Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.692
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Revisori formati. E di qualità
di Ermando Bozza
Italia Oggi
Giovedì 14 luglio 2016

Obbligo specifico di formazione continua e controllo di qualità del lavoro svolto, esercitato dal ministero (ma a carico dei professionisti). Sono due delle novità rilevanti portate nello schema di dlgs che sarà oggi all'esame del Consiglio dei ministri per il sì definitivo (dopo il passaggio ieri in preconsiglio) e che ridisegna le regole che disciplinano la revisione legale dei conti. La formazione continua cui devono sottoporsi i revisori, a partire dal 1° gennaio 2017, consiste nella partecipazione a programmi di aggiornamento professionale che saranno definiti annualmente dal Ministero dell'economia e delle finanze (Mef) che devono includere, per almeno il 50%, materie caratterizzanti la revisione contabile quali la gestione del rischio e il controllo interno, i principi di revisione, la deontologia professionale, l'indipendenza e la tecnica professionale della revisione. Il periodo formativo è triennale e i crediti formativi da maturare sono almeno sessanta nel triennio con un minimo di venti per ciascun anno. L'inosservanza degli obblighi formativi può costar caro al revisore (sanzione fino a euro 2.500, si vedano Italia Oggi del 16 aprile e del 13 luglio 2016; ndr: non disponibili). L'attività formativa accreditabile potrà essere svolta o attraverso corsi a distanza erogati dal Mef, anche attraverso organismi convenzionati oppure tramite società o enti pubblici e privati accreditati dal Mef. Per essere accreditati gli enti di formazione in possesso di requisiti specifici (esperienza almeno triennale; adeguato numero di dipendenti).
Controllo di qualità. Tutti gli iscritti al registro dei revisori, anche se sindaci-revisori, aventi un incarico di revisione ai sensi del comma 2 dell'art. 2409-bis c.c. o dell'art. 2477 c.c., sono soggetti al controllo di qualità obbligatorio da parte del Mef, il cui costo è a carico dei revisori stessi. La relazione tecnica al dlgs stima una decuplicazione dell'attuale contributo (circa 26 euro). I controlli avverranno sulla base di un'analisi del rischio (dovrebbero avere maggiori probabilità di essere selezionati per primi i revisori con più incarichi) e, comunque, almeno ogni sei anni, laddove l'incarico sia ricoperto in società che superano almeno due dei seguenti limiti: 1) totale dello stato patrimoniale, 4.000.000 di euro; 2) ricavi netti delle vendite e delle prestazioni, 8.000.000 di euro; 3) numero medio di 50 dipendenti occupati durante l'esercizio. Il controllo di qualità consiste in una verifica adeguata dei documenti di revisione selezionati al fine della valutazione della conformità ai principi di revisione e ai requisiti di indipendenza applicabili, della quantità e qualità delle risorse impiegate, dei corrispettivi della revisione e per le società di revisione anche del sistema di controllo interno. Il revisore è tenuto a collaborare con l'ispettore della qualità e, in particolare, è tenuto a consentire allo stesso l'accesso ai propri locali, a fornire informazioni, a consegnare i documenti e le carte di lavoro richiesti.
Indipendenza. Viene introdotto uno specifico divieto per il revisore di ricevere regali o altri favori di natura pecuniaria e non da parte dell'ente sottoposto a revisione o da altri soggetti legati allo stesso, salvo il caso in cui il valore sia assolutamente trascurabile o insignificante. Il revisore, prima dell'accettazione dell'incarico deve valutare e documentare i rischi di indipendenza e le misure di salvaguardia adottate. Nel caso di incarichi in enti di interesse pubblico e in quelli sottoposti a regime intermedio l'incarico ha la durata di nove esercizi per le società di revisione e di sette esercizi per i revisori legale. L'incarico non può essere rinnovato o nuovamente conferito se non siano decorsi almeno quattro esercizi dalla data di cessazione del precedente incarico.
Enti sottoposti a regime intermedio. Viene introdotta una nuova categoria di enti, quelli soggetti a regime intermedio, che si aggiunge a quelli di interesse pubblico e quelli che non lo sono. Sono tali, ad esempio, le società emittenti strumenti finanziari che, anche se non quotate in mercati regolamentati sono diffusi tra il pubblico in materia, le Sgr, le Sim, gli intermediari finanziari di cui all'art. 106 del Tub. Per gli enti sottoposti a regime intermedio la revisione legale non può essere svolta dal collegio sindacale.
Sanzioni. Non è stata recepita la proposta della VI Commissione Senato di rivedere l'automatismo della responsabilità solidale tra i revisori e gli amministratori in quanto mancherebbe uno specifico criterio di delega a tal riguardo, per cui in tema di responsabilità tutto rimane invariato.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Personalizzazione del logo
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Equo compenso per gli avvocati
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
«Sgravi e incentivi ai manager per entrare nel capitale...
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
Aim, cinquanta Ipo allettate dai Pir ma per gli operatori...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Compri un'azienda e poi vai sul listino, le Spac accelerano...
Notai, avvocati, commercialisti: «Riciclaggio, troppe...
L'Italia torna ad attrarre gli investimenti esteri, balzo del...
Bail in, Opa, voto di lista: la Consob critica ma ha le sue...
Manager, l'elogio della lentezza: «Così possono diventare...
Sul mercato debuttano i Pir, così il risparmio finanzia le Pmi
«Basta pagamenti in ritardo», Bruxelles richiama l'Italia
Dove volano le medie imprese. Le "tedesche" d'Italia sono...
Commercialisti «Per salvarsi devono accettare di associarsi»
Banche e imprese, un rapporto in salita
Specialisti nelle misure antiriciclaggio la figura più...
Banche alla prova del Tltro. Il grande rischio: perché i...
Soltanto il 24% delle aziende consente la flessibilità negli...
Il ragno della finanza
I capitali all'estero verso il rientro. Sanzioni ridotte, ma le...
Ogni giorno nascono 4 start up tech
La Borsa "alternativa" snobbata in autunno ma ora l'Aim...
Credit crunch, sale la richiesta di finanziamenti ma il...
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Banche, un consigliere su quattro non è in regola
Proteggere il risparmio dovere della democrazia
Per i revisori legali l'obbligo della informativa non...
Papa: «Npl, ogni anno si svalutano del 10%»
Private equity, la ritirata degli speculatori
Il pasticcio della riforma delle Popolari e la stretta via per...
Un universo di Pmi vive di private label. «Così miglioriamo...
Manager, tre anni di magra le retribuzioni restano al palo
Credito, resta forte la dipendenza dalle banche
Intesa Sanpaolo guadagna 500 milioni con i fondi della...
Nuove regole per le banche, aiuto per le Pmi
I nodi irrisolti che pesano sulle banche a Piazza Affari
Formazione, via al rush finale
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)