Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.628
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Perdite su crediti, attenzione alla natura della transazione
di Michele Brusaterra
Il Sole 24 Ore
Lunedì 21 marzo 2016

La riduzione del credito derivante da una transazione non finanziaria non genera una perdita su crediti ma bensì una sopravvenienza passiva.
In fase di "chiusura" dei bilanci relativi al passato esercizio, particolari considerazioni devono essere effettuate con riferimento alle perdite su crediti. Tali poste negative di bilancio, che possono scaturire da diverse situazioni in cui versa il debitore, seguono, in linea generale, due diversi principi da un punto di vista civilistico e da un punto di vista fiscale. Mentre, infatti, nel primo caso vige il principio della prudenza, da un punto di vista fiscale si deve avere riguardo alla "certezza" e alla "precisione" della perdita stessa.
Per presunzione di legge tali requisiti vengono automaticamente riconosciuti in presenza di determinati eventi, quali l'assoggettamento a procedure concorsuali del debitore o in presenza di ristrutturazione dei debiti, ex articolo 182-bis della legge fallimentare, o di piano attestato di risanamento, ex articolo 67, terzo comma, lettera d), sempre della legge fallimentare.
Gli elementi certi e precisi risultano sussistere, sempre per presunzione, anche in presenza di crediti di modesta entità, ossia che hanno compiuto sei mesi e che non superano l'importo di euro 5mila o 2.500 ciascuno, a seconda che si tratti o meno di imprese di rilevante dimensione, nonché in presenza di crediti prescritti o di cancellazione degli stessi dal bilancio, operata in applicazione di corretti principi contabili, come nel caso, ad esempio, di loro cessione.
Al di fuori di questi casi la deducibilità della perdita è, quindi, legata alla dimostrazione della sussistenza degli elementi certi e precisi richiesti dal testo unico delle imposte sui redditi. Al fine di verificare tali elementi, è bene innanzitutto tenere conto che la determinazione di una perdita su crediti può derivare da due processi: quello valutativo da un parte, quello realizzativo dall'altra.
Mentre nel primo caso il creditore dovrà valutare, in linea generale, se la definitività della perdita stimata deriva da situazioni di obbiettiva insolvenza non temporanea del debitore, raccogliendo, ovviamente, le pezze giustificative, nel secondo caso la perdita deriva direttamente da processi realizzativi, con la necessaria presenza di atti idonei a identificare con certezza e definitività la perdita stessa.
Tra gli atti realizzativi e che permettono la deducibilità della perdita, si possono annoverare anche le transazioni tra creditore e debitore. Proprio con riferimento a tale istituto, è necessario però individuare se si stratta di una transazione di carattere finanziario ovvero di una transazione che esula da tale contesto. Mentre la prima riguarda, infatti, la difficoltà del debitore ad adempiere alla propria obbligazione di natura pecuniaria, portando, quindi, il creditore a realizzare una vera e propria perdita su crediti, in presenza di una transazione di diversa natura, le considerazioni sono diverse. Si pensi, ad esempio, ad una transazione commerciale basata non sull'incapacità del debitore di pagare il proprio debito, ma bensì sulla non conformità di beni ceduti, rispetto a quelli ordinati, o sui servizi prestati rispetto a quelli commissionati. In tale caso la transazione esula dalle difficoltà finanziarie del cliente, e si concentra su aspetti del tutto contrattuali. In questo caso, quindi, la transazione su somme diverse da quelle vantate dal creditore non porterà ad una perdita su crediti ma bensì al realizzo di una sopravvenienza passiva, con considerazioni fiscali diametralmente opposte a quelle finora analizzate. Per questi ultimi componenti negativi di reddito, infatti, non si deve avere riguardo alle norme contenute nel comma 5, dell'articolo 101 del Tuir, ma bensì al precedente comma 4, che non prevede particolari criteri o limiti per il riconoscimento della loro deducibilità.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi chiedere credito alla banca?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Pir, ci vogliono più Pmi di qualità
Crowdfunding aperto anche alle Srl e sulle piattaforme...
Popolari e casse non quotate arriva il nuovo borsino per...
Banche in pericolo, così i piccoli e medi istituti rischiano...
La Penisola tra i Paesi meno virtuosi, ma affiorano segnali...
Npl, ora la battaglia si sposta sulle sofferenze con ipoteca
Dove volano le medie imprese. Le "tedesche" d'Italia sono...
Commercialisti «Per salvarsi devono accettare di associarsi»
L'export frenato da formato bonsai delle ditte
Specialisti nelle misure antiriciclaggio la figura più...
Professionisti, in calo le iscrizioni dei giovani
La lezione di Bob Kennedy. Al di là del Pil c'è la realtà
Busta paga più ricca, il "mito" della laurea supera la prova...
Dalle grida alla giungla elettronica il business corre al...
Capitali, strategie e liti in famiglia: l'anno zero della...
Unicorni, le start-up che valgono 647 miliardi
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Egon Zehnder: «Ai manager italiani manca la capacità di...
Stipendi in crescita, il 2016 premia tutti. Chi vende vince...
«Gli apocalittici hanno torto. Ecco perché»
Industria, il mondo in mano ai robot. Ma il lavoro resisterà...
Aiuto, si è ristretta Piazza Affari. La fuga dei big affossa...
La governance passa anche dagli stipendi. Stipendi dei...
Basilea 4, slittano le nuove regole sul capitale
Poste, il risparmio tradito da quattro fondi immobiliari
La banca non risponde
Il circolo vizioso dei pagamenti: così i ritardi soffocano le...
Droni, trattori senza pilota e software: l'agricoltura 4.0...
L'Uomo dei numeri anche nelle Pmi
La globalizzazione ha fatto dietrofront
Factoring al galoppo, il business si avvicina a quota 100...
Addio ai vecchi studi di settore. Arrivano i voti ai...
Il sistema banche regge il colpo ma il piano di unione è...
Quante sofferenze si nascondono negli «incagli»?
Revisori formati. E di qualità
Revisioni contabili, battaglia campale per le Big Four della...
I costi della pubblicità possono essere iscritti nel bilancio
Certificazione di qualità così cambiano i manager delle...
Credito parallelo, una chimera: mercato specializzato cercasi
Titoli di Stato e banche, duello nella Ue
Falso in bilancio anche per le stime
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)