Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Rating, è caccia alle alternative
di Luigi dell'Olio
Italia Oggi
Lunedì 29 giugno 2015

La liquidità abbondante e a costi irrisori che circola sui mercati finanziari non arriva all'economia reale. È questo il problema intorno al quale si arrovellano gli analisti, nella convinzione che non vi potrà essere una ripresa vera e duratura fino a quando molte piccole e medie imprese si vedranno opporre il rifiuto alle richieste di finanziamenti. Una questione che chiama in causa i modelli di rating attraverso i quali le banche valutano la solidità delle imprese.
Superare Basilea. Secondo Marco Nardi, presidente di Sistema Industria (associazione di Pmi manifatturiere e dei servizi connessi alla produzione), è il momento di andare oltre la rigidità di Basilea, l'accordo internazionale siglato per evitare concessioni a rischio da parte delle banche, che di fatto, in una stagione prima recessiva e poi stagnante, sta paralizzando la loro attività nel credito. «Le banche devono capire che non potrà esservi una vera ripresa fino a che le concessioni di finanziamenti non prenderanno in considerazione anche gli elementi qualitativi delle piccole imprese, il progetto imprenditoriale e l'affidabilità dell'imprenditore».
Fatto sta che gli istituti, a loro volta soggetti a vigilanza, rispondono di avere le mani legate. Nelle scorse settimane ha generato dibattito la dichiarazione dell'a.d. di Unicredit, Federico Ghizzoni, che ha sottolineato come difficilmente il credito potrà tornare sui livelli pre crisi, puntando l'indice sui criteri sempre più restrittivi richiesti dalle autorità internazionali nella classificazione di coloro che richiedono un finanziamento.
Da più parti si lamenta la rigidità dei requisiti previsti dagli accordi di Basilea che prevedono di stilare rigide pagelle per calcolare i livelli di rischio dei richiedenti. Così, quando l'azienda si rivolge allo sportello, si vedrà proporre un tasso proporzionale al giudizio espresso nei suoi confronti. Un approccio che mette in difficoltà i sistemi imprenditoriali fortemente sbilanciati sul fronte delle piccole imprese. Come quello italiano, caratterizzato per altro da realtà a elevato indebitamento, pianificazione lacunosa e capitali non sempre solidi. Tutte caratteristiche poco consone ai parametri molto rigidi di Basilea 2.
In Usa c'è più flessibilità. Al di là dell'aspetto quantitativo, vi è poi quello qualitativo da considerare. Uno studio condotto da ricercatori dell'università Ca' Foscari di Venezia ha evidenziato che il 20% delle aziende riceve credito immeritatamente, mentre il 26% con buoni fondamentali si scontra con un rifiuto. «Questo avviene perché le regole di Basilea portano le banche a guardare alle performance dell'azienda richiedente limitatamente al breve termine», sottolinea Guido Max Mantovani, docente di Finanza aziendale presso l'ateneo veneziano e coordinatore del team di ricerca. «Dallo studio è emerso, inoltre, che i paesi che utilizzano in maniera integrale i principi di Basilea, in primis quelli dell'Europa continentale, sono più soggetti a errore. Mentre i problemi sono minori nei mercati anglosassoni, che li adottano in maniera più flessibile». Partendo da queste considerazioni, gli economisti di Ca' Foscari sono arrivati a definire un modello di rating integrato, che permette di valutare il merito di credito basandosi sulle performance delle aziende in periodo più lungo, tenendo conto degli attivi e dei rischi aziendali. «In questi primi mesi di presentazioni abbiamo riscontrato grande interesse da parte degli addetti ai lavori, con la speranza che questo aiuti a far breccia presso i decisori politici», aggiunge Mantovani.
Il circolo virtuoso non c'è ancora. Nei giorni scorsi la Banca centrale europea ha comunicato di aver collocato 73,8 miliardi di euro nella quarta operazione di Tltro, soddisfacendo interamente le richieste pervenute da 128 istituti di credito della zona euro. Una somma che si aggiunge ai 311 miliardi già concessi nelle prime tre tranche dell'operazione, che hanno visto le banche italiane assolute protagoniste con il 30% delle somme prelevate. Numeri superiori alle attese del mercato, tanto da spingere gli osservatori a parlare di una prospettiva concreta di accelerazione per l'economia europea. Infatti il programma in questione prevede che la Bce conceda agli istituti di credito dell'Eurozona prestiti a un tasso stracciato dello 0,15%, con l'impegno di questi ultimi a destinare le risorse raccolte a famiglie e imprese.
Intanto va avanti da oltre tre mesi il quantitative easing, che vede sempre la Bce iniettare liquidità nel sistema con l'obiettivo di rilanciare l'inflazione, e per questa strada sostenere i consumi e gli investimenti. Segnali incoraggianti si sono fin qui visti sul carovita (tornato al segno positivo) e sull'euro (che si è deprezzato rispetto al dollaro, favorendo l'export europeo), ma non altrettanto vale sulla trasmissione di questa liquidità verso l'economia reale. Anche a maggio i prestiti destinati al settore privato sono calati (-0,6% rispetto a dodici mesi prima), pur facendo registrare il dato migliore da due anni a questa parte.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Più tempo per la formazione
Il 2018 porta in dote retribuzioni in salita per dirigenti e...
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Il factoring corre più veloce della ripresa
Vigilanza, non scordiamoci della Consob
Un benefit per ogni età, così Philip Morris rivoluziona il...
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila...
Il futuro è l'economia circolare e l'Europa premia chi investe
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Così cambia il lavoro: in banca pronti allo smartworking...
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
Avviare un business: srl o ditta individuale? Ecco le 3 cose...
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
Robo-advisory per small e mid cap
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
L'investimento non è il gioco di chi vince ma il gioco di chi...
Il big bang, dieci anni dopo. Che cosa è cambiato a Wall...
Terzo settore, riforma in 42 passi
Il risparmio gestito corre ma non basta
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Case, niente affari in tribunale: 250mila aste senza...
Attuari, pochi e ricercatissimi: «Calcoliamo i rischi aziendali»
Aziende, la crisi dei giovani manager
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)