facile. Tra le aziende che hanno iniziato ad attuare piani di gestione dei rischi, sono tante quelle che procedono a rilento o hanno addirittura stoppato lo sviluppo dell'iniziativa di fronte alle difficoltà di integrare vecchi e nuovi sistemi. Una situazione che pone l'accento sull'importanza di rivedere a fondo l'organizzazione aziendale per evitare che gli sforzi compiuti da una parte per minimizzare i rischi vengano annacquati da altri fronti lasciati scoperti.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi chiedere garanzie ai confidi?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Avviare un business: srl o ditta individuale? Ecco le 3 cose...
Società 50-50: come superare il problema
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Fari puntati sulla responsabilità
Credito tremano i confidi. A rischio uno su tre
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Un codice, fondi e più trasparenza: parte la rivoluzione del...
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Sinai: «Attenti agli eccessi del liberismo»
Pagamenti frazionati vietati se la fattura cumulativa...
Con quale frequenza si può prelevare dal conto?
È pignorabile una polizza?
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per...
«Azioni, Bot e fondi. Serve una patente per i risparmiatori»
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Crediti deteriorati: cosa sono i Non Performing Loans (Npl)?
Money transfer, banche e giganti web a caccia di un...
Npl, la riscossa di Unicredit: ora ha il portafoglio crediti più...
Ombra, balconi e bandiere: l'Italia nella rete del Fisco inutile
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
Bini Smaghi: «In Europa serve una megabanca»
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
«Un impiego part time in banca, per i consulenti una...
Atlante, un anno nella trappola veneta: miliardi bruciati...
Banche e assicurazioni hanno ancora dei vantaggi sui...
Bail in, Opa, voto di lista: la Consob critica ma ha le sue...
Interconnessione e sensori, l'agricoltura sta al passo
Dove volano le medie imprese. Le "tedesche" d'Italia sono...
Cuneo fiscale, chi guadagna con il taglio
Credito, 225 milioni per i confidi
I revisori legali lanciano il micro credito per start up e...
L'export frenato da formato bonsai delle ditte
Busta paga più ricca, il "mito" della laurea supera la prova...
I manager che ricuciono gli strappi generazionali
Ogni giorno nascono 4 start up tech
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
I dirigenti senza lavoro sono 10 mila e le Pmi continuano...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)