Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Perché il credito non è tutto uguale
di Edoardo De Biasi
Il Sole 24 Ore
Sabato 29 ottobre 2011

Cento milioni di crediti industriali concessi all'Eni o a Luxottica sono rischiosi come cento milioni di obbligazioni derivate da un pacco di mutui immobiliari dati a-chissà-chi? Una banca italiana esposta a un rischio-derivati per il 10% del proprio capitale di base ha bisogno di rafforzare i suoi coefficienti patrimoniali come una banca tedesca il cui rischio-strutturati pesa per più del 50% del suo Tier 1 Capital (il cuscinetto di capitale che serve ad assorbire perdite impreviste)?
L'accordo Ue sulla ricapitalizzazione delle banche e soprattutto le stime preliminari dell'Eba sui fabbisogni di nuovi mezzi hanno provocato forti critiche da parte delle comunità bancaria italiana. I portavoce più polemici sono stati Giuseppe Guzzetti, presidente della Fondazione Cariplo e grande azionista di Intesa Sanpaolo, Carlo Fratta Pasini e Alessandro Azzi, i due leader del grande e piccolo credito cooperativo nazionale.
L'oggetto del contendere è noto. Quanto è attendibile quest'ennesimo stress test condotto dalla nuova authority bancaria Ue, presieduta dall'italiano Andrea Enria? E' corretto alzare, subito e indiscriminatamente, l'asticella del Core Tier 1 al 9%? Le banche italiane hanno davvero bisogno di circa 15 miliardi, anticipando gli obiettivi di rafforzamento patrimoniale che Basilea 3 graduava nell'arco dell'intero decennio? Dare una risposta definitiva non è facile ma l'impressione è che le decisioni dell'authority Ue siano state troppo influenzate dalle lobby finanziarie anglosassoni. Questa considerazione è confermata da un'analisi dei bilanci 2010 del credito dell'eurozona. Il tendenziale azzardo morale del banchiere che cerca anzitutto l'extra-profitto speculativo sui mercati è stato infatti trattato meglio rispetto all'attività creditizia tradizionale che consiste nel raccogliere (e tutelare) il risparmio delle famiglie e finanziare le imprese produttive, l'occupazione, la crescita. Il sistema bancario tedesco, tanto per fare un esempio, vede pesare per oltre il 60% sul suo Tier 1 Capital il rischio in strumenti finanziari contabilizzati (come i Cdo, gli Abs, pronti contro termine strutturati).
Bene: il rischio comparato del sistema bancario italiano a fine 2010 era meno di un quarto di quello tedesco (16%) e poco più di un terzo di quello medio aggregato francese (45%).
Ma c'è dell'altro. La prevalente esposizione delle banche italiane verso le imprese è stata certificata nell'ultimo anno da un revisore d'eccezione: la Banca d'Italia di Mario Draghi. Decine e decine di ispettori sono stati sguinzagliati per un'operazione di pulizia simultanea dei portafogli "corporate" di tutti le maggiori gruppi del Paese. Su quella base-dati il prossimo presidente della Bce, lo scorso febbraio, ha sollecitato una ricapitalizzazione del sistema che ha visto una risposta estesa e in tempo reale (da Intesa Sanpaolo fino all'operazione annunciata ieri dalla Popolare di Milano). La Germania del 2011 resta invece quella contro la quale l'allora commissario Ue al'Antitrust, Mario Monti, condusse una battaglia di "par condicio di mercato", chiedendo che venisse tolta la garanzia dello Stato alle Landesbanken e Sparkassen che già folleggiavano in derivati perché si sentivano le spalle coperte.
Chi, però, difende l'operato dell'Eba punta l'indice sull'incognita-Italia. Il sistema bancario italiano, l'unico a non aver accusato fallimenti e a non aver svenato il bilancio pubblico in salvataggi, soffre del rischio sovrano e cioè i titoli di Stato, quelli l'Europa vuole che siano contabilizzati "mark-to-market". Con due effetti immediati. Il primo è l'ennesima penalizzazione di quelle banche che tengono in portafoglio quote rilevanti di titoli domestici di un Paese sotto pressione speculativa (primo fra tutte l'Italia). Il secondo è che gli istituti non virtuosi di un Paese solido (è il caso della Germania e della Francia) possono perfino registrare plusvalenze utili a compensare perdite speculative.
E proprio qui sorge un nuovo problema fondamentale. Imporre il mark-to-market sui titoli sovrani significa mettere in discussione (in misura implicita, ma non per questo meno insidiosa) la solvibilità del Paese emittente. Una valutazione che non dovrebbe affidata a tecnici ma dovrebbe essere inserita nel quadro politico generale volto a sostenere la difesa dell'euro. Senza dimenticare che questa misura ha conseguenze rivelanti anche nella capitalizzazione delle banche italiane. E fortuna vuole che il depositante italiano, ormai, abbia capito che una "banca che cade in Borsa" non è sinonimo di banca in difficoltà. Come, al contrario, ci insegna il fallimento dell'americana Lehman, l'esplosione dell'olandese Abn Amro. O più recentemente lo spezzatino della franco-belga Dexia.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Bancarotta, estesa la non punibilità
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La voglia di digitale fa ripartire investimenti e credito...
Torna il cottimo, ora si chiama "on demand"
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Riforma del non profit sotto esame: aspettando i decreti...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Fari puntati sulla responsabilità
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Avvocati, medici e notai, cresce la competizione con...
Consulenti finanziari autonomi al via
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Pagamento in contanti: quando si rischia
Bonifici sospetti verso familiari: scatta il blocco del conto
Possibile il pignoramento del conto Paypal?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Popolare di Bari: 70.000 azionisti truffati, l'inchiesta fa...
«Azioni, Bot e fondi. Serve una patente per i risparmiatori»
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Quanto contante si può versare in banca dopo il 2016?
Giovani precari, in pensione 6 anni dopo i padri
Le incognite che vede la Bce
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)