Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Pmi a rischio con gli stress test
di Luca Orlando
Il Sole 24 Ore
Mercoledì 9 novembre 2011

Tassi di default ai massimi storici, sofferenze bancarie in corsa, indici di rischio del sistema delle imprese mai così alti. Lo scenario è ipotetico ma tutt'altro che irrealistico. E' la stima che Cerved Group ha effettuato sottoponendo il sistema delle imprese italiane ad uno stress test analogo a quello utilizzato per valutare la solidità patrimoniale delle banche.
Ci si chiede in sintesi cosa accadrebbe alle aziende italiane applicando loro lo stesso shock ipotizzato per gli istituti di credito dall'Autorità bancaria europea lo scorso luglio. Il risultato è negativo, anche se non catastrofico. L'indice di rischio stimato da Cerved Group su una scala da uno a 100, una misura predittiva del rischio medio di insolvenza, salirebbe per l'intero sistema a quota 69,7, il massimo di sempre, poco al di sopra del livello toccato nel 2009 all'apice della crisi. Il tasso di decadimento, cioè il rapporto tra nuove sofferenze del periodo e stock degli impieghi bancari, arriverebbe al 2,74%, anche in questo caso il livello massimo su base storica.
Tra 2011 e 2012 le aziende con prestiti in sofferenza, in molti casi l'anticamera del default, toccherebbero quota 34mila, il 5,4% in più rispetto allo scenario di base, per la verità già abbastanza negativo. Oltre la metà dei casi toccherebbe imprese del terziario, il 27% riguarderebbe società manifatturiere, il 19% imprese edili, una quota residuale le aziende agricole.
«Il numero delle sofferenze aggiuntive - spiega l'ad di Cerved Group, Gianandrea De Bernardis - non sarebbe elevatissimo, anche perché in un momento di crisi, dimuinuendo i prestiti, si riducono comunque le occasioni di difficoltà».
I dati principali presi in considerazione dal punto di vista macroeconomico vedono un calo del Pil italiano dello 0,1% quest'anno e dell'1% nel 2012, con tassi Euribor in crescita dal 2,8% al 3,1 per cento.
A pagare il prezzo maggiore, come prevedibile, sarebbero le imprese di dimensioni ridotte, le microaziende. In caso di scenario avverso, infatti, il grado di rischio delle aziende fino a un milione di euro di ricavi salirebbe a quota 76,2, ben oltre il picco del 2009.
Situazione diversa invece per tutte le altre classi di fatturato, dove le difficoltà aumenterebbero ma mantendendosi sempre al di sotto della soglia 2009. Situazione decisamente più tranquilla per le realtà con oltre 50 milioni di ricavi, che presentano nella peggiore delle ipotesi un indice di rischio più che dimezzato rispetto alla media globale.
Dal punto di vista dei settori la previsione Cerved vede un ampliamento del differenziale tra i comparti più solidi e quelli più fragili. In assenza di shock esterni, la rischiosità si ridurrebbe nel 2012 in modo omogeneo, lasciando però ampie differenze tra i comparti: mezzi di trasporto, sistema moda e sistema casa sono i tre ambiti più rischiosi, mentre sul versante opposto chimica, metalli ed energia presentano le performance migliori.
Nel caso invece di scenario avverso, il rischio aumenterebbe soprattutto nell'hi-tech (+3,8) e nella meccanica (+3,6), mentre in quasi tutti i settori l'incremento sarebbe compreso tra i 3 e i 3,3 punti.
«Il problema delle microimprese è reale - spiega Michele Tronconi, presidente di Sistema Moda Italia - e occorre agire per salvaguardare questa parte cruciale della filiera. I piccoli saltano anche perché da parte del sistema bancario nei loro confronti vi è un'attenzione minore. Quando è in gioco un prestito rilevante, dunque legato ad un'azienda di maggiori dimensioni, la banca è in genere disposta a trattare, concedendo dilazioni ed eccezioni. Quando a non pagare è una microimpresa l'atteggiamento è diverso». Le regole di Basilea - aggiunge - sono pro-cicliche e vanno temperate con interventi di sistema perché «è fondamentale in questa fase tutelare il nostro patrimonio manifatturiero».
«Le difficoltà del mondo della meccanica sono aumentate - racconta il presidente di Anima, Sandro Bonomi - in particolare per le imprese minori, quelle meno presenti all'estero e che contano soprattutto sul mercato interno. Ora, dopo un altro anno difficile, la sopravvivenza per molti è legata all'autonomia finanziaria, messa però a dura prova dai pagamenti ritardati e dal credito difficile».
Valutazione analoga dal mondo dei macchinari, dove il tema del credito in questo momento è cruciale. «Il nostro settore - spiega il direttore generale di Federmacchine Alfredo Mariotti - lavora su tempi lunghi e pagamenti a fine commessa. Ecco perché guardiamo con apprensione a ciò che sta accadendo sugli spread e sul costo del credito. Vi è un problema di tassi elevati ma anche un evidente razionamento, che soprattutto per le aziende di minori dimensioni è oggi difficilmente assorbibile». Tornando ai numeri Cerved resta la divaricazione tra Nord e Sud. Il Nord Est si conferma l'area con il minor rischio di insolvenza, con un indice stabile nel 2012 a quota 61. All'estremo opposto il Sud con un rischio di insolvenza pari a 73,1, in crescita di quasi due punti il prossimo anno anche in assenza di uno shock esogeno.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Procedure d'allerta con incognita i «parametri finanziari»
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Borsa e crowdfunding: così il credito è alternativo
Tamburi: banche troppo generose, gli Npl una lezione
Troppi lacci frenano il credito in Europa
Se le riunioni sono lunghe o inutili: così le aziende tagliano...
La lenta marcia dei minibond ma con i Pir potrebbero...
Lo "yoga finanziario" entra in azienda e fa aumentare...
Il factoring corre più veloce della ripresa
Regole e capitale, così il credito si allontana dalle Pmi...
I giovani bocciano la formazione scolastica
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila...
«Rotto l'equilibrio sociale, la finanza non basta più...
Sogei e il flop dello spesometro: ecco tutti i buchi nella...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
«Non abbiate paura di sbagliare il coraggio premia gli...
L'ufficio è più bello se gli impiegati aiutano i designer
Mettersi in proprio: idee e segreti. Lavoro autonomo o...
Fari puntati sulla responsabilità
Ecco i "Principi di redazione dei piani di risanamento"
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Un codice, fondi e più trasparenza: parte la rivoluzione del...
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Consulenti finanziari autonomi al via
Pagamento in contanti: quando si rischia
È pignorabile una polizza?
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
«Azioni, Bot e fondi. Serve una patente per i risparmiatori»
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
Quanto contante si può versare in banca dopo il 2016?
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Banche, ora fare chiarezza sulle modalità dei salvataggi
Carige, la crisi sotto la Lanterna. Npl e vecchio sistema di...
Notai, avvocati, commercialisti: «Riciclaggio, troppe...
La valenza politica della risorsa risparmio, in cerca di...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)