Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Ripartono i mutui, la stretta è finita: le banche lanciano segnali di svolta
di Marco Panara
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 7 aprile 2014

L'annuncio della svolta è arrivato dalla televisione. Non dai telegiornali: dalla pubblicità. Dopo un paio d'anni di silenzio Unicredit e Intesa SanPaolo a livello nazionale e le popolari a livello locale, hanno cominciato a inondare il teleschermo di spot. Per vendere cosa? Mutui. E' il segnale che i soldi ci sono e si può ricominciare a prestarli. Ovviamente a cominciare da quella parte della clientela che tradizionalmente li ripaga, le famiglie, e attraverso un prodotto che contiene in se la garanzia, attraverso l'ipoteca sull'immobile il cui acquisto si va a finanziare. Il mercato dei mutui già si era mosso a partire da settembre dello scorso anno, poi nel primo trimestre del 2014 la crescita si è fatta più sostenuta e siamo tornati ai livelli del 2012. In effetti qualcosa è cambiato. Nei piani industriali che hanno accompagnato la presentazione dei bilanci 2013, quasi tutte le principali banche hanno annunciato l'intenzione di aumentare il credito, per un ammontare che di qui al 2017 dovrebbe essere di oltre 70 miliardi. Aumenteranno le erogazioni Unicredit, Intesa San Paolo, il Banco Popolare, la Popolare di Milano e tante altre, l'unica che prevede invece di ridurlo è il Monte dei Paschi, di una ventina di miliardi nel triennio. Quello che è successo, e che le campagne pubblicitarie confermano, è che alcuni degli ostacoli strutturali che avevano bloccato il sistema negli ultimi due anni cominciano ad essere rimossi. Il primo problema era il capitale, insufficiente a soddisfare i requisiti previsti da Basilea 3 e troppo basso anche per i mercati, che infatti da una parte hanno depresso i corsi dei titoli del settore e, dall'altra, hanno smesso di prestare soldi alle aziende di credito italiane (in questo caso soprattutto per la crisi dei debiti sovrani e l'elevata percezione del rischio Italia). Ora questo problema è per i grandi istituti superato e per buona parte di quelli medi in via di superamento. Nelle pipeline del sistema ci sono aumenti di capitale per circa dieci miliardi, varati per mettersi a posto in vista della revisione della qualità degli attivi e degli stress test della Bce, ma che nella sostanza rimettono il sistema in condizione di ricominciare a fare credito. Se gli aumenti deliberati saranno sufficienti lo sapremo solo quando Francoforte darà i suoi giudizi finali, ma se gli assestamenti ulteriori dovessero avere un impatto limitato, l'ostacolo rappresentato dall'adeguatezza del capitale di vigilanza dovrebbe essere superato. Il secondo problema strutturale era la liquidità. All'inizio della crisi le banche italiane a fronte di cento euro di raccolta diretta avevano 135 euro di impieghi, e la differenza era coperta da capitali internazionali raccolti sul "mercato all'ingrosso". Con la crisi dei debiti sovrani quel mercato ha chiuso i rubinetti e solo grazie ai due Ltro della Banca Centrale Europea le banche dei paesi periferici sono riuscite ad andare avanti. Le italiane sono tra quelle che hanno preso di più e al momento restituito di meno, ma la lentezza nella restituzione sembra dovuta più al fatto che prendere quei soldi da Francoforte e comprarci titoli di stato consente un guadagno sicuro e facile, piuttosto che a problemi di liquidità. Come testimonia la riduzione degli spread, la percezione dei rischi sovrani dei paesi periferici si è allentata e i mercati hanno riaperto i rubinetti. Quel gap tra raccolta diretta e impieghi si è nel frattempo ridotto dal 35 al 15 per cento circa e si ridurrà ancora, ma non è più un problema in grado di bloccare il credito. La liquidità c'è, e continuerà prevedibilmente ad esserci. Il terzo fattore della stretta creditizia è il costo del rischio, ovvero il fatto che una parte consistente dei crediti erogati non viene restituita. In un periodo di recessione molte imprese e anche molte famiglie non sono in grado di mantenere i loro impegni e le banche hanno pagato un prezzo salatissimo. Le sofferenze ammontano ormai a 160 miliardi di euro e i crediti deteriorati a 260. Ma anche qui c'è una novità: mentre le sofferenze continuano a salire, e continueranno ancora nei prossimi mesi, l'andamento dei crediti deteriorati si sta stabilizzando. Le banche sono riuscite in qualche modo a isolare la parte più rischiosa del loro attivo e cominciano a gestirlo con strumenti dedicati al fine di ridurre quella massa. Al contempo con gli ultimi bilanci hanno aumentato considerevolmente le coperture rendendo più facile la cessione di pezzi di portafoglio, aumentando così la possibilità di rendere il proprio attivo più dinamico. La conclusione è che i problemi non sono risolti completamente ma siamo sulla buona strada e ci sono gli elementi per fare delle ipotesi su quanto avverrà nei prossimi mesi. Dal lato dell'offerta si può prevedere una certa prudenza finché non si conosceranno gli esiti della revisione della qualità degli attivi e degli stress test della Bce, ma questa prudenza inciderà soprattutto sui prestiti alle imprese, mentre una maggiore apertura continuerà ad esserci nel settore dei mutui alle famiglie. La domanda sarà simmetrica: quando il ciclo economico svolta, in genere parte prima la richiesta di mutui, poi la domanda di circolante da parte delle imprese e infine la domanda di credito per investimenti. Al momento sono ripartiti i mutui e la domanda di circolante dalle imprese che esportano, per le imprese che lavorano solo sul mercato domestico dipenderà dall'evoluzione della domanda interna che al momento ancora langue. Le banche, dal canto loro, hanno una ragione importante per aumentare il credito: remunerare il capitali che hanno chiesto agli azionisti. Le banche devono tornare a guadagnare e per farlo devono spingere l'acceleratore sul loro core business che è quello di prestare denaro. Il problema è che devono imparare a farlo in modo nuovo, che implica capacità di valutazione delle imprese, dei settori e del rischio in gran parte perdute, e che richiede un diverso rapporto con le imprese. Vanno in questa direzione gli ingenti investimenti in formazione e riconversione del personale previsti nei piani industriali dei principali istituti. Intanto però il rapporto tra banche e imprese sta già cambiando. Il primo cambiamento è che le banche preferiscono lasciar fallire le aziende decotte piuttosto che tenerle a galla artificialmente al fine di non far emergere le sofferenze. Un cambiamento di mentalità determinato dai nuovi requisiti di capitale di Basilea 3 e dalla revisione della qualità degli asset della Bce, ma anche dal fatto che il sistema ormai accetta che ci siano sofferenze elevate e preferisce che siano esplicite. Il secondo cambiamento è che la banca di fronte ad aziende già molto indebitate prima di aprire di nuovo il portafoglio comincia a pretendere che sia l'imprenditore stesso a farlo, oppure - se non ha i soldi necessari - che sia disposto a condividere il controllo con altri che li abbiano. Terzo cambiamento, le banche sempre di più vogliono condividere il rischio di credito con il mercato, e spingono per questo le imprese ad utilizzare di più strumenti come le obbligazioni. Operazione peraltro necessaria anche per ridurre quel gap ancora consistente tra raccolta diretta e impieghi senza strozzare l'economia. Questi cambiamenti che sono stati determinati dalla crisi e dalle nuove regole, alla fine di un processo che sarà ancora lungo e faticoso potrebbero tuttavia consegnarci un sistema finanziariamente e anche economicamente più equilibrato. Molte aziende sono già uscite dal mercato e altre usciranno, ma quelle che resteranno in piedi dovrebbero avere più mezzi propri e, per la parte debito, essere meno dipendenti dalle banche e un po' di più al mercato. Con un ulteriore effetto: le obbligazioni sono raccolta a medio e lungo termine, più stabile quindi. Ma una raccolta a lungo termine sul mercato richiede trasparenza sulla realtà economica dell'impresa e piani industriali per il futuro. E i piani industriali li fanno i manager, che fino ad oggi nelle imprese italiane hanno avuto assai poco spazio. Potremmo scoprire che Basilea 3 e l'Unione Bancaria cambiando le banche ancora di più stanno cambiando le imprese.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Il 2018 porta in dote retribuzioni in salita per dirigenti e...
Tamburi: banche troppo generose, gli Npl una lezione
Borse, è la festa più lunga. Gli Usa macinano record e...
Whistleblowing, tutte le incognite per chi denuncia un...
L'allerta salva azienda chiede competenze forti
Bancarotta, estesa la non punibilità
La punta di diamante dell'inganno bancario
Ai tempi del robot aumenta il valore del capitale umano
«Ridurre scadenze e adempimenti così si semplifica la...
Un benefit per ogni età, così Philip Morris rivoluziona il...
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
I revisori chiedono un giusto compenso alla Pa
Così cambia il lavoro: in banca pronti allo smartworking...
Capitali, più garanzie sulla sorveglianza. La rivoluzione Ue...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Le banche centrali spiazzate di fronte all'enigma Bitcoin
Bollette più leggere, arriva l'energy manager
La ripresa c'è ma non si vede: «Vanno sostenuti i sogni...
Franchising e nuovi negozi, il commercio tradizionale...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Società 50-50: come superare il problema
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Crowdfunding per tutti i gusti, la nuova frontiera è l'equity
Bonifici sospetti verso familiari: scatta il blocco del conto
Possibile il pignoramento del conto Paypal?
Quanto contante si può prelevare in banca dopo il 2016?
Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per...
Report di sostenibilità alla prova dei numeri
Basilea 4, si cerca l'intesa entro l'anno
L'ape regina in ufficio: è vero che le donne sono più...
Il big bang, dieci anni dopo. Che cosa è cambiato a Wall...
Giovani precari, in pensione 6 anni dopo i padri
2021, la carica dei "mini ingegneri". Così i periti industriali...
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Aim, cinquanta Ipo allettate dai Pir ma per gli operatori...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
«Lo Stato ci dà troppi oneri», la rivolta dei commercialisti
Carige, la crisi sotto la Lanterna. Npl e vecchio sistema di...
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)