Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.614
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Revisione legale, la chance del controllo di qualità
di Valeria Fazi
Il Sole 24 Ore
Lunedì 6 giugno 2016

La disciplina della revisione legale dei conti negli ultimi anni è stata oggetto di importanti modifiche. Soprattutto, l'introduzione del controllo di qualità obbligatorio rappresenta un'opportunità, prevista con l'obiettivo di infondere fiducia in chi utilizza i bilanci revisionati. Ma andiamo con ordine.
Il decreto legislativo 39/2010 (che ha recepito nel nostro ordinamento la direttiva 2006/43/Ce) ha segnato il primo passo di un percorso di regolamentazione che, pur non essendo ancora giunto a termine, ha già toccato alcune importanti tappe. In particolare, il debutto dei principi di revisione Isa Italia da parte del ministero dell'Economia (con determina del 23 dicembre 2014 del Ragioniere generale dello Stato, adottata in base agli articoli 11 e 12 dello stesso Dlgs 39), ha dato a chi svolge il lavoro di revisione riferimenti operativi che discendono direttamente dalla legge. E questo a partire dalle revisioni dei bilanci 2015: i principi Isa Italia sono entrati in vigore per le revisioni dei bilanci relativi ai periodi amministrativi iniziati dal 1° gennaio 2015, mentre solo i principi Sa Italia 250 B e Isqc Italia 1 sono in vigore dal 1° gennaio 2015.
Sul controllo di qualità, le disposizioni di riferimento sono oggi gli articoli 20, 21 e 22 del Dlgs 39/2010, il principio Isqc Italia 1 e il principio di revisione Isa Italia 220.
Le norme stabiliscono due piani di controllo e di implementazione di un sistema di qualità per la revisione legale, indipendentemente dalla grandezza o dall'importanza sul mercato dell'impresa revisionata. Su un piano, c'è il controllo esterno, previsto dall'articolo 20 del Dlgs 39/2010 e operato per gli enti non di interesse pubblico dal ministero dell'Economia e per gli enti di interesse pubblico dalla Consob. Sull'altro piano, c'è il controllo interno alla stessa struttura del revisore legale, che segue i principi Isqc Italia 1 e Isa Italia 220.
Il controllo interno, che deve essere affidato ai soggetti abilitati, riguarda sia la verifica del sistema di controllo della qualità messo a punto nelle società di revisione o negli studi professionali (secondo quanto previsto dal principio Isqqc 1 Italia), sia il controllo della qualità fatto dal professionista nell'ambito dell'incarico di revisione legale (secondo quanto previsto dal principio di revisione Isa Italia 220).
Secondo il principio Isqc Italia 1, il soggetto abilitato alla revisione deve istituire e mantenere un sistema di controllo interno della qualità che permetta di conseguire una ragionevole sicurezza che, da un lato, il soggetto abilitato alla revisione e il suo personale rispettino i principi professionali e le disposizioni di legge e regolamentari applicabili, e, dall'altro, che le relazioni emesse dal soggetto abilitato siano appropriate alle circostanze. Inoltre, l'istituzione e il mantenimento di procedure di controllo della qualità a livello di singolo incarico, secondo il principio Isa Italia 220, deve permettere al revisore di acquisire una ragionevole sicurezza che la revisione contabile sia svolta conformemente ai principi professionali e alle disposizioni di legge e regolamentari applicabili, nonché che la relazione di revisione emessa sia appropriata alle circostanze.
L'introduzione del sistema di controllo della qualità obbligatorio rappresenta un importante cambiamento a cui sono stati chiamati tutti i soggetti abilitati. Si tratta di una novità significativa, finalizzata a diffondere la cultura della qualità, per aumentare l'efficienza della revisione contabile e la fiducia degli utilizzatori dei bilanci revisionati.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi presentare la tua business idea?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Assicurazioni, il direttore finanziario diventa strategico
Le matricole di Piazza Affari crescono e battono gli indici
Npl, ora la battaglia si sposta sulle sofferenze con ipoteca
Dove volano le medie imprese. Le "tedesche" d'Italia sono...
Cuneo fiscale, chi guadagna con il taglio
Reati penali societari in forte aumento e lo studio legale...
Professionisti, in calo le iscrizioni dei giovani
La lezione di Bob Kennedy. Al di là del Pil c'è la realtà
Banche alla prova del Tltro. Il grande rischio: perché i...
Revisori legali, continua il braccio di ferro
Superstipendi dei manager: gli azionisti vogliono una stretta
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Stipendi, ecco chi paga di più
Banche, un consigliere su quattro non è in regola
Cfo, la sfida tecnologica sui big data
Per i revisori legali l'obbligo della informativa non...
Così Mani pulite ha trasformato il diritto penale...
I dirigenti senza lavoro sono 10 mila e le Pmi continuano...
Bail-in banche, fondi e Sicav si salvano ma ora spunta un...
La sfida: intercettare i desideri dei talenti
«Gli apocalittici hanno torto. Ecco perché»
«Che stamo a fa'...» e fu storia
Aiuto, si è ristretta Piazza Affari. La fuga dei big affossa...
Un universo di Pmi vive di private label. «Così miglioriamo...
Banche: nel 2016 bruciati risparmi per 15,6 miliardi di...
Poste, il risparmio tradito da quattro fondi immobiliari
Droni, trattori senza pilota e software: l'agricoltura 4.0...
Finanza, ancora questa sconosciuta. Gli italiani i meno...
Formazione, via al rush finale
Prendi l'arte e mettila negli uffici così aumenta la...
Banche, il rischio di indebolire i gruppi forti per salvare i...
Le figure dirigenziali che trovano sempre lavoro
La carica delle sofferenze: 66 miliardi sul mercato
Fare business responsabile. Il ruolo degli imprenditori
Se l'azienda non paga il Tfr è possibile chiederlo all'Inps?
Sanzioni più severe per i revisori contabili
Banche d'affari e commerciali, una separazione voluta dal...
«Bene le norme sul recupero crediti ma più equilibrio...
Credito parallelo, una chimera: mercato specializzato cercasi
Pressing sulle banche, la Svizzera non è più l'America
Azioni, obbligazioni e quotazioni grandi portafogli a rischio...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)