Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Regole e capitale, così il credito si allontana dalle Pmi. Anche quelle sane
di Marco Ferrando
Il Sole 24 Ore
Mercoledì 1 novembre 2017

Tanto, troppo credito a poche e grandi imprese che spesso non ne hanno neanche bisogno. Poco, e carissimo, a chi invece non può farne a meno. Se è vero, come ha detto ieri il ministro Padoan all'Angelicum, che «il sistema bancario sta riprendendo a finanziare l'economia», dietro ai flussi in crescita (l'Abi segnala che a settembre i prestiti a famiglie e imprese sono cresciuti dell'1,4% su base annua) c'è una divaricazione buoni-cattivi sempre più marcata. Che non fa bene nè alle imprese nè alle banche, e ora rischia di acuirsi se, come probabile, la Bce introdurrà regole ancora più severe in fatto di non performing loans.
Per ora i dati dicono che a essere innaffiate (con il credito) sono sempre le stesse piante, mentre quelle - vive - che avrebbero bisogno di essere irrigate restano all'asciutto. Basta guardare ai tassi applicati dalle banche, a livelli «infimi», come ha detto ieri il presidente Abi, Antonio Patuelli: segno che si finanzia soprattutto chi costa poco.
Il credito manicheo
Ma la conferma di quanto oggi sia manicheo il mercato del credito arriva da un'elaborazione effettuata dal Cerved per Il Sole 24 Ore, incrociando flussi, tassi e rating delle imprese finanziate. Anzitutto, emerge che la crescita degli impieghi per ora ha coinvolto solo le imprese medio-grandi (+0,6% i crediti a marzo 2017 su marzo 2016), mentre per le piccole siamo ancora al profondo rosso: -1,8% a marzo, poco meglio del -2,1% di tutto il 2016. I tassi applicati svelano una realtà ancora più amara (e inefficiente): suddivise le circa 600mila società di capitali non finanziarie italiane per le dieci classi di rating di Cerved, si scopre che oggi una grande impresa "rischiosa" (classi di rating da 6 a 10) ottiene mediamente credito a breve al 3%, esattamente la metà di quello che deve pagare una microimpresa sana. «È un'evidente imperfezione del mercato», osserva il ceo di Cerved group, Marco Nespolo. Un'imperfezione che penalizza le imprese, poco finanziate e a caro prezzo, ma pure le banche,«che faticano a scovare e affidare un asset class molto remunerativa e consistente, visto che stiamo parlando di oltre 260mila aziende».
L'equity gap
Parte dell'imperfezione si spiega con la storica difficoltà di dialogo tra banche e imprese. Ma la distanza si crea con le regole e il capitale. Su quest'ultimo versante, le banche italiane - ha ricordato ieri Patuelli - si sono ricapitalizzate per 70 miliardi negli ultimi dieci anni. Per le imprese, invece, è più dura: Vincenzo Tortorici, senior partner e managing director di The Boston Consulting Group, ha calcolato che in Italia «manca equity per un ammontare da 600 miliardi di euro in su per avere un sistema paese con struttura del capitale equilibrata e in condizioni congrue per poter accedere sistematicamente a finanza creditizia, di funzionamento e per la crescita». Una provocazione? Può essere, ma dopo le banche la via del capitale, o della «basileizzazione», è lunga e imprescindibile anche per le imprese.
La battagli sugli Npl
A tenere sempre più lontane banche e imprese sono poi le regole. E l'addendum sulle linee guida della Bce sulla gestione degli Npl non lascia presagire alcun allentamento. Il documento prevede accantonamenti automatici per i nuovi crediti deteriorati, ma la Vigilanza ha preannunciato nuovi interventi regolatori nei primi tre mesi del 2018: i più pessimisti temono l'introduzione delle svalutazioni obbligatorie anche sullo stock delle sofferenze (per l'Italia sarebbe una mannaia da decine di miliardi), i più ottimisti ritengono che la Vigilanza si riserverà di chiederle solo ad alcuni istituti. Cambia poco. Perché dietro resta una «filosofia dei controlli», l'ha definita ieri il presidente Acri, Giuseppe Guzzetti, «che presenta aspetti assai discutibili» e che soprattutto «trascura l'impatto che può avere sulle quantità di prestiti erogabili».
La questione va ben oltre l'ambito bancario, attiene alla crescita e al dibattito politico sulle regole, su cui «l'Italia è meno silente di quanto si creda», ha detto ieri Padoan e che rappresenta forse la principale sfida, vecchia e nuova, del governatore Visco.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi chiedere garanzie ai confidi?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Bancarotta, estesa la non punibilità
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La voglia di digitale fa ripartire investimenti e credito...
Torna il cottimo, ora si chiama "on demand"
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Riforma del non profit sotto esame: aspettando i decreti...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Fari puntati sulla responsabilità
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Avvocati, medici e notai, cresce la competizione con...
Consulenti finanziari autonomi al via
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Pagamento in contanti: quando si rischia
Bonifici sospetti verso familiari: scatta il blocco del conto
Possibile il pignoramento del conto Paypal?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Popolare di Bari: 70.000 azionisti truffati, l'inchiesta fa...
«Azioni, Bot e fondi. Serve una patente per i risparmiatori»
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Quanto contante si può versare in banca dopo il 2016?
Giovani precari, in pensione 6 anni dopo i padri
Le incognite che vede la Bce
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)