Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.752
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Prestito sociale, si stringe sulla riforma
di Marco Ferrando
Il Sole 24 Ore
Mercoledì 11 ottobre 2017

Da qualunque lato lo si guardi, il dossier è di quelli pesanti: vale oltre 14,3 miliardi di euro. Sono i prestiti di migliaia di soci alle cooperative, materia assai delicata di cui il Governo si prepara a rivedere il quadro normativo di riferimento.
Alcuni recenti casi di fallimento - che hanno compromesso parte dei prestiti versati dai soci - suggeriscono di intervenire, e anche celermente. Ma al tempo stesso questo maxi-tesoretto in capo alle coop - al netto di alcuni anomali investimenti di natura prettamente finanziaria - rappresenta la spina dorsale di un pezzo importante dell'economia italiana, dunque si invoca da più parti cautela. Il Governo punta a mediare, e più che una vera e propria riforma avrebbe allo studio un pacchetto di interventi mirati, che potrebbero essere inseriti nel disegno di legge sulle false cooperative che attualmente è in discussione a Palazzo Madama: l'obiettivo, ovviamente, è quello di chiudere entro la fine della legislatura, verosimilmente entro la fine di gennaio.
Sulla necessità di rivedere le regole tutti concordano. Oltre alla politica, sono d'accordo i consumatori (Federconsumatori che ha addirittura presentato una sua proposta di legge) e le cooperative stesse, come ha ribadito Adriano Turrini, il presidente della più grande cooperativa di consumo, Coop Alleanza 3.0, su Plus 24 il 25 giugno scorso. Il problema è quanto, e come, intervenire: «C'è un'atipicità che merita di essere preservata», dice il vice ministro all'Economia, Enrico Morando, a Il Sole 24 Ore. In estate lo stesso Morando aveva indicato alcune novità imprescindibili, come ad esempio l'introduzione di un limite alle dimensioni del prestito più stringente di quello attuale (pari a cinque volte il patrimonio netto), la previsione di una soglia minima di liquidità in capo alle società cooperative, maggiori obblighi a livello di informazione e trasparenza. In pratica, alcuni interventi molto puntuali che consentano di ridurre il rischio in capo a chi presta (spesso in cambio di interessi bassi) e consentano di capire esattamente che cosa si sta facendo. Perché è un dato di fatto che talvolta chi diventa creditore, soprattutto nelle coop di consumo (i supermercati) è convinto di mettere i propri soldi in banca.
«Abbiamo concluso l'istruttoria di nostra competenza, ora il fascicolo è al Mise, che è autorità di vigilanza sulle cooperative», dice ancora Morando. Che, per esempio, è scettico di fronte a una delle ipotesi più hard, cioè quella di costituire un fondo di garanzia analogo a quello bancario: di nuovo, osserva, si rischierebbe di confondere strumenti diversi. E quindi, «servono garanzie più efficienti, non un fondo».
Ora la parola è al ministro Carlo Calenda. Che nei giorni scorsi ha ufficializzato la sua discesa in campo inviando una lettera ai presidenti delle principali associazioni di cooperative in cui si chiedono cifre aggiornate sull'ammontare dei prestiti, sulla taglia media e sull'utilizzo. Gli aggregati di fine 2015, come si vede nell'illustrazione qui a fianco (ndr: non disponibile), parlano di un totale di circa 14,3 miliardi: 12,4 dalla galassia LegaCoop (di cui 10,9 dalle coop di consumo), 976 milioni da Confcooperative, 1,1 dalle altre.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Personalizzazione del logo
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Società 50-50: come superare il problema
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Giovani e occupazione i veri numeri dell'Italia: gli over 30...
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Banche italiane più sicure: la classifica
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
L'ape regina in ufficio: è vero che le donne sono più...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Case, niente affari in tribunale: 250mila aste senza...
Ombra, balconi e bandiere: l'Italia nella rete del Fisco inutile
Banche in ritirata, più mediatori un ponte per accedere al...
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
La carica degli avvocati nei cda
Carige, la crisi sotto la Lanterna. Npl e vecchio sistema di...
I padroni stranieri del debito pubblico: 800 miliardi di euro...
Da Torino a Pescara, i confidi al capolinea si moltiplicano
Fabbriche all'estero, dietrofront grazie al robot si torna...
Come riconoscere la solidità di una banca
Banche e assicurazioni hanno ancora dei vantaggi sui...
Banche venete, scontro sugli indennizzi
Belpaese, solo il 37% "comprende" la finanza
I titoli atipici di Bagnasco, Cultrera e Sgarlata. L'Italia...
L'Italia del credito si ritira da Sud e Isole, dopo la crisi...
«Troppo poche le cartolarizzazioni così le banche bruciano...
Manager, l'elogio della lentezza: «Così possono diventare...
Crowdfunding aperto anche alle Srl e sulle piattaforme...
Nuove regole europee sulla privacy: servono 45mila esperti
Mercato sofferenze bancarie ai nastri di partenza, 60...
Dal Mise precisazioni ai revisori legali sulle cooperative
Sul mercato debuttano i Pir, così il risparmio finanzia le Pmi
Attenti a quei cinque Unicorni, startup che voleranno a...
Npl, ora la battaglia si sposta sulle sofferenze con ipoteca
E gli istituti prenotano 50 miliardi di euro, è ossigeno che...
Co-Ceo, quando a comandare sono in due
Banche alla prova del Tltro. Il grande rischio: perché i...
I capitali all'estero verso il rientro. Sanzioni ridotte, ma le...
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
Capitali, strategie e liti in famiglia: l'anno zero della...
I manager che piacciono al private equity
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)