Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Approfondimenti Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.752
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Approfondimenti - Documento

È pignorabile una polizza?
a cura del sito web laleggepertutti.it
Maggio 2014

Pubblicato sul sito www.laleggepertutti.it in data 6 maggio 2014.

* * *

Il codice civile (articolo 1923) dispone che le somme dovute dall'assicuratore all'assicurato o al beneficiario non sono soggette ad azione esecutiva o cautelare. L'intangibilità delle somme dovute dall'assicuratore riguarda ogni specie di assicurazione sulla vita, sia questa a favore proprio o a favore altrui.
Il che vuol dire che le somme derivanti da polizza vita sono, pertanto, impignorabili ed insequestrabili.
Bisogna, però, fare delle precisazioni. Nel 2007 la Cassazione ha precisato che l'impignorabilità riguarda esclusivamente la disciplina civile e non tocca i casi di responsabilità penale, dove esiste invece, possibilità di sequestro preventivo. In presenza di una responsabilità penale, quindi, è possibile il sequestro della polizza. Questo principio è stato ribadito poche ore fa dalla stessa Suprema Corte (Cassazione, sentenza n. 18736 del 6 maggio 2014). Si legge nella sentenza che, in caso di evasione fiscale, anche le polizze assicurative sulla vita possono essere oggetto di sequestro preventivo. Ciò perché il divieto di sottoposizione ad azione esecutiva e cautelare, stabilito dal codice civile attiene esclusivamente alla definizione della garanzia patrimoniale a fronte della responsabilità civile e non riguarda la disciplina della responsabilità penale.
Nel 2008 si è espressa ancora la Corte di Cassazione a sezioni unite, ribadendo in linea di principio le caratteristiche di impignorabilità ed insequestrabilità della polizza vita anche in caso di fallimento.
Attenzione, però, ai limiti che tale principio incontra. Ad esempio, una polizza vita a premio unico e di importo rilevante sottoscritta da un imprenditore già debitore di una banca o dell'amministrazione finanziaria non può essere considerata impignorabile ed insequestrabile.
Ultimamente parecchie sentenze hanno posto qualche dubbio sulla impignorabilità delle polizze in particolare di quelle di natura finanziaria, posta la dubbia connotazione della loro finalità previdenziale, a favore, invece, di quella di investimento.
In altri termini il fine previdenziale di un contratto assicurativo risulta davvero presente "se la prestazione che questi è tenuto ad adempire sia esigibile e/o determinabile unicamente in ragione dell'evento della vita contemplato, e, quindi, prescinda – fatta salva l'eventuale rivalutazione annuale delle somme assicurate – dall'andamento dell'impiego delle risorse acquisite dagli assicurati sotto forma di premi".
Nella materia non vi è unitarietà di interpretazioni. La disparità di opinioni dipende da diversi parametri di valutazione quali l'evoluzione del quadro normativo relativo alla qualificazione giuridica dei prodotti, il concreto atteggiarsi della polizza finanziaria oggetto di giudizio e, infine, l'interpretazione fornita dai Tribunali di merito con riguardo alla finalità previdenziale del contratto di polizza finanziaria.
Si può affermare che il beneficio dell'impignorabilità si applica alle polizze linked anche in sede di contestazione giudiziale, laddove la connotazione finanziaria non sia tale da sradicare completamente la funzione previdenziale: è il caso delle polizze linked garantite dove la compagnia assicurativa garantisce all'assicurato la corresponsione, a titolo di rendita o di capitale, di una somma pari al premio versato, aumentata di un rendimento minimo.
Infine, occorre ricordare che la legge considera anche il caso in cui il contraente, attraverso il pagamento di premi, abbia voluto danneggiare i suoi creditori riducendo il suo patrimonio. In questo caso i creditori possono far valere i propri diritti sulle somme dovute dall'assicuratore, anche se soltanto nei limiti dell'importo dei premi corrisposti per il contratto.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
La balanced scorecard
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Fari puntati sulla responsabilità
Ecco i "Principi di redazione dei piani di risanamento"
Credito tremano i confidi. A rischio uno su tre
Robo-advisory per small e mid cap
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Sinai: «Attenti agli eccessi del liberismo»
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Banche italiane più sicure: la classifica
Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per...
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Startup: gli incubatori non sono investitori, ma formatori...
Atlante riapre la raccolta per salvare le tre Casse
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Crediti deteriorati: cosa sono i Non Performing Loans (Npl)?
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
L'investimento non è il gioco di chi vince ma il gioco di chi...
Professioni, l'equo compenso agli avvocati scatena...
Le incognite che vede la Bce
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Reddito e ruolo sociale la crisi degli avvocati
Aziende, la crisi dei giovani manager
I padroni stranieri del debito pubblico: 800 miliardi di euro...
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
Fondi pensione, patrimonio triplicato in 10 anni di riforma
«Un impiego part time in banca, per i consulenti una...
Banche e assicurazioni hanno ancora dei vantaggi sui...
Dal Mise precisazioni ai revisori legali sulle cooperative
Sul mercato debuttano i Pir, così il risparmio finanzia le Pmi
Attenti a quei cinque Unicorni, startup che voleranno a...
Banche, la via crucis del credito: la rete di errori da Mps...
Commercialisti «Per salvarsi devono accettare di associarsi»
E gli istituti prenotano 50 miliardi di euro, è ossigeno che...
Co-Ceo, quando a comandare sono in due
Tagliare con intelligenza. I nuovi manager che fanno...
Unicorni, le start-up che valgono 647 miliardi
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)