Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.692
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Prendi l'arte e mettila negli uffici così aumenta la produttività
di Irene Scalise
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 3 ottobre 2016

L'opera che non ti aspetti in sala riunioni. Il dipinto dietro la scrivania del capo. La mostra organizzata tra i faldoni della biblioteca. Sono sempre di più le aziende, le banche e gli uffici legali che decidono di fare “Art Works”. E cioè investire nell'arte ma, soprattutto, condividere il patrimonio artistico con i propri dipendenti. Una mappatura di 160 Corporate Collection italiane è stata realizzata dall'Università Cattolica in collaborazione con Axa Art e Intesa Sanpaolo ed è stata presentata a Milano martedì 27 presso l'Aula Magna dell'Università Cattolica. Le collezioni però, spiegano in Cattolica, non è sufficiente averle ma bisogna viverle tutti assieme. Solo in questo caso ci si trova di fronte alla vera Art Works. Insomma, l'arte fa bene alle aziende, e viceversa, solo se non resta chiusa nel caveau. «C'è un mondo privato che riesce a vivere le collezioni in modo virtuoso – spiega Chiara Paolino, docente dell'Università Cattolica, che ha seguito la ricerca – circa il 30% delle realtà intervistate ci ha raccontato di fare un uso vivace del proprio patrimonio artistico, creando un felice connubio tra arte, management e valorizzazione del territorio. Sono convinti che avere dell'arte in ufficio può rafforzare il senso di appartenenza dei dipendenti ». Di più. «Ci sono realtà che scelgono l'uso dell'arte per corsi di formazione mettendo nella stessa stanza artisti, curatori e dipendenti e ottenendo grandi vantaggi sulla creatività e sul prodotto». Vediamo dunque chi colleziona in Italia. Più della metà sono realtà piccole, con meno di 50 dipendenti, mentre il 23% sono grandi strutture. Il valore medio per collezione è di 5 milioni di euro e il 53% ha scelto di avere opere di arte contemporanea. Nel 43% dei casi provengono sia da artisti italiani che internazionali. I più accaniti sono le fondazioni e gli studi professionali, seguiti a ruota da banche, aziende di costruzioni e pubbliche amministrazioni. Tutti convinti che l'arte possa contribuire alla creatività. Tra gli esempi di Art Works c'è l'azienda Elica che ha scelto di esporre la propria collezione (Fondazione Ermanno Casoli) presso la sede di Fabriano. L'obiettivo? Migliorare il clima aziendale e abituare la comunità delle persone a convivere con il contemporaneo. Anche la Collezione Corporate di Deutsche Bank risponde ai principi di Art Works. La banca tedesca ha più di 60 mila opere dislocate in circa 900 sedi nel mondo per favorire l'interazione con i dipendenti e stimolare il pensiero. In Italia è stata inaugurata una prima sezione nel 2007, presso la direzione generale della Duetsche di Milano. E' amplissima la collezione dell'Eni: 373 dipinti, 213 litografie, 30 sculture e 50 tra mobili, tappeti e oggetti d'arte. Alcune delle opere vennero destinate, fin dai tempi di Enrico Mattei, a locali, uffici e sale di rappresentanza. Negli ultimi anni il progetto “Arte a palazzo” ha avuto l'obiettivo di far conoscere a tutti autori come Casorati, Tamburi, Sironi e De Pisis. E i dipendenti, attraverso un QR code, possono leggere dal loro telefonino o tablet, tutte le informazioni sulle opere. Anche gli studi legali hanno spesso delle collezioni di pregio. Da quella dello studio inglese Simmons & Simmons, dove negli anni ottanta il partner dello studio Stuart Evans propose ai colleghi di differenziarsi dagli altri competitor attraverso l'arte contemporanea. Partendo da un budget modesto, Evans acquistò i lavori di artisti come Damien Hirst e Tracey Emin allora emergenti. Sono appassionati d'arte anche nello studio legale Nctm. Racconta l'avvocato Lorenzo Attolico: «Oltre ad avere una collezione di opere puntiamo ad aiutare i giovani con delle borse di studio per giovani artisti. Il nostro è soprattutto un lavoro di ricerca eseguito da una curatrice interna. A Milano abbiamo finanziato la ricostruzione nel Parco Sempione del Teatro Continuo di Alberto Burri che per anni era stato abbandonato ». E il vantaggio c'è anche per l'arte. Spiega Domenico Bodega, preside della facoltà di Economia della Cattolica: «Questa ricerca evidenzia che avere soluzioni adeguate e strutture specifiche per la gestione delle collezioni, dove mutuare le buone pratiche tipiche manageriali, crea un valore per la vitalità artistica della collezione stessa e per il modo di vivere l'organizzazione».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Personalizzazione del logo
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Equo compenso per gli avvocati
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
«Sgravi e incentivi ai manager per entrare nel capitale...
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
Aim, cinquanta Ipo allettate dai Pir ma per gli operatori...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Compri un'azienda e poi vai sul listino, le Spac accelerano...
Notai, avvocati, commercialisti: «Riciclaggio, troppe...
L'Italia torna ad attrarre gli investimenti esteri, balzo del...
Bail in, Opa, voto di lista: la Consob critica ma ha le sue...
Manager, l'elogio della lentezza: «Così possono diventare...
Sul mercato debuttano i Pir, così il risparmio finanzia le Pmi
«Basta pagamenti in ritardo», Bruxelles richiama l'Italia
Dove volano le medie imprese. Le "tedesche" d'Italia sono...
Commercialisti «Per salvarsi devono accettare di associarsi»
Banche e imprese, un rapporto in salita
Specialisti nelle misure antiriciclaggio la figura più...
Banche alla prova del Tltro. Il grande rischio: perché i...
Soltanto il 24% delle aziende consente la flessibilità negli...
Il ragno della finanza
I capitali all'estero verso il rientro. Sanzioni ridotte, ma le...
Ogni giorno nascono 4 start up tech
La Borsa "alternativa" snobbata in autunno ma ora l'Aim...
Credit crunch, sale la richiesta di finanziamenti ma il...
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Banche, un consigliere su quattro non è in regola
Proteggere il risparmio dovere della democrazia
Per i revisori legali l'obbligo della informativa non...
Papa: «Npl, ogni anno si svalutano del 10%»
Private equity, la ritirata degli speculatori
Il pasticcio della riforma delle Popolari e la stretta via per...
Un universo di Pmi vive di private label. «Così miglioriamo...
Manager, tre anni di magra le retribuzioni restano al palo
Credito, resta forte la dipendenza dalle banche
Intesa Sanpaolo guadagna 500 milioni con i fondi della...
Nuove regole per le banche, aiuto per le Pmi
I nodi irrisolti che pesano sulle banche a Piazza Affari
Formazione, via al rush finale
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)