Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Pierdicchi: «Quel nostro errore sui subprime»
di Eugenio Occorsio
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 4 luglio 2011

«Come Standard & Poor's riconosciamo che nella vicenda dei mutui subprime e del mercato immobiliare americano del 2007 non siamo riusciti a valutare in pieno la severità della crisi. Ma in tutti gli altri comparti i rating hanno continuato ad essere dei buoni indicatori del rischio di credito. E comunque da allora abbiamo fatto passi da gigante come autodisciplina, indipendenza, affidabilità». Maria Pierdicchi, vicentina («anzi scledense», precisa, cioè nata a Schio), laurea alla Bocconi e Mba negli Stati Uniti, la finanza la conosce bene da molti anni. Prima di entrare nel 2003 in Standard & Poor's come amministratore delegato per l'Italia, nonché managing director per il Sud Europa, era a capo del Nuovo Mercato, l'esperimento di Nasdaq italiano che ha accompagnato tutto il boom (e la successiva crisi) della new economy. Eppure, spiega, «nella finanza non si finisce mai di imparare, la fantasia di chi inventa sempre nuovi strumenti, come appunto i subprime, è senza limiti. Dobbiamo continuamente affinare le nostre tecniche di analisi, tener conto di un'infinità di fattori e aggiungerne sempre di nuovi». Uno sforzo, questo di verificare tutte le variabili, che l'agenzia profonde prima di tutto nel rating sovrano: proprio mentre parliamo, venerdì mattina, le agenzie battono l'ennesimo monito della stessa S&P's all'Italia per gli spazi di incertezza lasciati aperti dalla manovra varata dal governo qualche ora prima. E Moody's, nel lanciare a sua volta il suo warning sul nostro paese, già all'indomani dei referendum aveva visto come elemento di debolezza il fatto che il governo non riesce a superare il vaglio popolare per molti suoi provvedimenti. Un'attenzione alle vicende italiane che ha motivato la convocazione da parte della Consob dei rappresentanti delle due agenzie per oggi, lunedì.
Voi mettete nel mirino chi emette titoli, ma a vostra volta subite un fuoco di fila di critiche: come rispondete, com'è cambiato il vostro modus operandi negli ultimissimi anni?
«Ci sono modifiche che apportiamo autonomamente e altre che ci vengono imposte dalle autorità di regolamentazione del mercato. Spesso s'incontrano: quando l'Europa, un anno fa, ci ha imposto la rotazione degli analisti per evitare i conflitti d'interesse, noi già l'avevamo avviata da due anni. E per la cosiddetta analisi retrospettiva, che avviene quando un analista lascia S&P's per andare a lavorare in un'azienda di cui prima stilava il rating, andando quindi a vedere se era stato troppo benigno negli anni precedenti, quando l'Europa l'ha disposta da noi era già pratica corrente. Detto questo, stiamo ovviamente ottemperando ai dettami comunitari e seguendo il coordinamento della Esma, la nuova agenzia di controllo europea che dovrà agire in stretto coordinamento con le autorità nazionali, presso la quale siamo in corso di registrazione, un processo lungo e articolato. Tutta la nuova normativa Ue è in fase, come dire, di rodaggio: per questo riteniamo prematuro varare già un ulteriore corpus di regole, come invece si sta valutando di fare».
Cos'è che proprio non vi va giù di questo nuovo round di norme comunitarie di cui si discute in queste settimane?
«Per esempio, oggi la regola è che le modifiche al rating vengano comunicate all'interessato, azienda o istituzione che sia, con 12 ore di anticipo. L'Europa vorrebbe portare questo preavviso a 3 giorni per i soli rating sovrani: si crea una disparità di trattamento fra emittenti diversi a seconda se sono uno stato o una corporation, senza contare che in tre giorni evitare fughe di notizie è quasi impossibile. Va a finire che anziché creare trasparenza ed efficienza si creano nuovi problemi a catena. Un altro aspetto, sempre nelle proposte della commissione, riguarda l'introduzione di un vero e proprio regime di responsabilità delle agenzie in cui qualsiasi investitore può far causa se ritiene scorretto il rating, un nuovo concetto che sarebbe introdotto. Qui è alto il rischio che si riduca la concorrenza fra agenzie di rating perché ciò scoraggerebbe nuove società a entrare nel settore, a danno della trasparenza del mercato. Il concetto di rating scorretto in sé è opinabile, perché il rating è sempre il prodotto di una valutazione soggettiva. Noi non siamo un'assicurazione, né tantomeno emettiamo delle profezie bensì solo delle previsioni. Non sono delle certificazioni né delle misure assolute di probabilità di default: sono opinioni indipendenti basate su analisi rigorose e puntuali, e come tali vorremmo che il mercato le accettasse».
Qui sta il punto: perché il mercato prende come oro colato tutto quello voi dite?
«Bisogna chiederlo agli operatori. Bè, intanto mi faccia ricordare che negli ultimi tre anni gli emittenti che noi abbiamo ritenuto investment grade hanno avuto solo lo 0,93% di insolvenze, mentre quelli giudicati speculativi del 13,9%, insomma un po' ci azzecchiamo. Ma in generale, siamo d'accordo con l'orientamento espresso anche dal Financial Stability Forum di ridurre l'eccessiva dipendenza dal rating, così come condividiamo l'opportunità di ampliare il numero di agenzie accreditate migliorando la concorrenza e le opzioni di scelta. Noi facciamo il nostro lavoro, su incarico delle entità stesse che ci chiedono il rating. Lo formuliamo secondo rigorosi criteri analitici in modo trasparente, con il nostro staff specializzato, siamo naturalmente soggetti alla legge ordinaria qualora si riscontrino anomalie o scorrettezze, oltre che sottoposti al giudizio delle varie authority di sorveglianza e regolazione. Cos'altro?».
Lei diceva "su incarico delle stesse società", o stati o enti locali che siano. Non le sembra un po' strano che chi riceve il voto sia lo stesso che ve lo chiede e lo paga?
«In passato, fino agli anni '70, il modello prevalente era investorpay, cioè erano i grandi investitori a chiedere il rating per decidere se fare o meno un acquisto. Ma anche questo sistema conteneva conflitti d'interesse e non permetteva la diffusione dei rating a chiunque, esigenza molto avvertita, per cui si è passati all'attuale sistema issuerpay che permette di diffondere il rating a tutti. Del resto, ci rifletta: chi ci assicura che chi vuole fare un acquisto piuttosto che un altro non si adoperi nell'ombra per accreditarlo e modificare i pareri? Guardi, la nostra indipendenza è provata proprio dal fatto che tante volte chi ci aveva chiesto il parere poi protesta per i contenuti di questo».
Ma in sostanza, cos'avete imparato dalla crisi?
«Moltissimo. Abbiamo rafforzato e reso più trasparenti le nostre metodologie analitiche che incorporano più elementi. Nel settore finanziario, abbiamo dato maggiore enfasi alla liquidità delle banche e al supporto del governo. Facciamo analisi di scenario più articolate, fino a veri e propri stress test, aumentando costantemente la trasparenza dei criteri. Il tutto perché riteniamo fondamentale il valore del rating, uno strumento universale semplice e utile che aiuta le imprese ad accedere al mercato dei capitali e intanto gli investitori a valutare i rischi, sempre fermo restando che il rating stesso deve essere solo uno degli strumenti che aiutano a prendere le decisioni di investimento».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Il 2018 porta in dote retribuzioni in salita per dirigenti e...
Tamburi: banche troppo generose, gli Npl una lezione
Borse, è la festa più lunga. Gli Usa macinano record e...
Whistleblowing, tutte le incognite per chi denuncia un...
L'allerta salva azienda chiede competenze forti
Bancarotta, estesa la non punibilità
La punta di diamante dell'inganno bancario
Ai tempi del robot aumenta il valore del capitale umano
«Ridurre scadenze e adempimenti così si semplifica la...
Un benefit per ogni età, così Philip Morris rivoluziona il...
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
I revisori chiedono un giusto compenso alla Pa
Così cambia il lavoro: in banca pronti allo smartworking...
Capitali, più garanzie sulla sorveglianza. La rivoluzione Ue...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Le banche centrali spiazzate di fronte all'enigma Bitcoin
Bollette più leggere, arriva l'energy manager
La ripresa c'è ma non si vede: «Vanno sostenuti i sogni...
Franchising e nuovi negozi, il commercio tradizionale...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Società 50-50: come superare il problema
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Crowdfunding per tutti i gusti, la nuova frontiera è l'equity
Bonifici sospetti verso familiari: scatta il blocco del conto
Possibile il pignoramento del conto Paypal?
Quanto contante si può prelevare in banca dopo il 2016?
Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per...
Report di sostenibilità alla prova dei numeri
Basilea 4, si cerca l'intesa entro l'anno
L'ape regina in ufficio: è vero che le donne sono più...
Il big bang, dieci anni dopo. Che cosa è cambiato a Wall...
Giovani precari, in pensione 6 anni dopo i padri
2021, la carica dei "mini ingegneri". Così i periti industriali...
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Aim, cinquanta Ipo allettate dai Pir ma per gli operatori...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
«Lo Stato ci dà troppi oneri», la rivolta dei commercialisti
Carige, la crisi sotto la Lanterna. Npl e vecchio sistema di...
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)