Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Pochi soldi, finanza al bilancino: l'azienda nelle mani del tesoriere
di Sibilla Di Palma
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 15 dicembre 2014

La sfida più grande è riuscire a fare di necessità virtù. Con il credit crunch che non abbandona la scena, le imprese italiane sono chiamate a massimizzare le risorse finanziarie che hanno in casa, migliorando la propria visibilità agli occhi degli istituti bancari con i quali intrattengono rapporti di lungo periodo. Uno scenario che pone in primo piano l'importanza della tesoreria aziendale, chiamata quotidianamente a individuare il miglior equilibrio tra le fonti disponibili in azienda e gli impieghi sui quali investire. Infatti, nonostante l'azione straordinaria della Bce, che nei giorni scorsi ha realizzato la seconda asta di Tltro (Targeted Long Term Refinancing Operation), per indurre le banche europee a prestare denaro alle imprese, la situazione resta difficile. A settembre i prestiti alle società non finanziarie sono calati del 3,3% rispetto a un anno prima (a sua volta in calo rispetto al passato), complice l'aumento delle sofferenze bancarie, cresciute del 19,7% nel confronto a dodici mesi. In sostanza, la liquidità sui mercati finanziari non manca, ma gli istituti di credito non si fidano a prestare denaro per il timore di non vederselo restituire. La situazione è difficile soprattutto per le Pmi, per loro natura meno robuste delle grandi organizzazioni, e quindi più esposte alla congiuntura negativa. Nel 2013 i Confidi che aderiscono a Fedart (la federazione nazionale unitaria dell'artigianato, promossa da Cna, Confartigianato e Casartigiani) hanno erogato solo 5 miliardi di euro, uno in meno del 2012, e la tendenza al ribasso sta proseguendo anche nell'anno in corso. Né la situazione sembra destinata a invertirsi a breve, a leggere la stima riportata sull'ultimo Rapporto sulla stabilità finanziaria curato dalla Banca d'Italia: «I prestiti alle società non finanziarie dovrebbero diminuire anche nel 2015, seppur con un'intensità progressivamente decrescente». Se si considera che in altri Paesi europei la fase espansiva è ormai in atto da diverso tempo — pur senza raggiungere i livelli pre-crisi — emerge chiaramente la fragilità del sistema imprenditoriale italiano, incentrato sulla netta prevalenza di Pmi. «Le debolezze sistemiche riguardano la bassa dimensione del fatturato medio e la sottocapitalizzazione, l'eccessiva tempistica dei tempi di pagamento, nonché la diffusa sovraesposizione verso forme tecniche di indebitamento a breve», spiega Francesco Gatto, responsabile area finance della business school Cuoa. «Con l'arrivo della recessione, è finita la stagione dell'accesso al credito facile e la situazione si è fatta particolarmente dura. Né si può sperare in un miglioramento a breve, alla luce delle nuove regole di Basilea 3, che impongono alle banche una virtuosa maggiore patrimonializzazione, di fatto spingendole a un'ulteriore attenzione verso il rischio di credito, tale da generare una segmentazione tra imprese "meritevoli", che continueranno ad avere accesso al credito, e quelle "eccessivamente rischiose", che incontreranno invece maggiori problemi». Alla luce di questo scenario, alle aziende non resta altra strada che dedicare una maggiore attenzione alla razionalità delle scelte finanziarie. Un ragionamento che investe gli aspetti della comunicazione al mercato, ma anche la sostanza, con la necessità di un approccio più razionale alla struttura del debito e agli investimenti. Il tema prioritario diventa, quindi, assicurare una corretta gestione dei flussi di cassa per evitare affanni: «Prima ancora di chiedersi quanto credito si può ottenere, occorre comprendere la propria capacità di restituzione annua, in modo da assicurare la sostenibilità dei finanziamenti ricevuti», aggiunge Gatto. Compiti che vedono proprio la tesoreria svolgere un ruolo centrale nelle scelte aziendali, nella misura in cui riesce ad anticipare i fabbisogni e a ottimizzare le decisioni strategiche. Il fattore tempo è cruciale: «Il budget economico deve dimostrare la redditività annuale, ma il budget finanziario deve avere un dettaglio almeno mensile — spiega l'esperto —. All'interno della pianificazione finanziaria, la programmazione di tesoreria si pone l'obiettivo di prevedere la situazione di liquidità nel brevissimo termine (da pochi giorni a pochi mesi) e va rivista giornalmente». Il monitoraggio diventa quindi essenziale per evitare di fare il passo più lungo della gamba e richiede una serie di analisi, che vanno dal monitoraggio dei rischi liquidità alla definizione delle tempistiche e della modalità di incasso e pagamento, dalla gestione dei rapporti con le banche (soprattutto alla luce dell'atteso consolidamento tra le banche italiane, che potrebbe rendere più ostica la tendenza ad avere rapporti con una pluralità di istituti di credito) all'ottimizzazione del profilo rischio/rendimento della liquidità in cassa. Proprio la delicatezza e la complessità delle mansioni da svolgere spiegano l'evoluzione della tesoreria, che negli ultimi anni ha acquisito una centralità crescente negli organigrammi aziendali, trasformandosi da centro di costo in centro di servizio e, quindi, in motore per garantire valore aggiunto al business. Nelle organizzazioni più grandi vi sono team compositi che si dedicano a tempo pieno a queste attività, mentre nella realtà più piccole spesso si affida la gestione a consulenti esterni (in primis i commercialisti). A prescindere dal modello adottato, un ruolo centrale è svolto dagli applicativi informatici, che consentono di integrare il controllo di gestione tradizionale (analisi costi e marginalità) con strumenti per il monitoraggio dei flussi monetari. A patto di saperli utilizzare al meglio.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Personalizzazione del logo
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Bancarotta, estesa la non punibilità
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La voglia di digitale fa ripartire investimenti e credito...
Torna il cottimo, ora si chiama "on demand"
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Riforma del non profit sotto esame: aspettando i decreti...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Fari puntati sulla responsabilità
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Avvocati, medici e notai, cresce la competizione con...
Consulenti finanziari autonomi al via
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Pagamento in contanti: quando si rischia
Bonifici sospetti verso familiari: scatta il blocco del conto
Possibile il pignoramento del conto Paypal?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Popolare di Bari: 70.000 azionisti truffati, l'inchiesta fa...
«Azioni, Bot e fondi. Serve una patente per i risparmiatori»
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Quanto contante si può versare in banca dopo il 2016?
Giovani precari, in pensione 6 anni dopo i padri
Le incognite che vede la Bce
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)