Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.614
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Proteggere il risparmio dovere della democrazia
di Giuseppe Maria Berruti (*)
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 6 marzo 2017

Politica ed economia sono in una condizione particolare. La divisione della politica in tutti i suoi storici agglomerati, scatena il libera tutti. E carica di responsabilità appunto politiche, decisioni che dovrebbero esaurirsi nelle specifiche sedi della amministrazione. Cosi le strategie collettive che debbono riguardare la sostituzione degli schemi novecenteschi, percepiti come inutili, con progetti che affrontino le sofferenze della democrazia, si intrecciano con indagini o con operazioni di mercato che nascono dalla libertà di iniziativa economica, ponendo conflitti innaturali, irrisolvibili. Sta emergendo con forza in questi giorni con la sparizione del modello partito. Il melting che ne deriva è la incomprensibilità. E il bisogno di capire di chiunque non abbia tempo di mettere in fila i particolari, si rifugia nelle semplificazione. Vediamo alcuni punti. Il risparmio è energia da capitalizzare, e spendere poi, per produrre economia. La proposizione suppone che le banche lo custodiscano o ed impieghino al fine di conservarlo ed aumentarlo. Perché il danaro produce naturalmente i suoi frutti, dicono le nostre leggi, mentre i tassi diventano negativi. Dunque i frutti del danaro sono la conseguenza dell'essere esso una ricchezza produttiva di altra ricchezza. Le banche hanno garantito per molto tempo questa funzione imposta dall'art 97 della Costituzione. In un'economia lenta, che procedeva secondo le tecniche e secondo i tempi della negoziazione classica di diritto privato, lo schema ha funzionato.
Poi la tecnologia delle comunicazioni ha eliminato il tempo necessario a superare lo spazio. Ha messo gli uomini tutti insieme intorno ad uno stesso computer. Le contrattazioni non hanno più dovuto attendere che l'accettazione della proposta giungesse, superando una distanza geografica, a conoscenza del proponente per perfezionare il contratto. Il tempo della riflessione, della vigilanza, della valutazione, è stato sostituito dalla ritenuta convenienza a concludere subito, e da quella a moltiplicare con la velocità il numero di contrattazioni. La velocità ha sostenuto forme contrattuali nuove. Come i derivati. Schemi nei quali l'esito di un contratto antecedente è esso stesso prodotto finanziario in quanto oggetto di scommessa. Chi acquista un titolo si cautela dal rischio della perdita acquistando un derivato che scommette su quella perdita. Para il danno possibile con poca spesa, e guadagna poco meno di quanto sarebbe stato senza la spesa del derivato se vince la scommessa principale. Perde il risparmiatore ignaro. La velocità, da sola, è l'opposto della stabilità. Di cui le democrazie hanno bisogno. Senza stabilità, che rende possibile una ragionevole prevedibilità di ciò che accade, nessun detentore di ricchezza pensa al futuro. Ma attua comportamenti difensivi ed egoistici. Le democrazie di mercato rischiano di rimanere vittime delle leggi del mercato. Che leggi non sono. Diventando incapaci di fornire agli associati una ragionevole certezza della loro vita. Le istituzioni finanziarie e quelle di regolazione e controllo dei mercati assumono in questo quadro un rilievo democratico nuovo. Soprattutto le istituzioni indipendenti, create perche il modello ministeriale è apparso nel tempo privo della autonomia necessaria a difendere valori costituzionali storicamente contesi. Il bene risparmio, tra questi, riveste una delicatezza assoluta. Per la diffusione del risparmio, e per la necessità che esso dia vita a forme di previdenza al sicuro dalle scorrerie della speculazione. L'accudimento del risparmiatore è essenziale se posto in essere da istituzioni in grado di operare in modo cogente sulle negoziazioni. La centralità delle grandi istituzioni di questa natura - Banca d Italia e Consob - richiede la capacità e la forza di normare caso per caso. Lo Stato delle programmazioni amministrative ha dato luogo in tutti i Paesi a democrazia di mercato allo Stato del mercato. Consapevole di una realtà complessa nella quale la P.A. è componente dello stesso mercato dentro il quale si creano relazioni di forza che si riconducono a quelle immediatamente politiche. Il diritto alla tutela del risparmio è un diritto di sicurezza, a non aver paura del futuro. È percezione dell'efficacia della democrazia. La insufficienza della protezione del risparmio è ricorrente. Segue ad ogni novità economica o tecnologica. L'aggressione viene prima della difesa. La adeguabilità delle regole al mutare dei rischi è l'antidoto. L'Italia come altri Paesi, deve ancora comprendere del tutto, a mio avviso, la lezione delle cose. Occorre, con assoluta umiltà di fronte alla grandezza del problema, cambiare molto.

(*) = L'autore è commissario Consob ma esprime in quest'articolo posizioni personali.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi presentare la tua business idea?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Assicurazioni, il direttore finanziario diventa strategico
Le matricole di Piazza Affari crescono e battono gli indici
Npl, ora la battaglia si sposta sulle sofferenze con ipoteca
Dove volano le medie imprese. Le "tedesche" d'Italia sono...
Cuneo fiscale, chi guadagna con il taglio
Reati penali societari in forte aumento e lo studio legale...
Professionisti, in calo le iscrizioni dei giovani
La lezione di Bob Kennedy. Al di là del Pil c'è la realtà
Banche alla prova del Tltro. Il grande rischio: perché i...
Revisori legali, continua il braccio di ferro
Superstipendi dei manager: gli azionisti vogliono una stretta
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Stipendi, ecco chi paga di più
Banche, un consigliere su quattro non è in regola
Cfo, la sfida tecnologica sui big data
Per i revisori legali l'obbligo della informativa non...
Così Mani pulite ha trasformato il diritto penale...
I dirigenti senza lavoro sono 10 mila e le Pmi continuano...
Bail-in banche, fondi e Sicav si salvano ma ora spunta un...
La sfida: intercettare i desideri dei talenti
«Gli apocalittici hanno torto. Ecco perché»
«Che stamo a fa'...» e fu storia
Aiuto, si è ristretta Piazza Affari. La fuga dei big affossa...
Un universo di Pmi vive di private label. «Così miglioriamo...
Banche: nel 2016 bruciati risparmi per 15,6 miliardi di...
Poste, il risparmio tradito da quattro fondi immobiliari
Droni, trattori senza pilota e software: l'agricoltura 4.0...
Finanza, ancora questa sconosciuta. Gli italiani i meno...
Formazione, via al rush finale
Prendi l'arte e mettila negli uffici così aumenta la...
Banche, il rischio di indebolire i gruppi forti per salvare i...
Le figure dirigenziali che trovano sempre lavoro
La carica delle sofferenze: 66 miliardi sul mercato
Fare business responsabile. Il ruolo degli imprenditori
Se l'azienda non paga il Tfr è possibile chiederlo all'Inps?
Sanzioni più severe per i revisori contabili
Banche d'affari e commerciali, una separazione voluta dal...
«Bene le norme sul recupero crediti ma più equilibrio...
Credito parallelo, una chimera: mercato specializzato cercasi
Pressing sulle banche, la Svizzera non è più l'America
Azioni, obbligazioni e quotazioni grandi portafogli a rischio...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)